Anno 7°

venerdì, 5 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

All’Osteria Canaiolo con AILI

martedì, 22 maggio 2018, 11:35

È stata una calda domenica all’insegna della buona compagnia, del buon cibo, dell’informazione, ma soprattutto dell’alimentazione uguale per tutti, dai più piccoli ai più grandi, per ogni tipo di esigenza alimentare.

"Abbiamo inaugurato - spiega Maria Sole Facioni - il nostro nuovo format #aTavolaconAILI due settimane fa a Bari, il primo evento di AILI nella meravigliosa Italia meridionale. Era difficile poter replicare il successo avuto nel nostro weekend pugliese, ma ci siamo riusciti e in così poco tempo! Il proprietario e oste, Nicola Orsi ha preparato un brunch senza lattosio lasciando tutti soddisfatti, anche i più scettici di questo nuovo modo di pranzare. Un grazie doveroso a tutti i Soci presenti e alla disponibilità dello staff dell’Osteria Canaiolo insieme, hanno reso possibile questo bellissimo evento. Tutti uguali senza differenze in pieno stile AILI, questo è quello che ci contraddistingue".

"Fondamentali - continua la fondatrice dell'associazione - anche i contributi delle aziende che hanno donato i prodotti senza lattosio tra cui Igor Gorgonzola, Oggi - Officina Gelato Gusto Italiano, Granarolo. Grazie anche agli esercizi commerciali del network “Senza Lattosio Fuori Casa” che hanno offerto dei bellissimi omaggi ai soci presenti, tra cui Mamey Senza glutine Lucca, Ristorante La Conca, Gelateria Pappagrappa, Cremeria Opera, Pizzarte, Sandra & L’Angolo Dolce, La Bottega di Lucca e il negozio di fiori Fraifiori. Certamente è un format che replicheremo anche in altre città italiane, considerata anche l’importanza di AILI a livello nazionale come riferimento istituzionale".

"A pochi giorni dal nostro quinto compleanno - conclude - il primo pensiero è sicuramente per quello che abbiamo costruito. Siamo divenuti il punto di riferimento nazionale con vari riconoscimenti, ma i nostri obiettivi sono ancora tanti".


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 2 giugno 2020, 22:10

Enologia in rosa, ma non solo: il paradiso di Donatella Cinelli Colombini

Alla Fattoria del Colle di Trequanda si riapre l'accoglienza ai turisti dal 1 luglio, ma il cuore dell'azienda, così come quello del Casato Prime Donne di Montalcino, batte sempre e ancora più forte


sabato, 30 maggio 2020, 09:35

Paolino Luporini, un grande rientro ed un gradito ritorno

Dopo due mesi di lockdown e tutti i problemi ad esso connessi, riprende vigore l'attività enogastronomica di Paolino Luporini e la sua Tosca a Gignano di Brancoli: mai mollare è la parola d'ordine


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 maggio 2020, 12:23

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana. Il consiglio direttivo della delegazione lucchese guidata da Daniela Clerici si è recata mercoledì sera presso il ristorante Stefani a San Lorenzo a Vaccoli per la prima cena conviviale dopo il cosiddetto “confinamento” degli ultimi due mesi


mercoledì, 27 maggio 2020, 17:14

Manager dell’enogastronomia di Confesercenti con la Buca di S. Antonio

Manager dell’enogastronomia, della tipicità e della ristorazione: questa la figura professionale oggetto del percorso formativo gratuito MAESTRO, organizzato a Lucca da Cescot Toscana Nord, l’agenzia formativa della Confesercenti Toscana Nord


lunedì, 25 maggio 2020, 01:01

Guida: come degustare un vino rosso

La degustazione del vino è un evento molto particolare, affascinante e divertente quando si conoscono le regole di base, un po’ complicata quando è un’esperienza nuova e mai provata


mercoledì, 20 maggio 2020, 23:28

Una sera d'altri tempi al St. Bartholomeo di Mario e Barbara

Una serata piacevole, mite, seduti ai tavoli rispettosi del distanziamento sociale, ma a chiacchierare con avventori che hanno riscoperto il gusto di raccontare e raccontarsi in un'atmosfera che non avevamo mai respirato