Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Consorzio di Bonifica, si vota per il rinnovo dell'assemblea

mercoledì, 9 gennaio 2019, 13:21

L’Ente di autogoverno del territorio, che si occupa specificatamente della sicurezza idraulica, va al voto per rinnovare i suoi organi.

Sono state infatti fissate per sabato 6 aprile prossimo le elezioni per il rinnovo dell’assemblea del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, che resterà in carica dal 2019 al 2024. Si voterà dalle ore 9,00 alle ore 19,00, in decine e decine di seggi che saranno allestiti in tutto il comprensorio di competenza: che comprende le province di Lucca e Massa-Carrara, l’Appennino Pistoiese e alcuni comuni del Pisano. Sarà possibile votare anche nella giornata di venerdì 5 aprile, allo stesso orario, esclusivamente nelle sedi consortili. Saranno più di 356mila i consorziati aventi diritto al voto: dalle urne saranno eletti quindici rappresentanti, che andranno a far parte, appunto, dell’assemblea del Consorzio. Nello specifico, potranno votare i proprietari di tutti gli immobili, ricadenti nel comprensorio di competenza: le persone, cioè, che pagano in contributo annuale di bonifica, che finanzia per intero le opere di manutenzione che l’Ente consortile effettua sui corsi d’acqua.

“Il Consorzio è un Ente di autogoverno del territorio: in cui i cittadini possono partecipare, scegliere e rendere il nostro territorio più sicuro – sottolinea il presidente, Ismaele Ridolfi – Le elezioni, per il rinnovo dell’assemblea, rappresentano un momento quindi importante, a cui i consorziati sono chiamati a partecipare: proprio per garantire che gli organismi siano più rappresentativi di tutti i territori, e quindi maggiormente efficaci. La sicurezza idraulica è un aspetto strettamente legato alla vita quotidiana di tutti noi. E i cambiamenti climatici in atto sono ormai una realtà con cui fare i conti: negli ultimi anni, infatti, pure nella nostra area, sono sempre più frequenti i rovesci temporaleschi e concentrati in pochissime ore, che si alternano a periodi di siccità anche prolungati. Per questo, l’impegno per la manutenzione del territorio, e in particolare del reticolo idraulico, è destinato ad aumentare: ci sarà bisogno, ancora di più, di un soggetto, strettamente collegato agli Enti, alle associazioni, ai gruppi organizzati, ai cittadini, e costantemente operativo sul territorio per fare prevenzione”.

Le elezioni. Il sistema elettorale è articolato su tre sezioni, ognuna di esse elegge cinque rappresentanti. Dal sito dell’Ente (www.cbtoscananord.it) si può accedere agli elenchi degli aventi diritto al voto e scaricare il regolamento elettorale. Ogni consorziato può candidarsi, può sottoscrivere liste e può votare un candidato, solo relativamente alla propria sezione di appartenenza.

Come si vota. Ogni consorziato potrà esprimere un voto all’interno della propria sezione. Le sezioni sono tre: nella prima votano coloro che pagano un contributo fino a € 67,05; nella seconda coloro che pagano da € 67,05 fino a € 419,60; nella terza coloro che versano un contributo superiore a € 419,60. Si vota facendo un segno sul simbolo di una lista o su uno dei candidati di una lista. Si può esprimere una sola preferenza.

Chi può partecipare alle elezioni. Hanno diritto a partecipare alle elezioni (diritto al voto sia attivo che passivo) i consorziati, iscritti agli elenchi degli aventi diritto al voto: i proprietari degli immobili (edifici e terreni) che già pagano il contributo di bonifica. In caso di comproprietà, partecipa al voto chi detiene la quota di proprietà maggiore; in caso di comproprietà a pari quota, partecipa al voto il primo intestatario in ordine alfabetico.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 19 giugno 2019, 17:40

Centri per l’impiego: la regione ha previsto 700 assunzioni entro il 2021

L’obiettivo rimane la stabilità di numerosi lavoratori qualificati ma precari. Incontro a Palazzo Ducale tra provincia, comuni e i consiglieri regionali Baccelli e Montemagni


martedì, 18 giugno 2019, 15:28

Cna: "Piano dei mercati frutto di concertazione"

In riferimento alla problematica dei mercati nel Comune di Lucca, la Cna ritiene utile portare il proprio contributo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 18 giugno 2019, 11:41

Industria cartaria: il settore investe il 5,9 per cento del fatturato annuo. Tasso di circolarità al 57 per cento

L’Italia nel 2018 si conferma 4° produttore di carta in Europa, con più di 9 milioni di tonnellate generate per il 57% (tasso di circolarità)* con carta da riciclare, ma nel comparto imballaggio tale tasso già raggiunge l’80% centrando il nuovo obiettivo di riciclo della Direttiva Comunitaria, ancora da recepire


domenica, 16 giugno 2019, 12:15

Assemblea imprese della moda a Lucca

Il comparto moda per Lucca è un settore strategico che dà lavoro e produce reddito: calzaturiero, tessile, abbigliamento, pelli occupano oltre il 10 per cento delle unità di lavoro ed il comparto copre circa il 20 per cento delle esportazioni di beni


domenica, 16 giugno 2019, 11:54

Riapertura dei termini per il super ammortamento

Il c.d. “Decreto Crescita” ha riproposto l’agevolazione del super ammortamento per gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati nel periodo che parte dal 1° aprile fino al 31 dicembre, nonché per quelli effettuati nel primo semestre 2020 (fino al 30 giugno) a condizione che entro il 31 dicembre sia stato...


venerdì, 14 giugno 2019, 16:11

Consiglio generale di CISL Toscana - Nord, le criticità lucchesi raccolte nell'intervento del segretario generale Massimo Bani

Un discorso forte, che traccia uno spartiacque profondo tra il sindacato ieri e quello di oggi e domani. Platea calamitata in ogni passaggio dell'intervento, a tratti anche fortemente autocritico, del segretario generale Massimo Bani al consiglio generale