Anno 7°

venerdì, 29 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Le RSU della provincia riaprono lo stato di agitazione

giovedì, 4 aprile 2019, 14:52

"Si è tenuta lunedì scorso l'assemblea dei dipendenti della Provincia di Lucca indetta a causa del protrarsi di una situazione di stallo decisionale oltre che di una grave mancanza di informazione ai rappresentanti dei lavoratori" scrivono le RSU della provincia di Lucca.
"Da quindici mesi - è scritto in una nota - i dipendenti della provincia aspettano la riorganizzazione di un ente che a dispetto di chi lo avrebbe voluto e/o vorrebbe morente continua ad avere delle competenze; ma questa tarda ad arrivare, o forse non la si vuol fare, per non scontentare nessuno. Il risultato è visibile: manutenzioni carenti con finanziamenti di parte corrente inadeguati su scuole e su strade. Uffici trasversali non meno importanti quali Ragioneria, che potrebbero reperire risorse attraverso il controllo sull'elusione ed evasione dei contributi , non sono in grado di svolgere a pieno il proprio lavoro per carenza di personale assegnato al settore nonostante che l'ente abbia in organico 192 dipendenti a causa di personale mal distribuito. Idem per gli uffici della centrale di committenza e delle politiche comunitarie tenuti a erogare servizi anche per i comuni della provincia; in pratica per una non efficiente distribuzione del personale tra tutti gli uffici,la risultanza è che i dipendenti devono tamponare tutte le lacune lavorando continuamente in emergenza e come meglio possono; ma non si può continuare così, è immorale".

"L'esortazione a questa amministrazione da parte di tutto il personale riunito in assemblea - prosegue la nota - quindi è quella di prendere decisioni, i soldi saranno pochi ma le scelte proprio quando c'è carenza di risorse vanno fatte in maniera oculata e vanno sostenute. Il bilancio 2018 è stato approvato il 28 dicembre con evidenti impossibilità di fare una programmazione degli interventi ora siamo ad aprile ed il bilancio 2019 non è stato approvato per criticità di chiusura dello stesso, ma nonostante ciò nessuno prende decisioni lasciando gli uffici e il personale che vi opera giornalmente cercando di dare appropriati servizi alla cittadinanza, in completa balia delle onde. Tutti i dipendenti hanno diritto a lavorare con un minimo di programmazione a tutela della loro professionalità oltre che delle loro responsabilità. È mortificante non poter dare risposte e soddisfare esigenze legittime, a fronte di diritti dei cittadini che pagano le tasse e lo è altrettanto non avere una via di uscita perché in questo Ente ed in questo clima non si concedono nulla osta alla mobilità,se non in maniera del tutto arbitraria. I dipendenti hanno quindi dato mandato alla RSU di riaprire lo stato di agitazione che era stato sospeso dopo il tentativo di conciliazione in prefettura concedendo di fatto all'amministrazione un bel po di tempo per l'apertura dei necessari tavoli di confronto".

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

commerciocamera

auditerigi

tambellini

tuscania

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


venerdì, 29 maggio 2020, 17:16

Coronavirus, il plasma della Kedrion odora di Marcucci: accuse politiche strumentali e senza senso

Mai avremmo immaginato, neppure nei nostri incubi peggiori, che avremmo finito, un giorno, per difendere la famiglia Marcucci, ma tant'è: l'imbecillità umana non conosce confini, ma, purtroppo, partiti


venerdì, 29 maggio 2020, 14:07

Giambastiani: "Misure più incisive sul fronte dei parcheggi da parte del comune"

E’ il responsabile Centro Storico di Confesercenti Lucca, Massimiliano Giambastiani, ad intervenire sulla fase 2 con particolare riferimento alla necessità di incentivare l’afflusso dei clienti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 maggio 2020, 13:59

Vacanze e coronavirus: ecco i suggerimenti degli esperti

Ripartenza. Mare, montagna o città? Distanziamento sociale e mascherine: come comportarsi con i bambini in vacanza?


venerdì, 29 maggio 2020, 12:12

Tuinà, cura del corpo con professionalità e innovazione contro ogni abusivismo

Sentirsi coccolati e curati da mani professionali, e sempre aggiornate sulle ultime tendenze, è il desiderio di ogni – assiduo o meno – frequentatore di centri benessere e dedicati alla cura del corpo. Lo ha capito bene Tuinà, il centro estetico di San Marco che ogni giorno accoglie la propria...


mercoledì, 27 maggio 2020, 18:42

Didattica a distanza, i genitori si sono rotti le palle e hanno ragione: "A settembre si ritorni in classe"

Il comitato No dad di Lucca e provincia stronca senza possibilità di appello la didattica a distanza adottata senza alcuna sperimentazione durante questa fase emergenziale: finalmente qualcuno che apre il cervello


mercoledì, 27 maggio 2020, 18:37

Dai campeggi alle spiagge e gli estetisti, un’ordinanza con tutte le linee guida anti-Covid

Prima regola, che è poi una conferma: la distanza di sicurezza obbligatoria tra le persone per ridurre il rischio di contagio da coronavirus è un metro, ma in Toscana continua ad essere raccomandato il metro e ottanta. In caso di attività sportiva i metri diventano due