Anno 7°

sabato, 19 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Anva-Confesercenti: "Ambulanti fuori dalla Bolkestein, ma occorre un intervento della regione"

mercoledì, 13 febbraio 2019, 12:38

Con la legge di bilancio 2019 il Governo ha escluso il commercio ambulante dall’applicazione della direttiva Bolkestein. Questo ha creato un vuoto normativo per il quale l’Anva, il sindacato ambulanti Confesercenti, chiede un intervento della Regione.

“Per riempire questo vuoto – spiega il presidente Anva Lucca Leonetto Pierotti - abbiamo proposto il tacito rinnovo in modo che gli operatori che oggi lavorano abbiano di fatto la garanzia di lavorare anche in futuro. Partire dalla Toscana per poi intraprendere lo stesso percorso con le altre regioni, per definire  la situazione una volta per tutte e dare delle garanzie ad una categoria che da troppi anni vive nell’incertezza”. Obiettivo di Anva è dunque dare certezze al settore per programmare investimenti e ridare vigore al commercio su aree pubbliche. Ancora Pierotti: “Con la decisione del governo di escludere gli ambulanti dall’applicazione della direttiva Bolkestein, vengono a cadere tutti i presupposti sui quali si basavano i criteri di concorrenza che rendevano la materia di esclusiva pertinenza statale. Le Regioni quindi si riappropriano della potestà completa in materia di commercio, e possono determinare scelte in completa autonomia. La Toscana ha sempre rappresentato un’eccellenza ed è sempre stata all’avanguardia dal punto di vista normativo, dimostrando grande attenzione al commercio su area pubblica. Quindi chiediamo un intervento che abbia come obiettivo quello di riportare il tacito rinnovo, cioè che per 12 anni le imprese devono avere la certezza di poter fare il loro mestiere”.

La conclusione del presidente Anva Lucca: “Non si tratta, come qualcuno in questi anni ha strumentalmente paventato, di una nuova occupazione sine-die di spazi pubblici, perché da sempre le amministrazioni comunali hanno avuto ed hanno tutt’ora tutti gli strumenti per governare i propri territori relativamente all’uso del suolo pubblico. Si tratta semplicemente di tornare a garantire la sopravvivenza di una parte di commercio che da sempre garantisce una grande fonte di occupazione ed un servizio sociale determinante per i nostri territori e per le fasce più deboli e meno abbienti della popolazione”


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


tambellini


brico


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 17 ottobre 2019, 18:28

Al via i workshop di Conflavoro Pmi Lucca e Associazione SSI su crisi d’impresa

Incontri informali, consulenza e pillole informative per gli attori economici e il tessuto imprenditoriale lucchese. Primo worshop il 20 novembre nella sede di Conflavoro Pmi Lucca


giovedì, 17 ottobre 2019, 15:48

La sezione di Lucca a Rimini per il centenario SNA

Il presidente della sezione provinciale SNA di Lucca, Enrico Torrini, rende noto che una delegazione locale è a Rimini, dove si svolge in questi giorni il congresso del centenario di SNA (Sindacato Nazionale Agenti).


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 16 ottobre 2019, 17:24

Tassa sulla plastica, le reazioni delle imprese di Confindustria Toscana Nord

Contrarietà, preoccupazione e sconcerto: queste le reazioni che si colgono nelle imprese della plastica socie di Confindustria Toscana Nord di fronte alla notizia della nuova tassa che andrebbe a colpire il settore


mercoledì, 16 ottobre 2019, 15:37

"Da mesi ormai la situazione è insostenibile al Calzaturificio Petrini di Segromigno"

Il sindacalista Franco Galeotti della Filmtec Cgil denuncia la grave situazione occupazionale presso il calzaturificio di Segromigno a Capannori


mercoledì, 16 ottobre 2019, 14:33

Premio Vaona a studentessa della Scuola IMT oggi ricercatrice in Belgio

Ancora un prestigioso riconoscimento per la Scuola IMT Alti Studi Lucca. Giovanna D'Inverno, già allieva del Dottorato di Ricerca in Economics, Networks and Business Analytics (ENBA) presso la Scuola IMT, si è infatti aggiudicata l'edizione 2019 del Premio Andrea Vaona per tesi di dottorato, istituito dall'Università di Verona


martedì, 15 ottobre 2019, 22:25

Cgil: "Lo studio Martini si riorganizza e licenzia per ridurre i costi"

Massimo Dinelli della Filcams-CGIL accusa apertamente lo studio fisioterapico Martini di aver licenziato cinque professionisti per motivi attinenti alla riduzione dei costi senza tenere conto delle esigenze dei lavoratori