Anno 7°

lunedì, 10 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Al Sottopoggio di Guamo è in arrivo un'offerta per clienti celiaci

giovedì, 12 aprile 2018, 14:31

Il "Sottopoggio" di Guamo allarga la propria offerta. Entro la fine dell'estate, si potranno infatti acquistare al bancone anche prodotti senza glutine. Il bar pasticceria vuole così venire incontro alle esigenze dei clienti celiaci. Lo ha anticipato, a La Gazzetta di Lucca, Moira Luchi, che con il padre Endro gestisce il locale di via Sottomonte 66.

La celiachia è il risultato di un'infiammazione cronica autoimmune dell'intestino tenue provocata da un'intolleranza al glutine, che è una sostanza proteica presente principalmente in alcuni cereali. Per poter preparare prodotti che vadano incontro alle esigenze delle persone celiache, il personale del "Sottopoggio" sta seguendo un'idonea formazione. "Vogliamo rendere la nostra pasticceria accessibile a tutte le persone che incorrono in questo tipo di problema" ha affermato la Luchi. Per i cibi senza glutine sarà allestito uno spazio apposito. I clienti celiaci potranno trovare un'ampia proposta di generi alimentari, dal salato al dolce. La titolare ha spiegato che l'idea è nata per rispondere alle richieste provenienti dai frequentatori del bar. "A Lucca una grande proposta per celiaci non c'è" ha osservato. "Al momento facciamo già dei prodotti senza glutine, ma solo su ordinazione".

In attesa della nuova offerta, la pasticceria continua a sfornare i propri prodotti di qualità, che sono fatti nel segno della tradizione lucchese. Durante il periodo di Pasqua, hanno avuto un buon riscontro le uova e le colombe pasquali. Oltre che bar e pasticceria, il Sottopoggio è anche edicola e ricevitoria.

 

Pasticceria Bar Sottopoggio

Via Sottomonte 66, Guamo (Capannori)

Tel. 0583 94169

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 21:01

Sbarca in piazza Napoleone il mercatino regionale francese

Bella iniziativa enogastronomica che, soprattutto di questi tempi, aiuta a vendere sempre di più i prodotti tipici del nostro territorio. A parte le battute, Vive la France, ma non dimentichiamoci Fausto Borella e il suo mercato dell'olio


mercoledì, 5 agosto 2020, 23:29

Cinque Stelle? No, Cinque Terre

Cinque Stelle? Piuttosto morti. Cinque Terre, questo sì: da Manarola a Monterosso su un vecchio gozzo sorrentino con, alla barra del timone, Stefano Bonansea, un barcaiolo che, se anche sul mare, da sempre va controcorrente...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 agosto 2020, 20:16

Effetto Zenzero: le pizze di Stefano Bonamici sbarcano in Versilia

Ventata di aria (possibilmente lievitata) fresca in Versilia, grazie ad un'apertura che porta nell'olimpo della ristorazione un altro principe: Stefano Bonamici, genio della pizza già conosciuto per la sua Tre Spicchi Gambero Rosso a Pisa con Zenzero. Aperto da pochissimo, infatti, è Effetto Zenzero.


martedì, 4 agosto 2020, 20:34

L'amico ritrovato

In realtà Samuele Cosentino non lo avevamo mai perso, solo che, per un paio di mesi, abbiamo girovagato un po' qua e un po' là in cerca di nuove emozioni gastronomiche, ma, come sempre accade, il primo amore non si scorda mai


sabato, 1 agosto 2020, 11:24

"Ti prendo e ti porto al Crai", il Tambellini di Sant'Alessio resta al fianco dei cittadini

Non si fermano le attività della Crai-Tambellini di Sant'Alessio per arrivare laddove i clienti non riescono ad arrivare. Dopo l'efficace servizio di consegne a domicilio, già attivo ma potenziato ulteriormente durante il lockdown, l'ultima novità è il servizio navetta che ti prende e ti porta a fare la spesa


martedì, 28 luglio 2020, 00:11

Mentre l'Italia muore lentamente, in Costa Azzurra la gente vive e non ha paura

Ci vogliono inculcare che a causa del Covid-19 è meglio stare in casa e rinunciare a vivere: peccato che, appena varcate le frontiere, ci si accorge che gli unici imbecilli siamo proprio noi. Tornare dalla Francia un'odissea autostradale per decine di migliaia di turisti, bel biglietto da visita