Anno 5°

martedì, 16 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia : soprese a Marlia

Dolci "gourmet", goduriosi, differenti: Ana D'Andéa al Dao

martedì, 10 gennaio 2017, 15:41

di Marco Bellentani

Circa un mese fa avevamo parlato di quell'esperienza esaltante avuta al DAO, vero tempio della carne, con tanto di sacerdote, dottissimo in materia, abile asador ed esperto di tagli e venature come Orlando Giordan. Tralasciando, in quello che fu un tripudio ci godimento cernivoro (leggi qui l'articolo), quella che si può definire la seconda delle gradite sorprese di questo piccolo locale situato a Marlia (Capannori): i dolci. Accanto all'esperto Giordan, infatti, lavora Ana D'Andréa compagna di vita e da una vita compagna di lavoro dello chef veneziano. Ana, come tutte le pauliste, le cittadine della megalopoli brasiliana, ha quell'accento ineffabile dall'espressione sfuggente, di chi prende la vita con filosofia e logica, senza mai tralasciare la passione pura per ciò che ama. Per nostra fortuna, tra le sue passioni ci sono proprio i dolci. Devozione, questa, che l'ha trasformata in una pasticcera dai diversi riconoscimenti oltre che dalle annose esperienze internazionali.

Così, proprio dopo quei magic moments che sono le carni alla spada del Dao, ecco che, diversificando non poco la nostra voglia di zuccheri nobili, è possibile trovarsi davanti ad una carte dei dolci che parla italo-brasiliano. La nazione verdeoro risplende, in questa sezione, a pieno titolo, portandoci, come detto, la possibilità di assaggiare tradizioni differenti (e sorprendenti), godimento e salubrità. Dolcezza si, ma controllata...di quelle che esaltano il gusto degli ingredienti. E, va da se, siamo di fronte davvero ad un'altra piccola/grande esperienza.

Poker di Brigadeiro

Monumento brasiliano nato dalle difficoltà, ci mancherebbe. Pasticceria povera? Chiamatela come volete, ma la ricchezza di sapore di questa morbida mousse di latte si presta alle più svariate interpretazioni facendo nascere, in patria, addirittura luoghi dedicati solo a questo dolce. Le varianti fanno la differenza: al cacao, al pistacchio, a base di limone oppure al peperoncino. Le innumerevoli variabili  presentate da Ana fanno di questo poker (o tris a vostra scelta) una sorpresa costante, dolce e suadente, ma con un'uscita pulita che predispone la mascella ad addentarne un altro.

L'immagine può contenere: una o più persone e cibo

Paçoca

Che capolavoro. Lasciatecelo dire. Il nostro preferito forse perché seppur lontano dalla nostra tradizione, non si estremizza in un'evoluzione incomprensibile, esoticamente fine a se stessa. Anzi, il dolce è semplice, diretto, emozionante. Un concentrato di latte e farina di arachidi che ne dona uno spirito tutto americano. Il cognac spinge un pò la grinta del dolce, ricompensata dalla coulis di frutti di bosco. Crunch d'arachidi a decorazioni che garantisce quella nota croccante molto accattivante.

Tiramisù

Qui si gioca con la nostra tradizione, non si disdegna un pizzico di liquore (il mitico Zabov!), ma soprattutto si usa la Nutella. La celebre marca si riconosce e lega proprio questo ricordo a qualcosa di infantile, un momento piacevole.

L'immagine può contenere: cibo

La Pinsa (Veneta)

Matrimonio d'amore e di lavoro, quello tra Orlando e Ana, ma anche quello tra Italia e Brasile. Si, perché quello che in Sudamerica chiamano Budino di Pane, qui ha un nome più romantico: La Pinsa. Tradizione veneta (o brasiliana, fate vobis) di un tempo andato. Pane raffermo, latte condensato, uvetta, finocchio selvatico e caramello. Praticamente un pasto: un classico mangia/mangia e rimangia che se te ne portassero una teglia la finiresti. C'è voluttà, ma c'è anche ricerca in questi dolci. Infatti, la voracità non nascondi l'equilibrio e il lavoro che stanno dietro a preparazioni adatte a tutti, anche ai più scafati gourmet.

L'immagine può contenere: dessert e cibo

Il bello che Ana sembra non volersi fermare qui: sperimentazioni che uniscono le due culture e che perpetuino il bello si qui creato sono in atto. Il resto lo fa Orlando, alla griglia. Ma se avete voglia di una doppietta proteica da ricordare un viaggetto al Dao risulta necessario.

 

DAO

Viale Europa 219, 55013 Marlia, Capannori(LU)

Telefono:0583 40795

 

Tutte le foto sono state scattate  ©LA FONDERIA 

LaFonderia Facebook

Circuito La Fonderia - Una scelta di Campo: smlafonderia@gmail.com

©riproduzione riservata


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa



Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo


bonito400


Bar Monica



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 16 gennaio 2018, 09:01

Le serate dei grandi rossi di Alex: 1.I Cru della Costa Toscana

Da non credere. Un ciclo di serate che aguzzerà le antenne degli appassionati di vino, dei degustatori - professionisti, amatoriali - e anche dei neofiti che potranno avvicinarsi a grandi bottiglie ad un prezzo unico. E' l'incredibile proposta di Alex - Cibi e Vini a Tonfano per i prossimi venerdì...


domenica, 14 gennaio 2018, 13:21

1988-2018, trent'anni di Orti in via Elisa

Il ristorante Gli Orti di via Elisa della famiglia Pacini-Barbieri compie, quest'anno, i 30 anni. E' stato, a tutti gli effetti, un locale nato e cresciuto all'insegna della lucchesità. Ne ripercorriamo, nei limiti, la storia che è anche quella di una città, Lucca, che non si arrende mai


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 11 gennaio 2018, 11:55

Via libera allo street food contadino anche in provincia di Lucca

Le aziende agricole potranno vendere direttamente i propri prodotti trasformati e cucinati anche in forma itinerante. E’ il caso, per esempio come il castagnaccio, i necci e i matuffi (la polenta con il sugo di carni miste) che potranno essere cucinati e somministrati in strada, e di molte altre ricette...


mercoledì, 10 gennaio 2018, 19:52

La mortadella Palmieri augura un buon 2018 dall'Enoteca Marcucci

Una foto splendida per gentile concessione di Fiorenzo Sernacchioli in cui il fascino tutto discreto di una fetta di mortadella Palmieri giace su un calice di champagne Michel basetta di fronte all'affettatrice più affascinante che c'è


sabato, 23 dicembre 2017, 19:14

I dieci anni dell'EnoRistorante Micheloni

"Martedì 19 dicembre il locale ha fatto 10 anni di attività" ha esordito Stefano Micheloni, che assieme al fratello David è proprietario dell'EnoRistorante Micheloni a Guamo. Ma la carriera dei due nel mondo della ristorazione risale a molto prima, come è stato spiegato in questo colloquio con la Gazzetta


giovedì, 21 dicembre 2017, 21:03

Il Capodanno della Locanda di Bacco, con gli scavi della Domus Romana

Dare il benvenuto al 2018 in un ambiente che rievoca la vita di Lucca ai tempi degli antichi. È la proposta di fine anno della Locanda di Bacco, che dà l'opportunità ai clienti di poter mangiare vicino a degli scavi archeologici, dove sorgeva una vera e propria domus romana