Anno 7°

venerdì, 18 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Lfree, una start up lucchese di successo: parlano le due giovani imprenditrici, Maria Sole Facioni ed Eleonora Zeni

giovedì, 20 giugno 2019, 17:17

di barbara ghiselli

Il 30 maggio nelle scuole lucchesi comunali si è tenuta la giornata senza lattosio e nell'occasione è stato distribuito materiale informativo e offerta la prima merendina certificata lactose & milk free con il Marchio Lfree della linea Si con Riso di Riso Scotti.

Cos'è Lfree? 

È il primo ed unico Marchio di certificazione nazionale ed internazionale dedicato ai prodotti senza lattosio ideato e realizzato da ElleFree Srl, start up innovativa lucchese con un team completamente al femminile. La Gazzetta di Lucca ha intervistato Maria Sole Facioni ed Eleonora Zeni, le due giovani amiche imprenditrici che compongono la Start Up con sede al Polo Tecnologico Lucchese.

Perché e quando vi è venuto in mente di creare una start up del genere?

Risponde Maria Sole: "Il Marchio Lfree nasce dall'esperienza maturata personalmente essendo intollerante al lattosio e dalla richiesta sociale riscontrata grazie alla nascita dell'Associazione Italiana Latto-Intolleranti Onlus (AILI). Dopo varie "peripezie mediche" ho finalmente scoperto di essere intollerante a questo zucchero che si trova in tantissimi alimenti (non solo nei latticini!) e in molti farmaci. Una volta ricevuta la diagnosi (un percorso già durato anni!), nasce ovviamente la necessità di trovare alimenti adatti e, soprattutto, sicuri per la nostra dieta. Praticamente una nuova avventura! Quando ho intrapreso questo nuovo modo di mangiare, ormai parecchi anni fa, era veramente difficile trovare un formaggio senza lattosio o una semplice merendina, per non parlare di consumare liberamente un pasto fuori casa come una semplice pizza".

A cosa serve il Marchio Lfree?

Risponde Eleonora: "Il Marchio Lfree è una garanzia oggi strettamente necessaria per il consumatore latto-intollerante. Il Marchio deve rappresentare un indicatore decisivo, di impatto immediato, di sicurezza e di idoneità del prodotto che troviamo sullo scaffale per l'alimentazione di ogni persona".

Oggi sentiamo spesso parlare di intolleranze alimentari e di cibi "senza" ma esistono davvero tutte queste intolleranze o sono solo una moda passeggera?

M.S. :"Il fenomeno delle intolleranze alimentari e della corretta alimentazione è quanto mai attuale e di particolare attenzione, anche dopo l'Expo 2015, ma allo stesso tempo c'è una grande confusione in materia. Purtroppo oggi si trovano in commercio vari test che non sono scientificamente attendibili, aspirano a diagnosticare varie intolleranze la cui natura non è nemmeno studiata. Personalmente mi sono sottoposta a questi test e nessuno mi ha dato la stessa risposta. Uno tra questi test mi ha "decretato" intollerante a 98 alimenti! Le vere intolleranze alimentari sono poche (di cui è stato studiato il meccanismo biologico che le scatena) e si diagnosticano con specifici esami. Per accertare l'intolleranza al lattosio bisogna affidarsi a breath test e test genetico. Tutti gli altri sono test alternativi".

Per quale motivo il Marchio Lfree è suddiviso in tre varianti?

E.:"Lfree nasce in tre varianti proprio per abbracciare le diverse esigenze alimentari più richieste dal consumatore e va ad identificare tre tipologie di prodotti: senza lattosio <0,01% (versione azzurra "lactose free" dedicata ai prodotti "delattosati" o che li contengono), naturalmente senza lattosio (versione azzurra "naturally lactose free" dedicata a particolari prodotti caseari che per il loro naturale processo di produzione perdono il lattosio), senza lattosio e senza latte e derivati

(versione verde "lactose&milk free" dedicata a prodotti che non contengono nemmeno tracce di latte e derivati compreso il lattosio)".

Quale è il valore aggiunto del Marchio Lfree?

M.S.:" Il Marchio Lfree non è solo grafica, né un'autocertificazione come altre che si trovano su vari prodotti e sono dedicate soprattutto a scelte etiche, ma non forniscono alcuna sicurezza. Alla base di tutto il progetto Lfree ci sono basi scientifiche racchiuse nel Disciplinare d'Uso ad alto valore tecnologico che correda il Marchio. L'innovatività di questo progetto risiede proprio in questo documento che, per la prima volta, definisce i requisiti minimi più corretti e cautelativi per definire un prodotto senza lattosio o senza latte e derivati e per ottenere il rilascio della certificazione".

Il Marchio è conosciuto solo in Italia o anche in altri Paesi e se sì, quali?

E:"Lfree ha varcato da poco i confini italiani, europei e non solo. Il Gorgonzola Igor è stato acquistato anche in una famosa catena di supermercati australiani a Sydney. Altri prodotti certificati come i Plumcake Bauli sono in commercio, oltre che in Italia, anche in Francia e in Belgio. Abbiamo deciso di investire nella registrazione del Marchio Lfree tutelandone i diritti anche in tutti gli stati membri dell'Unione Europea e in sette paesi internazionali proprio per fornire un plus anche alle Aziende che esportano in tutto il mondo".

Abbiamo appreso del progetto "Senza lattosio fuori casa", in cosa consiste?

M.S.: "In questi ultimi anni i nuovi stili di vita hanno imposto una forte crescita dei pasti consumati fuori casa e, visto l'incremento del numero dei soggetti intolleranti al lattosio, abbiamo dato vita al progetto;Senza Lattosio Fuori Casa". L'obiettivo è quello di poter mangiare in locali tra cui ristoranti-pizzerie, hotel, pasticcerie e gelaterie che offrono una selezione di prodotti "senza" idonei a questa esigenza alimentare in quanto sono stati in-formati sul mondo del senza lattosio".

Quali sono gli altri progetti/iniziative che state portando avanti?

E.:"Negli ultimi mesi sono cresciuti i prodotti certificati con il Marchio Lfree, siamo intorno a 90 prodotti oggi reperibili in commercio, ma stiamo già lavorando a raddoppiare il numero. Non solo attività di certificazione, ma anche di formazione come quella che stiamo realizzando insieme a NtFood S.p.A in tutta Italia dedicata al canale dei negozi specializzati. Stiamo organizzando anche un importante evento a Lucca che coinvolgerà tutta la nostra città, ma per adesso non possiamo dirvi di più".

Dove è possibile contattarvi per avere più informazioni?

Il nostro ufficio si trova al Polo Tecnologico Lucchese (Via della Chiesa XXXII trav I, 231 - 55100 Lucca), i nostri recapiti sono tel. 0583 1748054, info@ellefree.comwww.ellefree.com.

 

ELLEFREE srl ha quindi ideato un metodo innovativo che coniuga per la prima volta la rigorosità scientifica con una comunicazione chiara e di impatto nel mondo del senza lattosio.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


tambellini


brico


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 17 ottobre 2019, 18:28

Al via i workshop di Conflavoro Pmi Lucca e Associazione SSI su crisi d’impresa

Incontri informali, consulenza e pillole informative per gli attori economici e il tessuto imprenditoriale lucchese. Primo worshop il 20 novembre nella sede di Conflavoro Pmi Lucca


giovedì, 17 ottobre 2019, 15:48

La sezione di Lucca a Rimini per il centenario SNA

Il presidente della sezione provinciale SNA di Lucca, Enrico Torrini, rende noto che una delegazione locale è a Rimini, dove si svolge in questi giorni il congresso del centenario di SNA (Sindacato Nazionale Agenti).


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 16 ottobre 2019, 17:24

Tassa sulla plastica, le reazioni delle imprese di Confindustria Toscana Nord

Contrarietà, preoccupazione e sconcerto: queste le reazioni che si colgono nelle imprese della plastica socie di Confindustria Toscana Nord di fronte alla notizia della nuova tassa che andrebbe a colpire il settore


mercoledì, 16 ottobre 2019, 15:37

"Da mesi ormai la situazione è insostenibile al Calzaturificio Petrini di Segromigno"

Il sindacalista Franco Galeotti della Filmtec Cgil denuncia la grave situazione occupazionale presso il calzaturificio di Segromigno a Capannori


mercoledì, 16 ottobre 2019, 14:33

Premio Vaona a studentessa della Scuola IMT oggi ricercatrice in Belgio

Ancora un prestigioso riconoscimento per la Scuola IMT Alti Studi Lucca. Giovanna D'Inverno, già allieva del Dottorato di Ricerca in Economics, Networks and Business Analytics (ENBA) presso la Scuola IMT, si è infatti aggiudicata l'edizione 2019 del Premio Andrea Vaona per tesi di dottorato, istituito dall'Università di Verona


martedì, 15 ottobre 2019, 22:25

Cgil: "Lo studio Martini si riorganizza e licenzia per ridurre i costi"

Massimo Dinelli della Filcams-CGIL accusa apertamente lo studio fisioterapico Martini di aver licenziato cinque professionisti per motivi attinenti alla riduzione dei costi senza tenere conto delle esigenze dei lavoratori