Anno XI

martedì, 27 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Sciopero di tre giorni anche al Campo di Marte per nuovo appalto servizio Cup della Asl

lunedì, 29 giugno 2020, 18:01

Oggi primo giorno di sciopero e sit-in degli addetti del servizio Cup, Front Office e Call Center dei presidi ospedalieri Asl, in tutto 50 lavoratori coinvolti in provincia di cui dieci al Campo di Marte.

Il nodo è il passaggio di consegne del servizio - ancora per molti aspetti avvolto dalle nebbie - al consorzio Cns, un appalto regionale su cui unitariamente Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti chiedono chiarezza e certezze.

"La nuova gestione dovrebbe scattare dal primo luglio, quindi da domani, e ancora - sottolinea Giovanni Bernicchi, segretario Fisascat Cisl Toscana Nord  - non sappiamo quale  potrebbe essere la nuova sede assegnata a ciascun lavoratore e a quali condizioni. Non è accettabile che a pochi giorni dal cambio di appalto non si sappia ancora come verranno riorganizzati i servizi in tutta l'area Asl Toscana Nord ovest. Fatta salva la clausola  sociale della garanzia dei posti di lavoro, per il resto siamo stati messi di fronte a un salto nel buio. Non sappiamo quale aziende che fa capo al consorzio Cns prenderà in carico il servizio. Se fosse una cooperativa sociale il rischio concreto per i lavoratori è di trovarsi di fronte un contratto economicamente peggiorativo. L'Asl potrebbe decidere da un momento all'altro di prorogare l'avvio dell'appalto. Noi, insieme a Filcams Cgil e Uil Trasporti, come già è stato fatto in altre province abbiamo avviato uno sciopero di tre giorni, fino  a domani quando, forse, ci incontreremo con i vertici Asl per chiarire la questione". Uno dei presidi più partecipati stamattina (e che si ripeterà domani e mercoledì mattina) è stato quello di fronte al Campo di Marte. "Non è accettabile che a due giorni dal passaggio alla ditta Cns non si abbiano ancora certezze sul mantenimento del contratto  della sede e dell'orario di lavoro - hanno ribadito i lavoratori delle tre sigle sindacali -, non è accettabile che si decida sulle spalle dei lavoratori senza un confronto preventivo. Per questo motivo abbiamo deciso di scioperare e manifestare fino al primo luglio.  Vogliamo chiarezza e certezze"





Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


lunedì, 26 luglio 2021, 18:06

Essity si difende: "Agiamo in conformità e sono aperte le consultazioni"

Non tarda ad arrivare la risposta di Essity verso i sindacati dopo il commento riguardo la situazione interna dell'azienda


lunedì, 26 luglio 2021, 17:03

Favilla (Confartigianato): "Green pass, molti punti critici"

Nuovo decreto legge Covid. I dubbi di Confartigianato sul ‘Green pass’ nelle parole di Roberto Favilla, direttore di Confartigianato Imprese Lucca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 26 luglio 2021, 10:53

Calo immatricolazioni autobus: Lucca maglia nera

Lucca maglia nera (-85%). In provincia però il 53% del parco circolante appartiene alle categorie Euro 5 e 6. Male il trasporto merci, nuove targhe giù del 21,1%


lunedì, 26 luglio 2021, 10:48

Gal Montagnappennino, rinnovato il cda

L’Assemblea dei Soci del GAL Montagnappennino, riunitasi nel pomeriggio di ieri in modalità mista, online e presso la sede del GAL in Borgo a Mozzano, ha riconfermato con voto palese ed unanime Marina Lauri, alla presidenza della società


venerdì, 23 luglio 2021, 14:08

La Lucca del futuro passa per 18 progetti di riqualificazione urbana

I progetti si concentrano in due zone: San Concordio, dall'area Gesam al parco ferroviario fino ai Macelli (8 progetti), Ponte a Moriano (8 progetti) e zona urbana nord e parco fluviale (due progetti)


venerdì, 23 luglio 2021, 13:25

Green pass, Confesercenti: "Colpiti ancora ristoranti e bar"

Non piace a Confesercenti area lucchese l’ultimo decreto del governo Draghi che introduce il certificato vaccinale per sedersi al chiuso in bar e ristoranti