Anno 7°

mercoledì, 15 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Ristorante Du palle... fantasticissimo

sabato, 11 agosto 2018, 11:17

di annalisa ercolini

A segnalarla è stata una signora in piscina. Avevo chiesto un posto dove la cucina fosse tradizionale. Volevo assolutamente mangiare della carne come si deve. Desiderosa di ciccia toscana, la giusta compensazione alla mia dieta di insalatine e contro il logorio della vita moderna. Un degno pasto e una festa per il colesterolo e poi avrei ricominciato il lunedì con frutta e verdura a gogo.

Il locale è in un punto preciso, in via del Tiro a segno a Lucca, collocato all’interno del circolo sportivo nel quale si gioca sia a tennis che a calcetto. Esattamente in quel punto c’è Du palle.

Non è una parolaccia, anche se i benpensanti potrebbero affermarlo bensì il nome del ristorante. “In un momento di noia – riferisce il proprietario Davide - ho optato per questo nome. Eravamo stanchi di cercare e così ho deciso per questo e poi è adatto al luogo.”

Ad accogliermi in un giardino munito di zampironi, camerieri efficienti e cordiali. Da queste parti in qualunque ristorante entri, cadi più o meno bene, ma qui c’è un motivo in più per addentrarti in questo posto. Qui, vale la pena venire per mangiare la carne con le patatine fritte e una “fantasticissima pizza”.

In sala c’è Davide, il proprietario, una garanzia. Ha un lungo grembiule e un cavatappi penzoloni alla cintura. E’ il ritratto del classico oste: barbetta e baffi, sguardo attento e furbo. Veloce come una gazzella. Discreto con le coppie, si intrattiene con alcuni clienti se capisce che hanno voglia di due parole, con altri ci beve un bicchiere di vino. E’ sempre gentile e sorridente: “D’estate si mangia in giardino – esordisce Davide - e d’inverno dentro. Parola d’ordine: fantasticissimo.” Chiede cosa desidero mangiare. Famelica rispondo carne. E lui controbatte con l’atro motto della ditta Du Palle: “Ci penso io.” Davide dirige un altro locale a Pontedera dove delizia i suoi clienti con piatti di pesce.

Durante la serata il proprietario oltre ad essere amichevole con tutti, è un ottimo cameriere e un allegro intrattenitore, stemperando con qualche parola carina anche in quei tavoli dove a metà settimana sono già nervosetti. Se capisce che non è aria, prende la comanda e gira sui tacchi. Non è invadente. Il top è quando si ferma al tavolo di alcuni clienti che insistentemente lo invitano e lui, cortese, si siede a bere mezzo dito di vino.

Nell’attesa sbircio fra i tavoli. Tutto è semplicemente curato: tovagliolini di carta con i fiori, tovaglie a scacchi, posate e bicchieri puliti. Il menu arriva con pane tagliato fresco, acqua naturale e una bottiglia di vino della casa precedentemente ordinato. Dopo poco giunge un vassoietto con prosciutto. “C’è un errore – mi rivolgo a una cameriera. No risponde lei sorridente: “I nostri clienti aspettano le pietanze mangiando un po’ di pane e prosciutto.”

L’accoglienza, i primi piatti, i secondi di carne e le pizze sono all’altezza delle lodi tessute dai clienti che bazzicano questo posto da tanto tempo. Il conto è super onesto. Vade retro nouvelle cuisine, con quelle porzioni tristi evviva le parole sante di Davide: “Il menu genuino è una scelta. I prodotti sono tutti di qualità compresa la carne che scelgo personalmente come il resto dei prodotti. Ovviamente arrivano anche dei fornitori a portare le materie prime ma adoro andare a fare la spesa per stupire i miei clienti.”

Dove eravamo rimasti? Al carrello dei dolci accompagnato da un marsala: irresistibile. Addio prova costume.

Fine serata voto dieci, come i punti della felicità.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Locanda di Bacco


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 agosto 2018, 18:21

Vini lucchesi in vetrina per “Calici sotto le Stelle” in piazza San Francesco

Notte di San Lorenzo all’insegna del buon vino locale a Lucca, grazie alla serata organizzata da Confcommercio in collaborazione con “Strada del vino e dell’olio - Lucca Montecarlo Versilia” e Fisar, in piazza San Francesco nel centro storico


giovedì, 9 agosto 2018, 16:04

Continua la sagra della zuppa alla paesana a S.Maria del Giudice

Domani sera venerdì 10 agosto, sabato 11 e domenica 12 gli organizzatori faranno ancora di più per contentare i tanti fedelissimi e anche "i novizi"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 9 agosto 2018, 11:03

Stecco Casanova, il nuovo modo di godere di gelato e genuinità

Aperta da meno di tre mesi, la Gelateria Artigianale Stecco Casanova - in via San Paolino 49 - si è già dimostrata l'ennesimo colpo di successo di un grande imprenditore del food, alias Alessandro Tognetti, già noto per il suo ristorante tutto pesce...


venerdì, 3 agosto 2018, 14:37

Si apre la sfida di CreaTech 2018

Aperte le iscrizioni alla maratona tra creativitàe tecnologia che promuove la connessione tracultura, turismo e gastronomia. Si svolgerà nell’ambito di Lubec il 4 e il 5 ottobre. In palio 6 mila euro per i team vincitori e la possibilità di realizzare una delle applicazioni software presentate


mercoledì, 1 agosto 2018, 12:37

Notte Bianca del Cibo Italiano: Lucca nel segno di Pellegrino Artusi

Anche la città di Lucca renderà onore al nome di Pellegrino Artusi partecipando a tale evento con iniziative che collegheranno la passione del cibo con la cultura


lunedì, 30 luglio 2018, 17:54

Tre appuntamenti per conoscere il pomodoro canestrino di Lucca, nuovo presidio SlowFood

Una grande risorsa del nostro territorio, un frutto di stagione originato dalla selezione compiuta per secoli dai nostri coltivatori che deve essere tutelato dalla contraffazione e dalle omologazioni della grande industria sementiera internazionale. Il Pomodoro canestrino di Lucca è finalmente un nuovo presidio Slow Food