Anno 7°

martedì, 14 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Piantumazione dell'Inula Viscosa: partita la lotta alla mosca olearia

mercoledì, 29 aprile 2015, 13:31

Oliveto biologico? Si grazie. A Lucca, dopo la non felice raccolta del 2014, si è scelto di intraprendere una strada diversa per incrementare la raccolta delle olive e, cioè, quella dell'oliveto biologico, mentre gli esperti parlano di una raccolta decisamente migliore – tempo permettendo – rispetto allo scorso anno.

La scorsa stagione, secondo quanto determinato dagli esperti, ha visto una proliferazione straordinaria della mosca olearia, causata dalle condizioni meteo, che, al contempo, hanno anche causato una ridotta nascita di olive. I due fattori - alto numero di mosche oleare e poche olive - uniti, hanno avuto l'effetto di ridurre considerevolmente la produzione di olio nel 2014 che ha toccato valori molto negativi. «Si tratta di condizioni che non si presentano tutti gli anni - spiegano alla Cia Toscana Nord - ma è altresì vero che, con i cambiamenti climatici in atto, è necessario ripensare le coltivazioni in modo da poter arginare i danni in eventuali altre annate difficili». 

Ecco, quindi, che sono partiti alla Fattoria Colleverde di Matraia, i lavori di piantumazione di esemplari di Inula Viscosa sui circa 15 ettari di oliveto biologico dell'azienda.  

L'Inula Viscosa è una pianta spontanea, diffusa sulle scarpate di tutte le regioni costiere del Mediterraneo ed è preziosa grazie alle sue molteplici proprietà, che, per quanto concerne gli olivi, la vede come 'casa' invernale di un insetto, l'Eupelmus Urosonus, che è un parassitoide polifago, il quale rappresenta, di fatto, il più attivo antagonista naturale della mosca olearia, grazie alle sue due-tre generazioni annue. 

«Ovviamente – afferma la Cia Toscana Nord – la sola presenza dell'Eupernus Urosonus non è sufficiente da sola a combattere i forti attacchi di mosca dell'olivo, ma la sua azione può essere determinante in associazione ad altre forme di lotta biologica e in concomitanza con altri insetti benefici ospiti di piante, la cui presenza dovrebbe garantire una maggiore biodiversità ai nostri oliveti, quali fichi, mirti, cardoni e perfino le tanto famigerate infestanti». 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Locanda di Bacco


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 agosto 2018, 18:21

Vini lucchesi in vetrina per “Calici sotto le Stelle” in piazza San Francesco

Notte di San Lorenzo all’insegna del buon vino locale a Lucca, grazie alla serata organizzata da Confcommercio in collaborazione con “Strada del vino e dell’olio - Lucca Montecarlo Versilia” e Fisar, in piazza San Francesco nel centro storico


sabato, 11 agosto 2018, 11:17

Ristorante Du palle... fantasticissimo

Il locale è in un punto preciso, in via del Tiro a segno a Lucca, collocato all’interno del circolo sportivo nel quale si gioca sia a tennis che a calcetto. Esattamente in quel punto c’è Du palle


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 9 agosto 2018, 16:04

Continua la sagra della zuppa alla paesana a S.Maria del Giudice

Domani sera venerdì 10 agosto, sabato 11 e domenica 12 gli organizzatori faranno ancora di più per contentare i tanti fedelissimi e anche "i novizi"


giovedì, 9 agosto 2018, 11:03

Stecco Casanova, il nuovo modo di godere di gelato e genuinità

Aperta da meno di tre mesi, la Gelateria Artigianale Stecco Casanova - in via San Paolino 49 - si è già dimostrata l'ennesimo colpo di successo di un grande imprenditore del food, alias Alessandro Tognetti, già noto per il suo ristorante tutto pesce...


venerdì, 3 agosto 2018, 14:37

Si apre la sfida di CreaTech 2018

Aperte le iscrizioni alla maratona tra creativitàe tecnologia che promuove la connessione tracultura, turismo e gastronomia. Si svolgerà nell’ambito di Lubec il 4 e il 5 ottobre. In palio 6 mila euro per i team vincitori e la possibilità di realizzare una delle applicazioni software presentate


mercoledì, 1 agosto 2018, 12:37

Notte Bianca del Cibo Italiano: Lucca nel segno di Pellegrino Artusi

Anche la città di Lucca renderà onore al nome di Pellegrino Artusi partecipando a tale evento con iniziative che collegheranno la passione del cibo con la cultura