Anno 5°

martedì, 16 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Stai... Manzo

sabato, 24 dicembre 2016, 01:55

Innanzitutto i titoli di coda. Come non si fa, del resto, a parlare di una cena degli auguri di Natale senza celebrare la cuoca, al secolo Chiara Menozzi, strepitosa con i suoi tortellini con fonduta di parmigiano e riduzione di lambrusco? Antonio Fava fa bene a elogiarla e a tenersela stretta, è una cuoca di spessore che non sbaglia un colpo. All'Osteria del manzo di via Cesare Battisti 28, cuore del centro storico, è andata in scena una cena degli auguri alla quale non poteva mancare la Gazzetta di Lucca, invitata come da tradizione a una ricorrenza che è un must ideato da Antonio fava, gestore e manager del locale.

L'atmosfera, varcato l'ingresso, avvolge con dolcezza e tepore, lo specchio enorme, sulla parete, rimanda espressioni e fisionomie familiari che a volte stupiscono e altre accarezzano. Sui tavoli i piatti straordinari che Antonio fava ha voluto e che regalano gioia e colori al commensale che si sente a suo agio. La serata comincia con gli antipasti, erbazzone e lingua con giardiniera, una lingua, va detto, divorabile senza pietà e che trasmette un sapore capace di invogliare al raddoppio. Sotto una giardiniera che va giù senza fiatare.

Antonio ha un sorriso contagioso che conquista, la battuta ironica, il ricordo sgargiante. E' un perfetto padrone di casa che non perde mai la calma, dominato dalla gentilezza e dall'attenzione al cliente. 

La pasta prevede i tortellini con fonduta di parmigiano e, subito dopo, i passatelli in brodo. Bravissima la Chiara.

Il secondo arriva ed è il classico pranzo di natale a base di manzo, gallina e coteghino con salse varie e purè di patate. 

Infine il dolce, una torta di zucca, sapore insolito, ma piacevole. Il tutto abbinato con i seguenti vini: Nani Otello Brut per il benvenuto, poi il Decanta bianco, quindi l'Otello Nero di Lambrusco 1813 e qui esplode incontenibile la voglia di mandare giù questo nettare rosso unico. Infine un Decanta rosso. 

Antonio Fava approfitta della serata ispirata al Natale per sedersi e raccontarsi, lui che è approdato alla ristorazione per passione e dopo una vita o quasi spesa nel settore sanitario viaggiando in lungo e in largo per l'Italia e non soltanto. E' il ristorante Osteria del manzo, un luogo dove si va e si sosta con rilassatezza, sembra di essere ina ltri evi e, del resto, l'insegna della vecchia trattoria ancora campeggia trionfante all'ingresso del locale. 

Al termine gli auguri sono scontati, vanno e vengono senza soluzione di continuità. Assolutamente da ripetere come esperienza enogastronomica.

Osteria del manzo, via Cesare Battisti 28, tel. 0583/490649


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa



Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo


bonito400


Bar Monica



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 16 gennaio 2018, 09:01

Le serate dei grandi rossi di Alex: 1.I Cru della Costa Toscana

Da non credere. Un ciclo di serate che aguzzerà le antenne degli appassionati di vino, dei degustatori - professionisti, amatoriali - e anche dei neofiti che potranno avvicinarsi a grandi bottiglie ad un prezzo unico. E' l'incredibile proposta di Alex - Cibi e Vini a Tonfano per i prossimi venerdì...


domenica, 14 gennaio 2018, 13:21

1988-2018, trent'anni di Orti in via Elisa

Il ristorante Gli Orti di via Elisa della famiglia Pacini-Barbieri compie, quest'anno, i 30 anni. E' stato, a tutti gli effetti, un locale nato e cresciuto all'insegna della lucchesità. Ne ripercorriamo, nei limiti, la storia che è anche quella di una città, Lucca, che non si arrende mai


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 11 gennaio 2018, 11:55

Via libera allo street food contadino anche in provincia di Lucca

Le aziende agricole potranno vendere direttamente i propri prodotti trasformati e cucinati anche in forma itinerante. E’ il caso, per esempio come il castagnaccio, i necci e i matuffi (la polenta con il sugo di carni miste) che potranno essere cucinati e somministrati in strada, e di molte altre ricette...


mercoledì, 10 gennaio 2018, 19:52

La mortadella Palmieri augura un buon 2018 dall'Enoteca Marcucci

Una foto splendida per gentile concessione di Fiorenzo Sernacchioli in cui il fascino tutto discreto di una fetta di mortadella Palmieri giace su un calice di champagne Michel basetta di fronte all'affettatrice più affascinante che c'è


sabato, 23 dicembre 2017, 19:14

I dieci anni dell'EnoRistorante Micheloni

"Martedì 19 dicembre il locale ha fatto 10 anni di attività" ha esordito Stefano Micheloni, che assieme al fratello David è proprietario dell'EnoRistorante Micheloni a Guamo. Ma la carriera dei due nel mondo della ristorazione risale a molto prima, come è stato spiegato in questo colloquio con la Gazzetta


giovedì, 21 dicembre 2017, 21:03

Il Capodanno della Locanda di Bacco, con gli scavi della Domus Romana

Dare il benvenuto al 2018 in un ambiente che rievoca la vita di Lucca ai tempi degli antichi. È la proposta di fine anno della Locanda di Bacco, che dà l'opportunità ai clienti di poter mangiare vicino a degli scavi archeologici, dove sorgeva una vera e propria domus romana