Anno 7°

martedì, 14 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Una serata agli Orti con leggende e sapori lucchesi

venerdì, 2 dicembre 2016, 08:42

di eliseo biancalana

Prendete un ristorante del centro storico che più centro storico non si può, aggiungete un mix di salumi e prodotti tradizionali e slow food della Garfagnana e della lucchesia, mescolate con canzoni di diavoli e linchetti, accompagnate il tutto con vini premiati. Avrete così un'idea di cosa è stata "Leggende e Sapori Lucchesi", degustazione all'insegna del territorio che si è svolta presso il ristorante "Gli Orti di Via Elisa" giovedì primo dicembre.

Il tutto è stato organizzato in collaborazione con "L'Antica Norcineria" e con la cantina "Torraccia del Piantavigna". "Lo spirito di questa serata – ha spiegato alla Gazzetta il ristoratore Samuele Cosentino - lo dice il titolo stesso: la valorizzazione del territorio attraverso i profumi e i sapori dei prodotti locali, alleggerita e resa più interessante e piacevole dalla musica di Joe Natta, che io stimo molto, perché ha avuto l'idea di riscoprire il nostro patrimonio folcloristico. È una serata di riscoperta." Il cantante lucchese ha infatti creato un progetto musicale ispirato alle tradizioni locali, "Leggende Lucchesi", che è anche il nome del trio di musicisti che interpreta i brani: lo stesso Natta, Fabio Rapatmax e Ylis. Hanno già all'attivo tre album, a febbraio-marzo dovrebbe uscirne un quarto.

Ma torniamo ai sapori. In piedi dietro a un tavolo, Bruno Bellandi e Giuliano Banducci de "L'Antica Norcineria" hanno passato la serata ad affettare salumi e prosciutti. "La nostra ditta cerca di fare i prodotti come li facevano i nostri vecchi una volta" hanno spiegato. Tra le specialità offerte durante la degustazione, ha spiccato il Bazzone, certificato presidio slow food, di cui sono prodotti solamente 240 prosciutti l'anno e che può costare sui 47 euro al kg. I clienti hanno anche potuto apprezzare il Biroldo e il pane di Petrognola (anche questi presidi slow food), il manzo di Pozza, il salame al fungo porcino di Coreglia, quello prosciuttato e il Linchetto. Nel menù anche una caciotta a chilometro zero, ricoperta da uno strato di lardo con rosmarino e pepe rosa. Finita la degustazione dei salumi, è stata servita una zuppa alla frantoiana. Tutto questo trionfo della lucchesità culinaria è stato accompagnato dai vini della "Torraccia del Piantavigna", portati a Lucca da Antonio Avanzato. Ma perché dei vini novaresi in una serata dedicata ai sapori lucchesi? Perché "il territorio è un valore ma non un limite", ha risposto Cosentino. Ecco allora serviti sui tavoli i rossi La Mostella, al 100% vespolina (vitigno autoctono dell'alto Piemonte) e soprattutto il Ghemme, che da ben nove anni è premiato dalla guida del Gambero Rosso con "tre bicchieri". La degustazione si è conclusa con il lucchesissimo castagnaccio con ricotta, accompagnato da un liquore alla nocciola.

Il clima della serata è stato disteso e rilassato, la clientela variegata. Prossimo appuntamento a San Valentino: a far da compagnia agli innamorati sarà la musica di Meme Lucarelli.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 12 luglio 2020, 10:09

Venerdì 17 serata siciliana all'Antica Locanda dell'Angelo

La straordinaria arte culinaria di Antonina Foti per un menu isolano senza pari: appuntamento venerdì 17 luglio in via Pescheria


sabato, 11 luglio 2020, 12:54

60 anni de "Il Cuore"

Tre generazioni, un'attività che ha saputo rinnovarsi, anticipando i tempi, e la scelta, quotidiana, di offrire sempre prodotti di qualità: sono gli ingredienti che hanno portato "Il Cuore" a festeggiare i primi 60 anni di vita nel "cuore" della città


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 luglio 2020, 09:25

C'è solo un modo: il nostro. Ammodonostro in via della Fratta 22

Un nuovo locale nel cuore del centro storico condotto da Vittoria Dalia e con un cuoco ispirato: la cucina tradizionale toscana a portata di casa. E la domenica sera anche musica dal vivo. Foto di Ciprian Gheorghita


mercoledì, 8 luglio 2020, 23:34

Fattoria del Colle, a tavola con Brunello e Cenerentola

Un week-end nella tenuta di Donatella Cinelli Colombini a Colle Trequanda, ad un passo o quasi da Montalcino, Sant'Antimo, Pienza. Dopo il lockdown riapre il resort


mercoledì, 8 luglio 2020, 21:21

“L'Oste di Lucca: le specialità”: il sogno di Maurizio del Magro diventa realtà al numero 7 di via Cenami

Era il progetto di Maurizio Del Magro, noto ristoratore di via Cenami che, a febbraio del 2018, è venuto prematuramente a mancare. Un obiettivo al quale pensava da tempo e che i due figli Chiara e Matteo, insieme con il genero Antonio Di Cecio, hanno voluto rendere realtà


martedì, 7 luglio 2020, 11:45

Tenuta del Buonamico: il Fortino, Syrah d'autore

Inizia un ciclo di incontri con la monumentale realtà di una cantina che è eccellenza del territorio lucchese in tutto il mondo: da Montecarlo, Tenuta del Buonamico. Abbiamo chiesto al nostro enogastronomo Marco Bellentani un parere sul vino di punta.