Anno 7°

mercoledì, 23 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Stop al cibo anonimo, Coldiretti: “A Natale scegliamo i prodotti locali e occhio all’etichetta”

lunedì, 10 dicembre 2018, 11:14

Stop al cibo anonimo. Anche il sindaco di Capannori e presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini firma la petizione di Coldiretti promossa insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. L’occasione è stato il convegno organizzato in collaborazione con l’associazione comitato crescita sociale Verciano e comune di Capannori che si è tenuto domenica 9 dicembre (dalle ore 16.00) presso la Chiesa Monumentale di Santo Stefano a Capannori (Lu). Menesini si aggiunge all’adesizione di altri sindaci, amministratori e cittadini, migliaia fino ad oggi, che hanno aderito all’iniziativa.

La principale organizzazione agricola della provincia di Lucca proseguirà, per tute le festività tra mercati, punti Campagna Amica ed uffici zona, a raccogliere le firme per arginare la diffusione, sulle nostre tavole, di alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano gli scandali alimentari globali dell’ultimo decennio che si sono propagati rapidamente a livello planetario per la mancanza di trasparenza, dal latte alla melamina dalla Cina del 2008 che ha provocato vittime tra i bambini allo scandalo mondiale sulla carne avariata esportata dal Brasile nel 2017. Coldiretti chiede semplicemente trasparenza e tracciabilità, elementi che i prodotti a marchio Campagna Amica e a filiera corta garantiscono: “A Natale non facciamo errori – spiega Andrea Elmi, Presidente Coldiretti Lucca – ed acquistiamo solo prodotti sicuri, trasparenti, con etichetta, magari dai produttori agricoli, magari nei mercatini degli agricoltori a marchio Campagna Amica. E’ l’unico modo per avere la certezza matematica di mettere nel piatto prodotti locali ed italiani e nel caso delle festività confezionare cesti e cadeau agroalimentare del territorio”.

Le maggiori preoccupazioni sono proprio determinate dalla difficoltà di rintracciare rapidamente i prodotti a rischio per toglierli dal commercio con un calo di fiducia che provoca il taglio generalizzato dei consumi che spesso ha messo in difficoltà ingiustamente interi comparti economici, con la perdita di posti di lavoro. L’esperienza di questi anni dimostra l’importanza di una informazione corretta con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine nazionale dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti. Secondo una ricerca di Beuc (l’organizzazione europea dei consumatori) il 70% dei cittadini europei (82% in Italia) vuole conoscere da dove viene il cibo sulle loro tavole, che diventa 90% nei casi di derivati del latte e della carne. “L’obiettivo della petizione – spiega ancora Elmi - è dare la possibilità a livello europeo di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata anche da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso. La petizione chiede infine – conclude il Presidente di Coldiretti - di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell’intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare”. 

Il sito per sottoscrivere l’iniziativa è: www.eatoriginal.eu. La petizione può essere firmata anche negli uffici Coldiretti in provincia di Pisa ed in tutta la Toscana.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 23 gennaio 2019, 20:22

Bando deserto per il Carmine, Confartigianato: "Lo avevamo previsto"

Confartigianato boccia l'amministrazione comunale all'indomani della gara per il mercato del Carmine andata desolatamente vuota: "Se il comune avesse chiesto consiglio, a quest'ora sarebbe tutto a posto"


mercoledì, 23 gennaio 2019, 16:19

Lucca Crea: il Balilla è vitale per il festival Lucca Comics & Games

Lucca Crea interviene sul dibattito in merito ai Comics e lo fa bocciando ogni ipotesi di trasferimento della manifestazione dall'ex Campo Balilla


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 23 gennaio 2019, 12:52

Settimana edilizia sostenibile, due nuovi appuntamenti

La settimana sull’edilizia sostenibile, organizzata da Cna Costruzioni e da Cna Istallazioni Impianti di Lucca, che si sta tenendo a Lucense, prosegue con due incontri pomeridiani sul futuro delle modalità di costruzione


mercoledì, 23 gennaio 2019, 09:55

All’Informagiovani un incontro sul servizio civile

Domani, giovedì 24 gennaio, alle 16.30 nei locali dell’Informagiovani del comune di Lucca, al centro culturale Agorà, si terrà un incontro informativo sui bandi del servizio civile, sia a livello nazionale che regionale, attualmente aperti e di prossima scadenza


martedì, 22 gennaio 2019, 15:52

Mercato del Carmine: l'amministrazione a lavoro per reperire risorse da destinare a nuovi interventi di ristrutturazione

Si sono chiusi martedì 15 gennaio i termini dell'avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse per la concessione e valorizzazione del Mercato del Carmine. Nessun soggetto privato ha risposto all'avviso e adesso l'amministrazione comunale sta già lavorando a un “piano B”, che preveda il recupero di nuove risorse...


martedì, 22 gennaio 2019, 11:23

Reddito di cittadinanza, si mobilita l'Anmic di Lucca

Il presidente provinciale Salvatore Piliero sottolinea come con questo decreto l'esecutivo deluda le aspettative di migliaia di invalidi civili che attendevano legittimamente l'adeguamento del magro assegno pensionistico che ammonta a soli 285 euro mensili