Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

"Tensione nel carcere di Lucca"

sabato, 29 dicembre 2018, 17:08

La rivolta di pochi giorni fa dei detenuti nel carcere di Trento con devastazioni, feriti tra il personale di Polizia Penitenziaria e danni ingenti alle strutture penitenziarie, mettendo a rischio l’ordine e la sicurezza, sta innescando azioni emulative in vari istituti penitenziari della regione toscana e non solo. Trento era un carcere modello per cui nessun motivo poteva giustificare una protesta di tale portata. Da ieri però, anche il carcere di Lucca è sotto prevaricazione di prepotenze da parte di fazioni di detenuti di varie etnie con incendi di celle, devastazioni, danneggiamenti vari e con tre poliziotti penitenziari che sono dovuti ricorrere a cure sanitarie presso l’ospedale ormai è un bollettino di guerra per gli infortuni. Né da comunicazione il segretario generale regionale della UIL-PA Polizia Penitenziaria Eleuterio Grieco.

Il fenomeno di tali azioni - prosegue - violente da parte dei detenuti, denota in primis una riluttanza verso le Istituzioni e potrebbero racchiudere messaggi comunicativi da far giungere non si sa a chi e per quali ragioni. Il carcere “emette comunicazione” e se non colte e gestite con intelligenza, potrebbero portare a seri e gravi problematiche sia per la sicurezza all’interno delle strutture penitenziarie come già accaduto ma anche all’esterno come l’ordine pubblico.

Aggiunge Grieco: Le politiche della sicurezza messe in campo da questo governo attraverso il ministro degli interni, non possono non tener conto poi di quella che è la detenzione e la sicurezza interna delle carceri, il ministro della giustizia si svegli perché le due cose devono evolversi a unisono, e troppo facile arrestare persone e metterle in carcere quando poi lo stesso ministro della giustizia sa che vi è sovraffollamento, mancano uomini e mezzi e molte delle strutture sono fatiscenti, dopo le scuse al corpo di polizia penitenziaria servono fatti concreti. Le assunzioni annunciate in questi giorni nel Corpo di Polizia Penitenziaria non colmeranno la cronica mancanza di personale essendo insufficienti persino a colmare chi andrà in pensione a fine anno. In Toscana-Umbria mancano 331 unità di polizia penitenziaria di cui 219 agenti, 180 ispettori e 249 sovrintendenti vi sono carceri senza Direttori stabili da qualche tempo stessa identica cosa per i comandanti di reparto, esempio è la C.R. di S. Gimignano manca totalmente oppure Firenze Sollicciano che è gestito da personale in missione, ora basta con i giochi di palazzo bisogna assegnare definitivamente le figure che devono amministrare e gestire le carceri.. il personale non può essere abbandonato a se stesso.

Conclude Grieco: Un ringraziamento va al personale di Polizia Penitenziaria di Lucca che in questi giorni nonostante le difficoltà come silenziosi protagonisti che si distinguono per passione, professionalità abnegazione in un mondo come quello del carcere riescono con sacrificio anche personale e con le assenze di figure previste a gestire eventi critici di una certa portata che mettono anche a rischio la loro stessa vita.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 19 giugno 2019, 17:40

Centri per l’impiego: la regione ha previsto 700 assunzioni entro il 2021

L’obiettivo rimane la stabilità di numerosi lavoratori qualificati ma precari. Incontro a Palazzo Ducale tra provincia, comuni e i consiglieri regionali Baccelli e Montemagni


martedì, 18 giugno 2019, 15:28

Cna: "Piano dei mercati frutto di concertazione"

In riferimento alla problematica dei mercati nel Comune di Lucca, la Cna ritiene utile portare il proprio contributo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 18 giugno 2019, 11:41

Industria cartaria: il settore investe il 5,9 per cento del fatturato annuo. Tasso di circolarità al 57 per cento

L’Italia nel 2018 si conferma 4° produttore di carta in Europa, con più di 9 milioni di tonnellate generate per il 57% (tasso di circolarità)* con carta da riciclare, ma nel comparto imballaggio tale tasso già raggiunge l’80% centrando il nuovo obiettivo di riciclo della Direttiva Comunitaria, ancora da recepire


domenica, 16 giugno 2019, 12:15

Assemblea imprese della moda a Lucca

Il comparto moda per Lucca è un settore strategico che dà lavoro e produce reddito: calzaturiero, tessile, abbigliamento, pelli occupano oltre il 10 per cento delle unità di lavoro ed il comparto copre circa il 20 per cento delle esportazioni di beni


domenica, 16 giugno 2019, 11:54

Riapertura dei termini per il super ammortamento

Il c.d. “Decreto Crescita” ha riproposto l’agevolazione del super ammortamento per gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati nel periodo che parte dal 1° aprile fino al 31 dicembre, nonché per quelli effettuati nel primo semestre 2020 (fino al 30 giugno) a condizione che entro il 31 dicembre sia stato...


venerdì, 14 giugno 2019, 16:11

Consiglio generale di CISL Toscana - Nord, le criticità lucchesi raccolte nell'intervento del segretario generale Massimo Bani

Un discorso forte, che traccia uno spartiacque profondo tra il sindacato ieri e quello di oggi e domani. Platea calamitata in ogni passaggio dell'intervento, a tratti anche fortemente autocritico, del segretario generale Massimo Bani al consiglio generale