Anno 7°

martedì, 23 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Délifrance sbarca al Franco Mare ed è delizia per occhi e palato

martedì, 24 marzo 2015, 00:55

di aldo grandi

Metti un pomeriggio assolato e la voglia, a primavera appena iniziata, di fare un salto al mare. Infilaci una interSvista, consueta, di inizio stagione a Roberto Santini, titolare del Bagno Piero di Forte dei Marmi. Aggiungi un buon allenamento sulla spiaggia, un fartlek da 15 secondi a un minuto e ritorno, quindi tuffo e doccia calda sul retro delle cabine. Tutto perfetto, tirato a puntino, a digiuno e dopo aver rifiutato nientepopodimeno che un invito a pranzo da parte di Santini al suo le Boe, faccia fronte mare e sole a baciarti il viso. La dieta prima di tutto, ma, purtroppo, c'è un ma...

Sul cellulare arriva una telefonata che annuncia la presenza, a Marina di Pietrasanta, al bagno Franco Mare, altro splendido esempio di gestione turistica in Versilia, di un evento legato alla presentazione dei prodotti della più famosa e prestigiosa azienda alimentare nel settore del pane e dolci surgelati, la Délifrance. Per puro caso, sotto la sella della moto c'è la piccola Nikon che, all'occorrenza, è un portento. Il tempo, brevissimo, di fare mente locale, il ripromettersi di non cedere alla tentazione e limitarsi solo a fare scatti e prendere appunti, ma niente, niente cibo.

Entri nella sala, fronte piscina, del magnifico Franco Mare e trovi, ad accoglierti, due mega tavoli letteralmente arredati con ogni tipo di leccornia, a sinistra il dolce, che nemmeno degnamo di uno sguardo e, a destra, il salato, dalle focacce alle pizze, dai prodotti integrali o vegani ai panini farciti e ai cornetti salati o i rustici e le pizzette appena sfornate: roba da tentare anche il più fedele dei servitori.

Seduto ad un tavolo con amici e clienti più o meno potenziali c'è Ezio Panseri, 68 anni, originario di Bergamo, ma da una vita abitante a Viareggio con la famiglia. Gestisce la Gelateria Olimpia di Capezzano Pianore con punto vendita in passeggiata al Lido di Camaiore ed è anche distributore per Lucca, Versilia e Pisa dei prodotti Délifrance. Con lui, come rappresentante, Massimo Pardini. Accompagnano la bakery francese le birre artigianali del Birrificio degli Archi di via Cairoli 143 a Viareggio e, in quattro e quattr'otto ce ne spariamo tre bicchieri.

Per chi non lo sapesse la Délifrance è l'azienda che, nel 1978, inventò la baguette surgelata, un successo strepitoso e mondiale che ha spinto i francesi a proseguire nella produzione di pane e dolci surgelati di altissima qualità, preparati con attenzione e cura maniacali, con lievitazioni prolungate e pronte per essere servite ai clienti che non soltanto non percepiscono differenza rispetto al prodotto fresco, ma che, addirittura, lo preferiscono. A cominciare da chi scrive perché, sotto l'insistenza cortese, ma costante, di Davide proprietario della struttura balneare, alla fine ha ceduto. Una fame pantagruelica lo ha portato a sciropparsi tre panini farciti con ogni ben di Dio e un triangolo di sfoglia con mortadella, verdure e salse, roba da denuncia per istigazione a commettere un reato. Per non parlare, vista l'impazienza dell'attesa, della focaccia ai cinque cereali con prosciutto e formaggio, dei cornetti salati, delle pizzette fantastiche e delicatissime, dei rustici caldi ripieni. Alla fine arriva, inevitabile, intorno alle 16, la decisione, a stomaco full up, di chiamare il fotografo Ser Fiorenzo e disdire il suo invito a cena, sia pure con enorme dispiacere, ma come si fa a mangiare, alle 20.30, dopo essersi rimpinzati di golosità, le cotolette di agnello del mitico maestro fotografo?

"Délifrance - spiega Panseri - ha inventato anche la prima brioche surgelata. Oggi sabato e domenica abbiamo inviato oltre mille inviti per un open-day rivolto alle categorie affinché conoscano da vicino i prodotti di Délifrance e di Panitaly, l'altra sua azienda che produce pane in Italia. Tenete presente che il prodotto surgelato di Délifrance e Panitaly permette di risparmiare e di non gettare nulla. Infatti si scalda solo ciò che serve mentre il prodotto fresco, una volta cotto, si getta via. Poi la fragranza del pane e degli altri prodotti a base di cereali, nessuna differenza con il fresco e questo perché la qualità è altissima".


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Locanda di Bacco


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 18 aprile 2019, 18:13

Pasqua all'Angolo dolce... sono coccole di benessere

A Borgo Giannotti non c'è Pasqua senza una visita all'Angolo dolce di Sandra Bianchi dove non si soddisfa soltanto il palato, ma ci si rifanno anche gli occhi


martedì, 16 aprile 2019, 22:47

Il ristorante Franco Mare a caccia di un risultato di prestigio

Il ristorante di Marina di Pietrasanta, rinnovato negli arredi e nel menu serale, punta sul giovane chef Alessandro Ferrarini per raggiungere prestigiosi traguardi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 15 aprile 2019, 19:39

Giovedì alla Tosca la serata del norcino di Vinchiana

Il norcino di Vinchiana protagonista a la trattoria "La Tosca" di Gignano di Brancoli. Per giovedì 18 aprile, Paolo Luporini propone un menù al prezzo di 15 euro


domenica, 14 aprile 2019, 18:56

La Pasqua del bar pasticceria Sottopoggio: "Auguri ai nostri clienti"

Si prepara alla Pasqua la pasticceria bar Sottopoggio di via Sottomonte 66 a Guamo. Il locale, gestito da Moira Luchi con il padre Endro e lo zio Oriando, propone per le festività una gustosa offerta di colombe e uova pasquali


sabato, 13 aprile 2019, 10:14

Anteprima Vini, ecco il Sassicaia 2015, vino dell'anno nel mondo

Si avvicina a grandi passi l’appuntamento con l’edizione 2019 di Anteprima Vini della Costa Toscana, la più grande rassegna enologica della costa toscana che torna al Real Collegio i prossimi 4 e 5 maggio con oltre 800 etichette e 100 viticoltori


martedì, 9 aprile 2019, 17:07

Giovedì serata speciale alla trattoria "La Tosca" di Gignano di Brancoli

Per giovedì 11 aprile, Paolo Luporini propone un menù al prezzo di 15 euro. Il menù prevede: fettunta e crostini con olio della nuova raccolta 2019; primo con ragù bianco di porco nero; secondo di braciola di maiale con contorno di rapini di campo; dolce; acqua, vino e caffè