Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Banca di Pescia e Cascina, positivi i dati di bilancio

martedì, 21 maggio 2019, 13:42

55 milioni di euro erogati complessivamente nel 2018, di cui quasi 36 milioni a favore di famiglie o persone fisiche, e poco meno di 20 milioni al sostegno di attività economiche.

Il bilancio 2018 di Banca di Pescia e Cascina Credito Cooperativo si è chiuso con un utile netto di 1,2 milioni di euro. Si tratta del secondo rendiconto dell’istituto di credito, nato per la fusione di Banca di Pescia e Banca di Cascina, che sarà sottoposto all’assemblea dei soci venerdì 24 maggio alle ore 18 all’Euro Hotel, a Cascina.

“Continuiamo ad operare in un contesto di perdurante situazione economica negativa e di elevata incertezza sulle prospettive di ripresa -hanno detto il presidente Franco Papini e il direttore generale Antonio Giusti-. La crisi non accenna ad allentare la morsa recessiva ma Banca di Pescia e Cascina rimane un sostegno importante per l’economia del territorio. Alle imprese e alle famiglie abbiamo risposto continuando ad erogare fiducia. Pensiamo che, solo sostenendo le reali necessità del tessuto sociale e produttivo, si possa dare un segnale in controtendenza”.
 
“La raccolta da clientela, ovvero i risparmi che le famiglie hanno affidato alla Banca si è attestata a 715 milioni di euro”, ha dichiarato il direttore Giusti. “Il patrimonio netto della banca è intorno ai 50 milioni di euro. Il Cet1, considerato il principale indicatore di valutazione della solidità patrimoniale di una banca, supera il 15%”, assai superiore ai limiti previsti dalla normativa di vigilanza”. Il totale degli impieghi, ovvero dei finanziamenti a famiglie e imprese, supera i 420 milioni di euro. Sono stati ridotti i crediti deteriorati grazie ad un’operazione di dismissione di sofferenze realizzate lo scorso anno per complessivi 35 milioni, passati dunque da 96 milioni di euro a 61. “Ottimo è il livello di copertura dei crediti deteriorati in linea con la media nazionale delle Bcc”, ha detto ancora Giusti.

Sempre nel 2018 le associazioni sociali, sportive, culturali o di volontariato del territorio che hanno beneficiato di contributi erogati dalla Banca sono state quasi 250. Complessivamente negli ultimi 5 anni la banca ha distribuito circa 1,3 milioni di euro sul territorio in beneficienza o sponsorizzazioni. Nei confronti della compagine sociale, Banca di Pescia e Cascina, ha avviato ad inizio anno tantissime iniziative e benefici esclusivi, di natura bancaria ed extrabancaria. Tra queste ultime si ricordano: “Il Nostro Territorio ci sta a Cuore”, un concorso che consiste in un concorso on line in cui è richiesto ai cittadini di dare la propria preferenza tra i progetti di intervento proposti, volti alla riqualificazione e sostegno del territorio; “Uso consapevole del denaro”, un progetto di educazione finanziaria rivolto agli studenti delle classi quinte delle scuole di primo grado e delle classi prime delle scuole secondarie; “Benvenuti in Banca” con la quale la Banca mette gratuitamente a disposizione delle associazioni o enti sociali, le sale conferenze in via Alberghi a Pescia e in viale Comaschi a Cascina; “Soci a teatro”, grazie alla quale 200 tra Soci e Soci con un accompagnatore hanno assistito ad uno spettacolo proposto dai teatri di Pescia, Cascina e Lucca; “pacchetto Scuola”, ovvero un programma di cinque iniziative per contribuire alla formazione dei giovani studenti residenti nel territorio, agevolarne lo studio, l’iscrizione a corsi universitari o esperienze di studio all’estero. Sono 3 finanziamenti a tasso zero e due concorsi per borse di studio per studenti di scuole medie inferiori, superiori e università.

Banca di Pescia e Cascina ha aderito al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, “con i numeri a posto e le carte in regola per continuare a fare ciò che ha fatto finora, con la massima autonomia decisionale, purché continui ad essere virtuosa come adesso”, ha detto Papini.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 20 giugno 2019, 17:17

Lfree, una start up lucchese di successo: parlano le due giovani imprenditrici, Maria Sole Facioni ed Eleonora Zeni

Il 30 maggio nelle scuole lucchesi comunali si è tenuta la giornata senza lattosio e nell'occasione è stato distribuito materiale informativo e offerta la prima merendina certificata lactose & milk free con il Marchio Lfree della linea Si con Riso di Riso Scotti


giovedì, 20 giugno 2019, 16:58

Lucca a Dakar per illustrare le esperienze e risorse del riciclo dei rifiuti

L'assessore all'ambiente Francesco Raspini si trova da alcuni giorni a Dakar in Senegal per parlare dell'esperienza del riciclo dei rifiuti a Lucca. L'incontro fa parte del programma organizzato nel paese africano da una rete di associazioni ed enti toscani per realizzare azioni di cooperazione territoriale supportati dalla Regione Toscana


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 20 giugno 2019, 15:49

Informatizzazione del Comune: i cittadini potranno effettuare i pagamenti per i servizi demografici attraverso bancomat e carta di credito

L'assessore Bove: “Avanti nel processo di informatizzazione con l'obiettivo di facilitare il rapporto dei cittadini con il Comune”


giovedì, 20 giugno 2019, 13:31

Fondazione Coesione Sociale: un seminario sulla disabilità

Si terrà martedì 25 giugno, dalle 15.30, nell’Auditorium del Complesso di San Micheletto, il seminario “Disabilità e salute mentale in Toscana” realizzato in collaborazione con CESVOT e dedicato tutti coloro che, all’interno di enti pubblici e associazioni, vivono quotidianamente problematiche e vicende legate, appunto, alla disabilità e alla salute mentale


giovedì, 20 giugno 2019, 12:30

Decessi e infortuni sul lavoro: i dati in Toscana

Con riferimento alla regione Toscana, i decessi sul lavoro dello scorso anno sono stati 9: 5 a Firenze, 2 a Siena, 1 a Lucca, 1 a Pisa. Non sono invece stati registrati infortuni mortali sul lavoro nelle province di Arezzo, Grosseto, Livorno, Massa Carrara, Pistoia e Prato


mercoledì, 19 giugno 2019, 17:40

Centri per l’impiego: la regione ha previsto 700 assunzioni entro il 2021

L’obiettivo rimane la stabilità di numerosi lavoratori qualificati ma precari. Incontro a Palazzo Ducale tra provincia, comuni e i consiglieri regionali Baccelli e Montemagni