Anno XI

lunedì, 17 gennaio 2022 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

prenota_spazio

Economia e lavoro

La produzione industriale a Lucca, Pistoia e Prato nel 3° trimestre 2021: la ripresa continua con passo regolare

martedì, 30 novembre 2021, 19:49

Piuttosto prevedibili, ma comunque importanti come conferme del consolidarsi di una tendenza, gli ultimi dati della produzione industriale di Lucca, Pistoia e Prato raccolti ed elaborati dal Centro studi di Confindustria Toscana Nord.

Nel 3° trimestre 2021 la crescita tendenziale della produzione industriale nell'area Lucca-Pistoia-Prato - quella calcolata nel confronto rispetto allo stesso periodo del 2020 - si colloca a +8,4%. Un dato coerente con quanto accaduto nel trimestre precedente, quando il confronto con il corrispondente periodo del 2020 era sì maggiore di 5 punti, ma condizionato dal confronto con il periodo peggiore della pandemia, che comprendeva anche la chiusura forzata di molte attività manifatturiere.

Si registra quindi una sostanziale regolarità del dato tendenziale, confermata anche da quello congiunturale, cioè dalla crescita del 3° trimestre rispetto al trimestre precedente, molto simile a quella del 2° (+3,2% nel 3° trimestre rispetto a +3,5% nel 2°, al netto dei fattori stagionali). Sulla base dei dati attuali pertanto la ripresa dell'attività produttiva dell'area Lucca-Pistoia-Prato evidenzia uno sviluppo di fondo positivo e piuttosto regolare.

Differenziate, come sempre, le prestazioni dei vari settori, la cui distribuzione condiziona i risultati a livello provinciale e - in relazione alla loro maggiore o minore concentrazione nel territorio complessivo di riferimento di Confindustria Toscana Nord - anche il confronto con il dato italiano pre-covid. Nel confronto con la media del 2019, nel 3° trimestre 2021 l'indice italiano destagionalizzato resta inferiore del -0,7%, quello di Lucca-Pistoia-Prato del -2,8%.

Nello specifico dei settori, sono ancora impegnati a recuperare i livelli del 2019 la moda, il lapideo, il mobile e in misura minore la carta; vicinissima all'obiettivo la metalmeccanica, mentre chimica, plastica, alimentare e mezzi di trasporto lo superano, in qualche caso anche ampiamente.

Lucca

"La produzione di Lucca realizza nel 3° trimestre 2021 un risultato superiore del +2,4% alla media del 2019 - commenta il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Tiziano Pieretti - . L'obiettivo del recupero rispetto al periodo pre-covid è quindi nettamente centrato. Tutti i settori portano il segno positivo rispetto al 3° trimestre dell'anno precedente, con la sola eccezione dell'alimentare il cui -2,5% viene comunque a valle di un 2020 che ha avuto come risultato +4,2%. Buoni, talvolta ottimi, i risultati di tutte le altre tipologie merceologiche. Anche la carta rientra in territorio positivo, con un +2,2% che segna una svolta importante, indicando una performance non più concentrata su alcune tipologie produttive ma più armonicamente diffusa fra le varie specializzazioni del settore, incluse quelle che erano state più colpite dagli effetti economici della pandemia. I livelli pre-covid tuttavia non sono ancora raggiunti: il distretto cartario Lucca-Pistoia si discosta nel 3° trimestre 2021 dalla media 2019 per il -4,5%, dato migliore comunque di quello italiano fermo a -7,2%. Incrementi a una cifra anche per moda (+3,7%), lapideo (+4,2%) e nautica (+7,1%). Continua la serie positiva dei settori legati ai metalli, cioè metallurgia (+10,9%) e costruzione di macchine/elettromeccanica (+13,6%), evidentemente spinte dalle ripresa di altri comparti loro clienti, dall'edilizia a varie tipologie manifatturiere. La crescita più rilevante è ancora una volta quella della chimica/plastica, con un +19% che segue risultati positivi anche nei precedenti tre trimestri.
Quello che emerge dalle rilevazioni del nostro Centro studi è un manifatturiero lucchese che non ha più consistenti problemi di mercato, salvo alcune eccezioni e confidando che le incognite sull'evoluzione della pandemia non volgano a sorprese negative. Tuttavia volumi soddisfacenti di produzione non significano necessariamente margini adeguati: i costi energetici colpiscono in maniera più o meno forte tutti i settori, così come gli aumenti di materie prime e trasporti. Si sono ricreati i mercati, ma siamo ancora ben lontani dal recupero del necessario equilibrio nei flussi commerciali. La vera sfida adesso è questa."

Pistoia

"I dati che la congiuntura mostra a Pistoia sono nel complesso favorevoli, sia in termini di andamento della produzione sia in termini di aspettative - aggiunge il presidente di Confindustria Toscana Nord Daniele Matteini -. Spiace per due comparti tipici (cuoio e calzature e arredamento) per cui ancora la risalita è ridotta in termini tendenziali (rispettivamente del +4,9 e del 5,4): anche se i colleghi del settore sono ottimisti quanto a ordini e previsioni.
Sostenuto il recupero del settore abbigliamento e maglieria (+9,1%) della chimica (+10,8%) e della metalmeccanica (+6,6%); nel complesso la manifattura a Pistoia aumenta, in termini tendenziali del +4,6%
L'analisi ha mostrato anche una vitalità delle piccole imprese, laddove le differenze con le grandi aziende (con più o meno di 50 addetti) si sono leggermente attenuate, crescendo di più: questo per Pistoia è un buon dato, vista la struttura della maggior parte delle nostre industrie.
L'auspicio è che la tendenza prosegua, e addirittura migliori; certo che agiamo in un clima di elevatissima incertezza, derivante soprattutto da una crisi sanitaria che confidavamo di aver superato e che torna invece a essere fonte di preoccupazione soprattutto per quelle imprese che esportano anche in Paese vicini a noi; ma in generale per i lavoratori, le famiglie e i consumi interni. Questo, unito a una serie di altri problemi (soprattutto l'aumento dei costi di gas e energia, oltre a quello delle materie prime) mette a dura prova il sistema che comunque, fino a ora, ha saputo ben reagire."

Prato

"L'andamento della produzione manifatturiera pratese nel 3° trimestre 2021 continua a segnare risultati nettamente positivi: +11,9% rispetto allo stesso periodo del 2020, dato che rappresenta -9,4% rispetto alla media 2019, ultimo anno pre-covid - conclude la vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Fabia Romagnoli -. Le buone prestazioni della produzione pratese non bastano a recuperare le posizioni perdute con la pandemia e il motivo rimane sempre lo stesso: la prevalenza nell'ambito del manifatturiero pratese del settore moda, che nel 2020 ha perso volumi di produzione per oltre il 21% nel tessile e per quasi il 23% nell'abbigliamento.
Una quota difficile da recuperare in un contesto in cui la vita sociale è sì ripresa ma non certo a livelli di normalità che, date le recentissime notizie sull'evoluzione della pandemia, stenteranno ancora a tornare. Il +11,1% del tessile e il +32,4% dell'abbigliamento pratese nel 3° trimestre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 rappresentano risultati apprezzabili, ma il gap sul 2019 rimane; per il tessile, in particolare, supera ancora l'11%.
Quanto al meccanotessile, continua con buoni risultati la marcia per il recupero di quanto perduto nella pandemia: se il 2° trimestre 2021 segnava +7,3% sullo stesso periodo del 2020, il corrispondente confronto per il 3° trimestre dà un ancora più deciso +11,3%.  
Per il manifatturiero pratese attualmente la principale minaccia, più ancora dei volumi di produzione, è la marginalità, letteralmente mangiata dagli aumenti della bolletta energetica, delle materie prime e dei trasporti. Una situazione, questa, che se dovesse continuare nel medio termine rischierebbe di divenire insostenibile."


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

lamm

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Economia e lavoro


lunedì, 17 gennaio 2022, 12:06

Due nuove auto ecologiche per il Consorzio

Il Consorzio sempre più verde, cresce il parco auto elettrico dell’Ente: arrivano due nuove vetture ecologiche, in linea con gli obiettivi dell’Europa, le emissioni di anidride carbonica dei mezzi consortili scenderà di oltre il 30 per cento in tre anni


lunedì, 17 gennaio 2022, 11:21

Mercato Don Baroni, Cna ne propone la riqualificazione: "Urgente intervento strutturale"

Un intervento strutturale e drastico sul mercato don Baroni è diventato ormai indispensabile. Ne è convinta la Cna commercio su aree pubbliche che segnala diverse situazioni di difficoltà in cui continuano a lavorare gli ambulanti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 17 gennaio 2022, 11:05

Psicologi, l'Ordine toscano: "In 15 anni spariti il 50 per cento degli psicologi nelle Asl"

L'appello della presidente Maria Antonietta Gulino: "Le liste d'attesa lunghe spingono verso il privato. Anche negli ospedali la psicologia è carente. Basta slogan, servono impegni concreti: la Regione investa sul benessere psicologico dei toscani"


domenica, 16 gennaio 2022, 16:23

Servizio civile universale 2022: 25 posti retribuiti alla Croce Verde di Lucca

Occasione per giovani dai 18 ai 28 anni, per progetti di assistenza e primo soccorso, ma anche di educazione alla salute. Scadenza presentazione domande online: mercoledì 26 gennaio 2022


sabato, 15 gennaio 2022, 13:46

Aci Lucca chiude il 2021 in crescita: +3,3% per oltre 20 mila 400 soci

Aci Lucca chiude il 2021 con un bilancio decisamente in crescita. La delegazione lucchese, infatti, non ha risentito delle conseguenze della pandemia, registrando una crescita del +3,3 per cento nel numero totale di soci


sabato, 15 gennaio 2022, 09:55

A Lucca 20 mila sotto la soglia di povertà: agricoltori in soccorso

Gli agricoltori in soccorso dei nuovi poveri. Al via nella provincia di Lucca la distribuzione di circa 1 tonnellata di cibi e bevande Made in Italy alle famiglie in difficoltà