Anno 7°

venerdì, 10 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Moba Eurotubi e Icp finalizzano l'acquisizione di Tubicom

venerdì, 24 gennaio 2020, 16:20

Moba Eurotubi conferma la chiusura positiva della trattativa di acquisizione, a far data dal 24 gennaio 2020, dell'azienda Tubicom con sede a Lucca.

È stato infatti siglato con la famiglia Carrara, fondatrice della società, l'accordo per la vendita di Tubicom S.p.A, azienda produttrice dal 1993 di tubi in cartone con forte specializzazione nel settore tissue.

Nell'acquisizione è stato coinvolto un importante partner, con consolidata esperienza nella produzione di cartoncino riciclato, Industria Cartaria Pieretti Spa del Gruppo Cartiera dell'Adda, con sede a Marlia (Lucca), che farà parte insieme a Moba Eurotubi del nuovo progetto imprenditoriale.

L'attuale joint-venture tra le due società, Moba Eurotubi Srl e ICP Spa, beneficerà dell'impiego sinergico di esperienze e know-how specifici finalizzati al consolidamento del progetto Tubicom. Il piano di sviluppo prevede il mantenimento dell'identità e della territorialità dell'azienda: resta infatti operativo lo stabilimento di Via Mattei Z.I. di Mugnano a Lucca, nell'ambito di un distretto industriale di rilevanza europea.

Daniele Molteni, CEO di Moba Eurotubi, commenta l'operazione: "Siamo molto orgogliosi di aver concluso questo importante accordo. Attraverso l'acquisizione di Tubicom, Moba Eurotubi potenzia la propria presenza sul territorio italiano, ora articolata su tre siti produttivi: il primo situato nel nord Italia a Montorfano in provincia di Como, il secondo nel sud Italia a Sessano del Molise, in provincia di Isernia, ed ora la terza sede in centro Italia con l'azienda Tubicom di Lucca."

Entusiasmo anche per Roberto Molteni, nuovo CEO in carica per Tubicom, che aggiunge: "Per i prossimi mesi sono già predisposti e programmati miglioramenti organizzativi, rivolti in particolar modo all'ammodernamento tecnologico e logistico dello stabilimento, al fine di renderlo performante a livello delle sedi di Como e Isernia".

"Siamo molto soddisfatti - chiude Tiziano Pieretti, AD di Industria Cartaria Pieretti - di prendere parte a questo importante progetto imprenditoriale, strategico per lo sviluppo della nostra azienda. La nostra esperienza, il know-how e la profonda conoscenza del mercato del tissue fanno sicuramente di ICP il partner ideale per sviluppare una strategia di crescita nel settore".

Roberto e Daniele Molteni con questa acquisizione conseguono l'obiettivo tanto desiderato dal padre, fondatore della Moba Eurotubi, Sig. Rino Molteni, scomparso lo scorso ottobre.

Con l'acquisizione di Tubicom, i tre siti produttivi raggiungeranno un consumo superiore alle 65.000 tonnellate di cartoncino per tubi, un organico complessivo di circa 160 addetti e una superficie coperta di circa 30.000 mq.

 

MOBA EUROTUBI SRL

Azienda specializzata nella produzione di tubi in cartone dal 1961. I tubi sono fabbricati mediante l'impiego di cartone rigenerato/recuperato nelle qualità grigio e kraft. In un anno l'azienda utilizza circa 55.000 tonnellate di carta. La gamma prodotti si divide principalmente in tubi standard rinforzati e ad alta resistenza (tubi a spirale/in linea, tubi a sezione rettangolare/quadrati, angolari in cartone, bancali in cartone) e tubi speciali (tubi di cartone con rivestimenti speciali, ad alto spessore, con biadesivi, con taglio longitudinale, etc.).

 

INDUSTRIA CARTARIA PIERETTI SPA

Industria Cartaria Pieretti (icP), fondata nel 1924, ha sede a Marlia all'interno del distretto cartario lucchese. È specializzata nella produzione di cartoncini riciclati, destinati ai settori dei produttori di rotoli per carte tissue, di tubi a spirale ed in linea, di imballaggi e di cartone ondulato. Nel luglio 2018 Cartiera dell'Adda ha acquisito l'80% dell'azienda lucchese, andando a costituire uno tra i maggiori produttori europei di cartone grigio, dotato di due grandi stabilimenti, 300mila tonnellate annue di cartone prodotto, 120 milioni di euro di fatturato e 230 dipendenti.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

commerciocamera

auditerigi

tambellini

tuscania

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


giovedì, 9 luglio 2020, 14:21

Federalberghi: “Giugno drammatico, l’emergenza sanitaria flagella le imprese turistiche”

Dall’osservatorio nazionale emerge un calo dell’80% di presenze turistiche a giugno; per la Toscana un crollo generalizzato e prospettive drammatiche per la stagione estiva


mercoledì, 8 luglio 2020, 18:57

Cresce la partecipazione dei cittadini, vengono banditi contenuti offensivi e denigratori: il Consorzio approva la sua “social media policy”

“Lo scopo – si legge nel documento – è quello di favorire livelli crescenti di trasparenza, confronto, dialogo, interazione e partecipazione”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 8 luglio 2020, 18:28

Inaugurate cabine elettriche 'San Pietro' e 'Carducci'

Complessivamente in città E-Distribuzione effettuerà interventi di restyling su 35 impianti, per un investimento complessivo di 300 mila euro. Innovazione tecnologica, automatizzazione e resilienza del sistema elettrico gli elementi principali delle operazioni


mercoledì, 8 luglio 2020, 15:02

In crescita le vendite all'estero per la nostra provincia nel primo trimestre del 2020

Sono state registrate nei primi tre mesi del 2020 vendite all'estero di beni e servizi da parte delle imprese della provincia di Lucca per complessivi 874 milioni di euro, un valore superiore del 2,3% (+20 milioni circa) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente


mercoledì, 8 luglio 2020, 14:39

La posizione Cna sugli hobbisti

Giovedì 9 luglio si riunirà la seconda commissione consiliare di Regione Toscana, per discutere in merito alla proposta di legge in materia di commercio


mercoledì, 8 luglio 2020, 14:10

Italia Nostra non ha dubbi: "Le Mura sotto attacco di Coima"

"Il progetto a firma COIMA, di cui in questi giorni si discute, è talmente arrogante da non credere possibile che qualcuno lo abbia semplicemente pensato e proposto"