Anno 7°

giovedì, 27 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Mobilità elettrica: con progetto Eva+ in Italia e Austria attive tutte le 200 stazioni di ricarica

giovedì, 12 settembre 2019, 16:52

Sono attive tutte le 200 stazioni di ricarica veloce da 50kW installate nell’ambito del progetto EVA+, pari a 400 punti di ricarica disponibili per i clienti finali presso le principali strade a lunga percorrenza di Italia e Austria.

In Toscana le infrastrutture di ricarica veloce nell’ambito di EVA+ sono 15, per un totale di 30 postazioni, distribuite nei pressi delle uscite autostradali di Firenze, Barberino del Mugello, Terranuova Bracciolini, Foiano della Chiana, Chianciano Terme, Lucca, Massa e Cozzile, Massarosa, Viareggio.

EVA+, Electric Vehicles Arteries, è il progetto europeo per lo sviluppo della mobilità elettrica nato nel 2016, che prevedeva entro tre anni l’installazione di 200 infrastrutture di ricarica veloce, 180 in Italia e 20 in Austria, lungo le strade a lunga percorrenza extraurbane dei due Paesi. Il programma, co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del “Connecting Europe Facility”, ha visto la collaborazione di Enel in qualità di coordinatore, con Verbund, principale utility austriaca, SMATRICS, il più importante operatore austriaco di reti di ricarica, e insieme ad alcuni tra i più importanti marchi automobilistici a livello mondiale come Renault, Nissan, BMW Group e Volkswagen Group Italia (con le marche Volkswagen e Audi).

Le infrastrutture di ricarica di EVA+ presenti sul territorio italiano sono interamente sviluppate e installate da Enel X, e grazie a una potenza fino a 50kW, permettono di fare un pieno di energia a due veicoli contemporaneamente in circa 30 minuti. Ogni stazione è compatibile con tutti i modelli di auto elettriche attualmente sul mercato e rispetta gli standard internazionali nell’ambito dell’e-mobility: CCS, CHAdeMO e Type 2.

Le stazioni di ricarica veloci EVA+ fanno parte di una rete più ampia e capillare presente sul territorio italiano e austriaco che, da oggi, permette agli utenti di affrontare un viaggio in auto elettrica dalla Sicilia all’Austria con soste di breve durata e senza paura di rimanere senza energia.

Grazie al recente accordo di interoperabilità tra Enel X e SMATRICS, gli utenti delle due aziende potranno accedere ai punti di ricarica di EVA+ e delle rispettive reti di ricarica nazionali in totale libertà e senza limiti territoriali nei due Paesi. Inoltre, grazie alle funzionalità avanzate di Juicepass, la nuova app per la mobilità elettrica di Enel X, è ancora più semplice ricaricare il proprio veicolo presso le stazioni fast del progetto.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


tambellini


tuscania


toscano


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 27 febbraio 2020, 19:16

Coronavirus, i sindaci della Piana di Lucca gettano acqua sul fuoco

Coronavirus, i sindaci della Piana di Lucca: “Vogliamo tranquillizzare i cittadini, seguiamo con attenzione la situazione, non c’è motivo di allarmismo ingiustificato”


giovedì, 27 febbraio 2020, 19:09

Coronavirus, prevista l’entrata in servizio di 100 infermieri in più

La direzione sta procedendo alla autorizzazione di circa 100 risorse infermieristiche da reperire tramite l’Agenzia di lavoro interinale, di cui 50 già deliberate onde consentire nel più breve tempo possibile un rapido accesso finalizzato al potenziamento nei presidi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 27 febbraio 2020, 17:39

Coronavirus, indignazione dell’ordine dei medici lucchesi per le minacce della Regione

Indignazione dell’ordine dei medici per le minacce della Regione di revoca della convenzione per i medici di medicina generale e per pediatri: “Le respingiamo con sdegno! Atteggiamento ingrato”


giovedì, 27 febbraio 2020, 17:12

Coronavirus, i consigli operativi per le aziende e i timori per gli eccessi di allarmismo

Coronavirus, i consigli operativi per le aziende e i timori per gli eccessi di allarmismo: Confindustria Toscana Nord ha attivato un "Help desk" e promuove il questionario di Confindustria


mercoledì, 26 febbraio 2020, 18:51

Roberto Favilla (Confartigianato): "Misure a sostegno dell'economia anche nelle zone gialle"

L’emergenza Coronavirus, al di là del fatto che rappresenta un importante problema di salute pubblica visto l’alto livello di contagiosità per le persone, può comportare, non solo nei territori dove sono presenti dei focolai dell’epidemia, ma per tutta l’Italia, gravi ripercussioni sull’intero sistema produttivo nazionale


martedì, 25 febbraio 2020, 18:47

Coronavirus, i numeri della crisi nel turismo lucchese. Le proposte di Confesercenti

“Il Coronavirus, come prevedibile, è arrivato anche in Toscana. Il fenomeno ormai è praticamente nazionale. La tutela della salute, in questa fase di emergenza, deve avere priorità assoluta. Ma guai a sottovalutare le conseguenze devastanti che questa crisi sta avendo sull’economia locale"