Anno 7°

martedì, 25 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Dl Crescita, saltano tutti gli emendamenti su obbligo revisori nelle Srl Conflavoro: "Governo raddoppi soglie, troppi aggravi per le aziende"

martedì, 11 giugno 2019, 20:33

Prende posizione Conflavoro Pmi sull’obbligo degli organi interni di controllo per le Srl, alla luce dell’ennesima proposta depennata e che avrebbe dovuto allargare un minimo le maglie della nomina imposta, onerosa sia a livello burocratico sia economico per le aziende coinvolte. “La nomina obbligatoria di sindaci e revisori – commenta Conflavoro Pmi – scatterà automaticamente anche per tutte quelle piccole società che hanno dato occupazione a dieci dipendenti negli ultimi due esercizi. Ciò porterà gravi disagi in un’economia come quella italiana fondata proprio sulle piccole realtà produttive e commerciali. Ma siamo ancora in tempo per un cambiamento di rotta: facciamo appello al buonsenso del governo, ormai l’unico organo che può modificare i nuovi parametri previsti dall’articolo 2477 del codice civile dallo scorso marzo”.

Dopo innumerevoli proposte, stroncature degli ordini professionali e delle commissioni parlamentari, emendamenti non ammessi, ricorsi, emendamenti presentati e non segnalati, oggi (11 giugno) è stato infatti ritirato anche l’emendamento al Dl Crescita con primo firmatario l’onorevole Alberto Gusmaroli (Lega). La proposta prevedeva l’obbligo di controllo interno solo per quelle Srl che avessero superato per due esercizi consecutivi i 4 milioni di euro di attivo patrimoniale, i 4 milioni nei ricavi netti di vendite e prestazioni oppure i 20 dipendenti in organico. Raddoppiando, in sostanza, quanto modificato di recente dal Codice della crisi d’impresa. Una proposta, un compromesso che aveva incontrato anche i favori di Conflavoro Pmi e di svariati ordini professionali. Poi, però, la doccia fredda, l’ennesima.

“Un controllo interno del genere – prosegue Conflavoro Pmi – rischia, con parametri serrati come gli attuali, di diventare davvero pesante per decine e decine di migliaia di piccole Srl. Sarà un macigno burocratico e un aggravio ulteriore per le casse delle piccole società, in un contesto economico e in un Paese, l’Italia, che già senza queste spiacevoli pressioni è ben lontana dal poter competere in modo sano e i cui imprenditori sono sempre più scoraggiati. Il governo trovi una soluzione perché altrimenti anche i provvedimenti giusti fatti fino a oggi rischiano di finire nel dimenticatoio se messi a confronto con l’imposizione così vasta degli organi di controllo".

“Per noi e le imprese che rappresentiamo in tutta Italia e in tutti i settori – conclude Conflavoro Pmi – è essenziale una modifica alla normativa di modo che, innanzitutto, l'obbligo sia previsto solo dopo il superamento di minimo due parametri, non uno soltanto come fissato oggi. E, infine, altrettanto importante è che si trovi una quadra sulla linea proprio di quanto proposto dall'emendamento Gusmaroli ormai ritirato, a partire dal raddoppio dei dipendenti in organico che deve andare di pari passo con il raddoppio delle altre soglie. Poi, nel dettaglio, è possibile e sicuramente fattibile trovare un compromesso, ma i termini attuali vanno rivisti assolutamente al rialzo”.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


martedì, 25 giugno 2019, 10:00

Serinper si amplia e assume, ma non trova dipendenti: "I giovani, sognatori "spaventati" conquistati da idoli social"

A raccontare l'ennesimo paradosso tutto italiano è Enrico Benassi, responsabile del personale della cooperativa Serinper, società che dal 2010 si dedica al servizio di persone con disagi sociali, relazionali ed affettivi di tutte le età con 13 strutture aperte nelle province di Massa Carrara e Lucca fra comunità educative e...


lunedì, 24 giugno 2019, 17:43

Azienda USL Toscana nord ovest: "Disponibilità fin da subito ad incontrare i sindacati"

In merito alla questione del personale sollevata dai sindacati, l’Azienda USL Toscana nord ovest conferma che rispetto al 31 dicembre 2018 sono in servizio 83 infermieri e operatori socio sanitari (OSS) in più, vista la necessità di coprire le uscite previste per la quota 100 ed il relativo smaltimento delle...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 21 giugno 2019, 17:51

Meno di dieci giorni per un intervento di caratatta grazie ad una riconversione del budget per il privato accreditato

Nell'ambito delle azioni di riorganizzazione dell’offerta ambulatoriale da parte del privato accreditato, che hanno già interessato le prestazioni di risonanza magnetica, la ASL Toscana nord ovest ha promosso una riconversione del budget destinato ai pazienti non residenti ampliando l'offerta di interventi per cataratta destinata agli assistiti residenti nel territorio aziendale


venerdì, 21 giugno 2019, 17:46

Azienda USL Toscana nord ovest sulla casa di cura Barbantini: "Budget necessariamente ridefiniti"

In merito alla situazione della casa di cura Barbantini di Lucca, l’Azienda USL Toscana nord ovest ribadisce che le strutture private accreditate operano in esecuzione di accordi contrattuali, nei limiti di budget predefiniti


giovedì, 20 giugno 2019, 17:17

Lfree, una start up lucchese di successo: parlano le due giovani imprenditrici, Maria Sole Facioni ed Eleonora Zeni

Il 30 maggio nelle scuole lucchesi comunali si è tenuta la giornata senza lattosio e nell'occasione è stato distribuito materiale informativo e offerta la prima merendina certificata lactose & milk free con il Marchio Lfree della linea Si con Riso di Riso Scotti


giovedì, 20 giugno 2019, 16:58

Lucca a Dakar per illustrare le esperienze e risorse del riciclo dei rifiuti

L'assessore all'ambiente Francesco Raspini si trova da alcuni giorni a Dakar in Senegal per parlare dell'esperienza del riciclo dei rifiuti a Lucca. L'incontro fa parte del programma organizzato nel paese africano da una rete di associazioni ed enti toscani per realizzare azioni di cooperazione territoriale supportati dalla Regione Toscana