Anno 7°

domenica, 29 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Coronavirus, da Conflavoro Pmi 2 mila mascherine gratuite per le botteghe lucchesi che vendono beni di prima necessità

giovedì, 26 marzo 2020, 12:18

Un sostegno concreto, nel momento più difficile. Un gesto di vicinanza alle imprese lucchesi già tanto martoriate e che, più delle parole, hanno bisogno di fatti. Conflavoro Pmi Lucca ha deciso infatti di omaggiare con 2 mila mascherine chirurgiche tutte le attività commerciali del territorio lucchese che ne avessero esigenza, con particolare riguardo per le microimprese, quelle botteghe con meno di 10 dipendenti del commercio al dettaglio di prodotti di prima necessità. 

“Si tratta di un primo lotto di mascherine arrivare ieri da Jinan, in Cina – spiega il presidente di Conflavoro Pmi Lucca Roberto Capobianco – una spedizione resa possibile grazie alle relazioni istituzionali tessute in questi anni dalla nostra confederazione con le autorità del luogo. Vogliamo donarle ai nostri commercianti, a chi cioè, più debole e solo, continua a non far mancare i beni essenziali alle nostre famiglie, ai nostri operatori sanitari e a tutti quelli che, con sacrificio enorme, ci porteranno a vincere questa guerra contro il Covid-19”. 

Le 2 mila mascherine verranno consegnate gratuitamente a chi invierà una richiesta di aiuto all’indirizzo email lucca@conflavoro.it, scrivendo nell’oggetto “SOSCORONAVIRUS” e nel corpo dell’email la ragione sociale con l’indirizzo di destinazione. Molto importante: non è necessario essere associati a Conflavoro Pmi per fare richiesta delle mascherine. 

“Ai primi 400 commercianti che scriveranno saranno inviate 5 mascherine, consegnate senza costi grazie alla solidarietà della Sail Post di Lucca”, spiega Roberto Capobianco che poi conclude: “Anche a loro va il nostro più sincero ringraziamento, così come va, lo ribadiamo, ai nostri piccoli commercianti che quotidianamente mettono a rischio la loro salute per garantire a tutti noi i beni di prima necessità fondamentali per affrontare e vincere questa nuova sfida”.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

commerciocamera

auditerigi

tambellini

tuscania

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


sabato, 28 marzo 2020, 23:33

Il Governo anticipa 4,3 mld ai comuni. Scuola: ipotesi rientro a settembre

4 miliardi e trecento milioni: saranno questi i soldi che il Governo anticiperà ai comuni affinché possano subito essere raggiunti i cittadini con misure adeguate per fronteggiare l'emergenza coronavirus


sabato, 28 marzo 2020, 16:26

Domani sciopero della distribuzione alimentare

Domani sciopero della distribuzione alimentare per l’intero turno di lavoro. Ad annunciarlo Sabina Bigazzi (p.Filcams-CGIL), Giovanni Bernicchi (p.Fisascat-CISL) e Roberto Pacini (p.Uiltucs-UIL)


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 28 marzo 2020, 15:07

Fim, Fiom e Uilm: "Diffidiamo le aziende metalmeccaniche a richiamare i dipendenti al lavoro"

Tantissimi i lavoratori preoccupati per il futuro e per come sarà gestito. Tra questi i metalmeccanici che continuano a richiedere l'autorizzazione al prefetto della provincia di Lucca di non interrompere o riprendere l'attività. Ad intervenire sulla questione sono le segreterie di Fim, Fiom e Uilm


venerdì, 27 marzo 2020, 16:16

Favilla (Confartigianato): "Occorrono misure più forti per rivitalizzare le nostre imprese"

Il direttore di Confartigianato Lucca, Roberto Favilla, interviene sull'attuale situazione di emergenza che si trova a vivere il nostro Paese


venerdì, 27 marzo 2020, 15:55

I tassisti lucchesi consegnano a domicilio

I tassisti lucchesi si mettono a disposizione della cittadinanza fornendo un servizio scontato di consegna a domicilio di beni essenziali (anche non alimentari, quali i farmaci)


venerdì, 27 marzo 2020, 13:34

Alla scuola IMT la discussione della tesi di dottorato è on line

Una sessione di tesi speciale quella che si sta svolgendo in questi giorni alla Scuola IMT di Lucca, dove gli allievi di dottorato per la prima volta hanno discusso i loro lavori finali davanti a una commissione riunita completamente da remoto