Anno 7°

giovedì, 29 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Domicilio digitale/Pec: obbligo di regolarizzazione per le imprese entro il 1° ottobre 2020

giovedì, 17 settembre 2020, 14:42

di francesca sargenti

Entro il 1° ottobre 2020 tutte le imprese devono comunicare telematicamente al Registro delle imprese il proprio domicilio digitale (PEC): per gli inadempienti sono previste sanzioni pecuniare.

Le società e le imprese individuali che non hanno ancora comunicato o aggiornato il proprio "domicilio digitale" (nuova definizione che va a sostituire quella di Pec, cioè l'indirizzo di posta elettronica certificata), dovranno comunicare al Registro delle imprese il domicilio digitale, attivo e univocamente riconducibile all'impresa in base alle recenti disposizioni entrate in vigore il 14 settembre, che prevedono espressamente una sanzione pecuniaria per le imprese che non effettueranno questo adempimento entro la data del 1° ottobre 2020.

La legge ha anche inasprito la sanzione ordinariamente prevista, raddoppiando, per le società, la misura prevista dall'art. 2630 c.c., e triplicando quanto invece previsto per le imprese individuali dall'art. 2194 c.c..

Per le imprese che dopo la scadenza del termine risulteranno prive di domicilio digitale, oltre al pagamento della sanzione amministrativa, è prevista l'assegnazione d'ufficio di un domicilio digitale da parte della Camera di Commercio.

È importante sapere che la comunicazione del domicilio digitale è esente da imposta di bollo e diritti di segreteria. Può essere effettuata dal titolare o legale rappresentante dell'impresa direttamente dal sito ipec-registroimprese.infocamere.it, oppure seguendo le istruzioni sul sito della Camera di commercio di Lucca (www.lu.camcom.it).

Le nuove regole in materia di Pec / domicilio digitale sono state introdotte dal Decreto Legge 16 luglio 2020, n. 76 (il cd. Decreto Semplificazioni), convertito dalla Legge n. 120 dell'11 settembre 2020.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

commerciocamera

auditerigi

tambellini

tuscania

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


mercoledì, 28 ottobre 2020, 17:23

Conflavoro a Tambellini: “Bene stop tassa suolo pubblico, ora gratuità parcheggi”

Oggi in videoconferenza con alcuni membri della giunta Tambellini, tra cui lo stesso sindaco e il nuovo assessore alle Attività produttive Chiara Martini, Conflavoro Pmi Lucca ha avanzato alcune proposte per sostenere le attività del territorio in questo periodo drammatico, in parte già presentate al governo dall’associazione nazionale


mercoledì, 28 ottobre 2020, 16:53

Confronto con categorie e sindacati: prorogate misure su suolo pubblico

Intervenire nella maniera più ampia possibile. È questa l'intenzione del comune di Lucca per fare fronte alla gravissima crisi economica acuita dalle recenti misure del Governo per contrastare la diffusione del Covid-19


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 28 ottobre 2020, 15:23

Sarti (Confindustria): "La moda, grande vittima dimenticata della pandemia"

C'è un'altra "vittima" dell'ultimo dpcm: la moda. A farlo notare Maurizio Sarti, presidente della sezione Sistema moda di Confindustria Toscana Nord


martedì, 27 ottobre 2020, 13:20

Menomale che c'è mamma Fondazione: nel 2021 saranno distribuiti 25 milioni di euro

Covid o non Covid, mamma Fondazione Carilucca c'è sempre e anche nel 2021 distribuirà oltre 25 milioni di euro e scusate se è poco. Ecco l'unico e ultimo centro di potere a Lucca


martedì, 27 ottobre 2020, 13:09

MAI e MaDAMM: +50% delle domande di iscrizione per l'anno accademico 2020-2021

I due Master organizzati dall'Istituto Boccherini e Celsius dimostrano la loro innovatività e attrattività a livello nazionale


martedì, 27 ottobre 2020, 13:03

Salvati i mercati, ma i fieristi ancora non lavorano, Cna Lucca: "Danneggiata una parte dei lavoratori ambulanti"

C’è perplessità e rammarico nella categoria degli ambulanti. Se ne fa espressione la Cna commercio su aree pubbliche, valutando le nuove disposizioni dell’ultimo decreto