Anno XI

mercoledì, 27 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

Export 2° trimestre 2021, Lucca-Pistoia-Prato recuperano complessivamente i livelli pre-covid

giovedì, 16 settembre 2021, 13:31

E' una lunga rincorsa quella che l'export di Lucca, Pistoia e Prato sta effettuando negli ultimi mesi, dopo che la morsa della pandemia si è parzialmente allentata. I risultati ci sono: l'elaborazione fatta dal Centro studi di Confindustria Toscana Nord su dati Istat evidenzia come il 2° trimestre 2021 abbia visto nel complesso delle tre province un incremento di +51,6% rispetto allo stesso periodo del 2020 (segnato dall'esplosione della malattia e dalla chiusura di interi settori), ma - soprattutto - come vi sia stato un incremento (+2,4%) anche sul "normale" 2° trimestre del 2019.
 
Nel dettaglio delle province, di assoluta eccellenza il risultato dell'export di Lucca, che segna +10,6% rispetto al 2° trimestre 2019, dato superiore al 6,5% nazionale (il dato lucchese rappresenta anche +54,2% rispetto allo stesso periodo del 2020), e pregevole la prestazione di Pistoia, che recupera interamente quanto perso con la pandemia (+0,8% sul 2° trimestre 2019, +43,2% sullo stesso periodo del 2020). Al buon dato pistoiese concorre in maniera decisiva l'export di piante vive, che da solo rappresenta quasi un terzo del totale; limitandosi al manifatturiero, il risultato sul 2° trimestre 2019 cambia segno e si colloca a -12% (+39,7% sul 2° trimestre 2020). Il risultato di Prato, per quanto ancora negativo rispetto al pre-covid (-9% sul 2° trimestre 2019, +52% sullo stesso periodo del 2020), dà il senso di una direzione di marcia comunque all'insegna di un recupero che parte dal severo -17,7% dell'export 2020 sull'anno precedente.

Fra i macrosettori manifatturieri, a livello del territorio complessivo di Confindustria Toscana Nord il risultato più consistente - più che doppio (+110%)  rispetto al 2° trimestre 2020 - è quello della metalmeccanica (+16,1% rispetto al 2° trimestre 2019); ma anche il settore manifatturiero più penalizzato dalla pandemia, la moda, cresce nell'export di +62,6% rispetto allo stesso periodo del 2020, non sufficiente tuttavia a raggiungere i livelli del 2019 (rispetto allo stesso trimestre di tale anno -14,5%); molto buoni anche i risultati di plastica e gomma, mobile e alimentare. Segno meno invece per carta e cartotecnica (-9,5% rispetto al 2° trimestre 2020, stessa variazione rispetto allo stesso periodo del 2019) e per chimica e farmaceutica (-11,5% rispetto al 2° trimestre 2020, -5,1% rispetto allo stesso periodo del 2019).

"Lucca, Pistoia e Prato pesano insieme per quasi un quinto dell'export toscano e presentano una gamma particolarmente ampia e variegata di settori - commenta il presidente di Confindustria Toscana Nord Daniele Matteini -. Un'articolazione, quella del nostro territorio, che ha effetti forti sulle dinamiche dell'export che vi viene generato e che procede con velocità spiccatamente differenziate. Limitandosi al manifatturiero, il complesso dell'export Lucca-Pistoia-Prato si riporta nel 2° trimestre ai livelli dello stesso trimestre 2019 (+0,3%; rispetto al 2° trimestre 2020 +51,7%). Il risultato finale dell'export del 2° trimestre coincide sostanzialmente con quanto era emerso dalla rilevazione sulla produzione industriale effettuata per lo stesso periodo dal nostro Centro studi; emerge l'immagine di un'industria che ha saputo reagire bene alle difficoltà della pandemia. I mesi che ci separano dalla fine dell'anno, con le incognite sui costi di materie prime, componentistica, energia e trasporti e, non ultima, sull'evoluzione della situazione sanitaria, saranno decisivi, così come lo sarà l'avvio del Piano nazionale di ripresa e resilienza."

Lucca
"Quello di Lucca è il caso di un territorio che dal punto di vista economico non è stato troppo toccato dalla pandemia, nemmeno nei momenti peggiori dell'emergenza sanitaria e delle chiusure, che comunque ci sono state e hanno interessato interi importanti settori - osserva il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Tiziano Pieretti -. L'export del 2° trimestre 2021 continua sulla stessa linea (sul 2° trimestre 2019, +10,6% il totale, +10,7% il solo manifatturiero) e vede anche rimonte molto significative di alcuni dei settori che erano rimasti più penalizzati, come il lapideo (+94,3% sul 2° trimestre 2020 e +2,5% sullo stesso trimestre 2019) e il calzaturiero (+88% sul 2° trimestre 2020, anche se rimane il forte scarto di -32% rispetto allo stesso periodo del 2019). Da segnalare le prestazioni eccezionali della nautica, che supera nettamente i numeri pre-covid (+33,2% sul 2° trimestre 2019, +238% sullo stesso periodo 2020: da considerare comunque che il settore è caratterizzato per sua natura da andamenti condizionati dai tempi lunghi di lavorazione), della plastica e gomma (+57,4% rispetto al 2° trimestre 2020, +18,3% rispetto al 2° trimestre 2019) e della metalmeccanica, dove le macchine di impiego generale raddoppiano rispetto al 2020 e sopravanzano anch'esse nettamente il 2019 (+111,5% sul 2° trimestre 2020, +25,9% sullo stesso periodo del 2019). Anche le macchine per la carta sono prossime al pieno recupero: +76% rispetto al 2° trimestre 2020, -1,3% rispetto agli stessi mesi del 2019. Caso a sé quello della carta, sul cui risultato (-10,7% sul 2° trimestre 2020, -11,8% sul 2° trimestre 2019) agiscono vari fattori che vanno da un riassestamento rispetto alle impennate di alcune tipologie produttive verificatesi durante la pandemia a una sensibile contrazione dei prezzi medi all'export che i dati Istat, che per le province riguardano solo i valori dell'export e non i volumi, registrano puntualmente."

Pistoia
"L'export manifatturiero di Pistoia del 2° trimestre 2021 ha effettuato una prestazione che, con -12% rispetto al 2° trimestre 2019, è ancora lontana dai livelli pre-covid: un risultato che non sorprende quando si consideri che il settore manifatturiero in maggior affanno a livello nazionale, la moda, pesa da solo per il 20% del totale provinciale - aggiunge il presidente di Confindustria Toscana Nord Daniele Matteini -. La moda in effetti, sebbene recuperi +45,8% rispetto al 2° trimestre 2020, rimane per  -12,4% al di sotto dello stesso periodo del 2019. Fra i settori più rilevanti è l'unico, ma pesante, caso di mancato recupero della situazione pre-covid, assieme al materiale ferrotranviario la cui accentuata discontinuità è però connaturata al settore e amplificata dagli effetti che lo stop della pandemia ha generato per i suoi lunghi cicli di lavorazione. Per arrivare al conseguito pareggio dell'export pistoiese complessivo (+0,8%) con il 2° trimestre 2019, dunque, sono state necessarie prestazioni particolarmente buone degli altri settori, in particolare - fuori dal manifatturiero - quello del florovivaismo che incrementa del +47,6% rispetto al 2° trimestre 2019. Continua la serie positiva dell'export alimentare (+17% sul 2020, +9,5% sul 2019, sempre in relazione ai mesi aprile-giugno), della chimica (+63,7% sul 2020, +34,1% sul 2019), della plastica-gomma (+52,5% sul 2020, +28,7% sul 2019), dei prodotti in metallo, dei macchinari e degli apparecchi elettrici. Ancora in territorio negativo invece il settore arredamento, con -7,1% sul 2° trimestre 2019 ma con segnali di ripresa significativa (+46,5%) rispetto allo stesso periodo 2020."

Prato
"Quella che emerge dai dati dell'export pratese del 2° trimestre 2021 è una ripresa lenta e faticosa, per quanto non vi sia nulla di realmente inaspettato nel mancato raggiungimento dei livelli pre-covid (sul 2° trimestre 2019, -9% il totale, -9,8% il solo manifatturiero) - conclude la vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Fabia Romagnoli -. La constatazione che quasi l'80% dell'export di Prato è costituito dal settore tessile-abbigliamento lasciava poche illusioni circa le previsioni sui dati del 2° trimestre di quest'anno. Per la moda è del tutto evidente che non potrà esserci piena ripresa finché permarranno restrizioni e condizionamenti alla socialità, che nella prima metà di quest'anno erano ancora forti e che, sia pure in misura minore, esistono tuttora e rimangono significativi. Sebbene il settore cresca a Prato nell'export del 2° trimestre 2021 di un nettissimo +64,8% sullo stesso periodo del 2020, rispetto al 2° trimestre 2019 rimaniamo ancora a -14,2%. Un dato, quest'ultimo, in linea con la produzione industriale dello stesso periodo, cui secondo le rilevazioni del Centro studi di Confindustria Toscana Nord manca ancora il 18% per portarsi a quota 2019. Una nota positiva arriva dal meccanotessile, che quasi raddoppia rispetto al 2020 (+96,8% 2° trimestre 2021 sullo stesso periodo dell'anno precedente) e che presenta un forte incremento (+25%) anche sul 2019: un buon auspicio non solo per il meccanotessile stesso ma anche per il tessile locale. Fra gli altri settori, da segnalare +159,7% della chimica sul 2° trimestre 2020, per quanto non ancora sufficiente a raggiungere i livelli dello stesso periodo del 2019 (-4,8%)."


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


martedì, 26 ottobre 2021, 14:12

Amedeo Sabato confermato alla guida di Fai Cisl Toscana Nord

Amedeo Sabato è stato appena confermato con massimo consenso alla guida di Fai Cisl Toscana Nord, il sindacato di categoria che si occupa di tutto il comparto alimentare, agricolo e ambientale del comprensorio


martedì, 26 ottobre 2021, 12:27

Alla Camera di Commercio un nuovo strumento per l'assistenza sulle pratiche

Cerchi assistenza sulle pratiche da presentare al Registro imprese o al REA? La Camera di Commercio di Lucca mette finalmente a disposizione il SARI - Supporto Specialistico Registro Imprese, il nuovo strumento gratuito che guida passo passo nella predisposizione di tutti gli adempimenti pubblicitari


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 26 ottobre 2021, 09:45

Fucile (Confartigianato): “Sì alla proroga dei bonus ristrutturazioni e 110%”

Le ultime indicazioni del Governo fanno pensare che il bonus facciate in scadenza a fine anno non avrà una proroga. Il discorso non è chiuso


lunedì, 25 ottobre 2021, 14:23

Infrastrutture digitali e PA: la Provincia impegnata nel supportare la digitalizzazione del territorio

Interventi previsti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Sul portale web creata una pagina specifica dove si può vedere la mappa con l’avanzamento dei lavori per l’installazione della banda larga


lunedì, 25 ottobre 2021, 14:17

Cna, sbagliato annullare il mercato in piazzale don Baroni

Cna commercio su aree pubbliche plaude soddisfatta alla ripartenza degli eventi lucchesi dopo il lungo periodo di inattività dovuto alla pandemia. La ripartenza tanto attesa ha riservato, però, alcune amare sorprese, tra cui l'annullamento del mercato Don Baroni, previsto per sabato trenta ottobre


lunedì, 25 ottobre 2021, 14:04

Lucca Comics & Games: intensificati i servizi di Sistema Ambiente

La città si prepara ad accogliere la 55ª edizione di Lucca Comics & Games e anche Sistema Ambiente si è mossa per organizzare al meglio il servizio, con turni aggiuntivi e più personale