Anno 7°

venerdì, 15 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Casa anziani di S. Maria del Giudice: 25 posti letto grazie alla fondazione Crl

martedì, 22 ottobre 2019, 17:11

Con la trasformazione di 25 posti-letto, è stata ampliata la ricettività e la qualità dei servizi offerti dalla Casa Anziani di Santa Maria Assunta, nella frazione di Santa Maria del Giudice. Proprio in questi giorni, infatti, si sono conclusi i lavori di adeguamento della struttura che ospita la casa di riposo, con la trasformazione degli attuali 25 posti-letto di cui è dotata la residenza, finora riservati ad anziani autosufficienti, in altrettanti in grado di ospitare i non autosufficienti. Lavori finanziati dalla locale parrocchia, che si avvalsa anche di un apposito contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

L’istituto, attualmente, ospita circa 25 anziani e da anni - grazie all’opera svolta dai numerosi volontari della zona - riesce a proporre rette assai inferiori a quelle di mercato.

Purtroppo, però, pur essendo autosufficienti al momento del loro ingresso nella Casa, spesso, con il passare del tempo, alcuni di essi perdono la loro autosufficienza e necessitano di assistenza socio-sanitaria, per cui, in base alle normative vigenti, finora dovevano essere assegnati ad un’altra struttura specializzata. Un trasferimento che, in molti casi, si rivelava difficile e psicologicamente traumatico per gli ospiti della struttura, che si erano ormai adattati all’ambiente.

Di qui, la necessità di un intervento per adeguare la Casa Anziani a forme di accoglienza prolungata, con la trasformazione dei 25 posti letto in modo da poter ospitare persone non autosufficienti.

Particolarmente soddisfatto don Emiliano Lovi, nella sua duplice veste di parroco di Santa Maria Assunta e di presidente della Casa Anziani: “desidero ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca – afferma il sacerdote - per l’apprezzatissima disponibilità ad aiutarci anche in questo particolare frangente, che ci ha visti costretti a mettere in opera importanti modifiche alla struttura, necessarie per evitare conseguenze sull’efficienza e la continuità delle nostre attività.”


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


commerciocamera


auditerigi


tambellini


brico


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 13 novembre 2019, 21:28

2° Hackathon 5GCity a Lucca: nuovi servizi per il 5G

Il Consorzio 5GCity, (i cui partners italiani sono il Comune di Lucca, RAI, Wind Tre, Italtel, Nextworks e Comunicare Digitale) annuncia l’organizzazione del II° 5GCityHackathon


mercoledì, 13 novembre 2019, 16:01

Ecco perché Apple ha appena raggiunto l'ennesimo massimo storico

La notizia che ha fatto il giro del mondo è che per la quinta volta nell'arco di un mese, il titolo azionario Apple Inc. (AAPL) ha raggiunto livelli record


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 13 novembre 2019, 13:45

Decolla il distretto floricolo grazie all’alleanza fra Lucca e Pescia

E' in rampa di lancio il distretto floricolo, con tutte le sue implicazioni per gli aspetti della gestione dei mercati e della produzione


mercoledì, 13 novembre 2019, 12:21

Adoc Alta Toscana: "Truffa diamanti, il giudice autorizza il curatore alla restituzione"

Truffa dei diamanti, un altro passo avanti per l'Adoc Alta Toscana a tutela dei consumatori raggirati


mercoledì, 13 novembre 2019, 12:03

Caccia agli ungulati ogni giorno dell'anno: la provocatoria proposta della Cia

«Gli agricoltori sono stufi dei danni provocati dagli ungulati: il problema va affrontato e i cinghiali vanno eradicati dalle aree non vocate alla caccia». A dirlo è il direttore della Cia Toscana Nord, Alberto Focacci


lunedì, 11 novembre 2019, 17:19

Sciopero con presidio alla Cartiera Pieretti di Marlia

Nella giornata di oggi si è tenuto un nuovo sciopero di otto ore alla Cartiera Pieretti di Marlia e i lavoratori hanno fatto un presidio sul cancello per tutta la mattinata