Anno 7°

giovedì, 27 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Stop al cibo anonimo, Coldiretti: “A Natale scegliamo i prodotti locali e occhio all’etichetta”

lunedì, 10 dicembre 2018, 11:14

Stop al cibo anonimo. Anche il sindaco di Capannori e presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini firma la petizione di Coldiretti promossa insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. L’occasione è stato il convegno organizzato in collaborazione con l’associazione comitato crescita sociale Verciano e comune di Capannori che si è tenuto domenica 9 dicembre (dalle ore 16.00) presso la Chiesa Monumentale di Santo Stefano a Capannori (Lu). Menesini si aggiunge all’adesizione di altri sindaci, amministratori e cittadini, migliaia fino ad oggi, che hanno aderito all’iniziativa.

La principale organizzazione agricola della provincia di Lucca proseguirà, per tute le festività tra mercati, punti Campagna Amica ed uffici zona, a raccogliere le firme per arginare la diffusione, sulle nostre tavole, di alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano gli scandali alimentari globali dell’ultimo decennio che si sono propagati rapidamente a livello planetario per la mancanza di trasparenza, dal latte alla melamina dalla Cina del 2008 che ha provocato vittime tra i bambini allo scandalo mondiale sulla carne avariata esportata dal Brasile nel 2017. Coldiretti chiede semplicemente trasparenza e tracciabilità, elementi che i prodotti a marchio Campagna Amica e a filiera corta garantiscono: “A Natale non facciamo errori – spiega Andrea Elmi, Presidente Coldiretti Lucca – ed acquistiamo solo prodotti sicuri, trasparenti, con etichetta, magari dai produttori agricoli, magari nei mercatini degli agricoltori a marchio Campagna Amica. E’ l’unico modo per avere la certezza matematica di mettere nel piatto prodotti locali ed italiani e nel caso delle festività confezionare cesti e cadeau agroalimentare del territorio”.

Le maggiori preoccupazioni sono proprio determinate dalla difficoltà di rintracciare rapidamente i prodotti a rischio per toglierli dal commercio con un calo di fiducia che provoca il taglio generalizzato dei consumi che spesso ha messo in difficoltà ingiustamente interi comparti economici, con la perdita di posti di lavoro. L’esperienza di questi anni dimostra l’importanza di una informazione corretta con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine nazionale dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti. Secondo una ricerca di Beuc (l’organizzazione europea dei consumatori) il 70% dei cittadini europei (82% in Italia) vuole conoscere da dove viene il cibo sulle loro tavole, che diventa 90% nei casi di derivati del latte e della carne. “L’obiettivo della petizione – spiega ancora Elmi - è dare la possibilità a livello europeo di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata anche da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso. La petizione chiede infine – conclude il Presidente di Coldiretti - di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell’intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare”. 

Il sito per sottoscrivere l’iniziativa è: www.eatoriginal.eu. La petizione può essere firmata anche negli uffici Coldiretti in provincia di Pisa ed in tutta la Toscana.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 26 giugno 2019, 14:23

Cgil, Cisl e Uil: "Degenza chirurgica multispecialistica, tagliati 15 posti letto. Ennesima vergogna all'ospedale San Luca"

Le funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil di Lucca: "Serve solo a sanare la cronica assenza di personale. Scelta che rafforza lo Stato di agitazione"


mercoledì, 26 giugno 2019, 11:55

Fondazione Crl, aperto il bando "Beni Culturali"

Aperto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca il “Bando Beni Culturali” per l’attribuzione di contributi 2019-2021, che è rivolto a soggetti pubblici e privati e ha per obiettivo il sostegno a progetti di restauro e valorizzazione di beni culturali sottoposti alla tutela della Soprintendenza competente ai sensi del D.Lgs.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 26 giugno 2019, 00:25

La sezione di Lucca di A.I.L. compie 20 anni

Vent’anni dopo. Non si parla del celebre romanzo bis della trilogia dei moschettieri di Dumas, ma dell’anniversario dell’A.I.L. a Lucca


martedì, 25 giugno 2019, 12:02

Assemblea annuale per Confartigianato Imprese Lucca

Ieri, presso la sala riunioni della Confartigianato di Lucca sita in Viale Castracani trav. IV, 84 località Arancio, si è svolta l’Assemblea Generale Annuale dei Delegati della Confartigianato Imprese Lucca, tenuta dalla Presidente, dott.ssa Michela Fucile insieme al Direttore, Roberto Favilla


martedì, 25 giugno 2019, 10:00

Serinper si amplia e assume, ma non trova dipendenti: "I giovani, sognatori "spaventati" conquistati da idoli social"

A raccontare l'ennesimo paradosso tutto italiano è Enrico Benassi, responsabile del personale della cooperativa Serinper, società che dal 2010 si dedica al servizio di persone con disagi sociali, relazionali ed affettivi di tutte le età con 13 strutture aperte nelle province di Massa Carrara e Lucca fra comunità educative e...


lunedì, 24 giugno 2019, 17:43

Azienda USL Toscana nord ovest: "Disponibilità fin da subito ad incontrare i sindacati"

In merito alla questione del personale sollevata dai sindacati, l’Azienda USL Toscana nord ovest conferma che rispetto al 31 dicembre 2018 sono in servizio 83 infermieri e operatori socio sanitari (OSS) in più, vista la necessità di coprire le uscite previste per la quota 100 ed il relativo smaltimento delle...