Anno 7°

giovedì, 24 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Michele Marcucci in sella alle biciclette della sua vita

mercoledì, 12 dicembre 2018, 16:59

di aldo grandi

Dopo le sue immancabili ferie autunnali, Michele Marcucci ha scelto la nuova scenografia per la sua Enoteca a Pietrasanta: motivo ispiratore, la bicicletta in tutte le sue forme, selle comprese. 

Patron Michele ha tante passioni, dal ping pong alla pesca sportiva alla canoa, ma ce n'è una che pur non avendo la stessa intensità delle altre ne ha, quantomeno, molta più funzionalità. Non è un caso, infatti, che Michele Marcucci lo si incroci per le vie del centro di Pietrasanta in sella alla sua Bianchi con tanto di borse laterali e, in estate, le borse con il ghiaccio per conservare l'immancabile bottiglia di champagne da portare al mare. 

Sì, perché questo amante del vino, questo tre bottiglie del Gambero Rosso la bicicletta la usa come normale mezzo di locomozione e quest'anno, a partire, cioè, dal week-end dell'Immacolata, la scenografia all'interno della sua enoteca in via Garibaldi è dedicata proprio alle due ruote grazie anche alla fantasia di Tommaso Pratesi, il progettista che ha ideato il tutto allestendolo con gusto e cura maniacali.

Si comincia dall'ingresso, e nel salone appena varcata la soglia eccoti una decina di selle da bici di vario tipo e, subito dopo, appese al soffitto come se fossero impegnate in una volata, quattro biciclette da corsa, da una Bianchi donata dallo stilista inglese Paul Smith ad altre due donate da Fiorenzo Aliverti, ex ciclista professionista agli inizi degli anni Ottanta e titolare, oggi, di un attrezzatissimo negozio di biciclette a Pietrasanta. Infine una bici particolare, la n. 4035 L'Eroica, appartenuta all'avvocato Massimo Berti che l'ha utilizzata nell'Eroica, la gara che ad ogni ottobre si svolge sulle strade del Chianti.

Bella anche la sala interna dove sono state messe in bella mostra le maglie delle squadre partecipanti al Giro d'Italia collezionate da Paul Smith nel periodo in cui fu sponsor della manifestazione ciclistica. Sempre in questo locale, appesa al soffitto, una bicicletta con telaio Passoni in titanio, un gruppo Superrecord Campagnolo Cinquantenario e ruote in legno per affrontare il pavé della Parigi-Roubaix.

In un altro salone i fratelli Cinquini del Carnevale di Viareggio hanno realizzato una straordinaria ed enorme sella da bici modello Brooks con tanto di mega-molle sottostanti. 

L'altra sera, alla riapertura del locale, seduti al tavolo c'erano alcuni amici di Massa e Carrara tra cui il viticoltore Marco Verona, 47 anni, nato a Viareggio, ma residente a Massa località Mirteto, sulle colline, dove ha acquistato un ettaro di terreno terrazzato con pendenze del 40 per cento in cui produce due vini, un bianco e un rosso, il Sedì (sei giorni) e il Bacca nera, in tutto circa 5 mila bottiglie.

Per spostarsi su e giù tra i filari e la casa, un trenino metallico fatto costruire appositamente in Alto Adige e che consente all'agricoltore di potersi muovere con facilità nonostante la ripidità del terreno. 

"Mi sono laureato a Firenze in architettura - spiega Verona che si è sposato un mese fa e ha voluto vivere con la moglie nella casa in cima all'appezzamento di terreno coltivato a vite - dopodiché sono tornato a Massa per lavorare in un ufficio di informatica, poi, però, la passione per il vino, acquisita a Firenze, mi ha portato ad acquistare una enoteca che ho tenuto per tre anni. Quindi, sono voluto passare dalla vendita alla produzione vera e propria del vino, e i miei due bianco e rosso nascono per esaltare il territorio delle colline apuane con lo stesso modo di vinificare che era del contadino di una volta pur con tutte le accortezze di oggi. La mia è una viticoltura eroica visto che avviene su pendenza del 40 per cento. Volevo un vino artigianale contadino che rappresentasse il territorio. Nasce per me, poi, però, troppe bottiglie mi hanno spinto a etichettarlo e metterlo in vendita".


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Locanda di Bacco


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 22 gennaio 2019, 13:08

Serata del pollo e del coniglio rustico a la trattoria "La Tosca"

Nuova serata a tema al ristorante-trattoria "La Tosca" di Gignano di Brancoli, ma sempre all'insegna del mangiar bene a un prezzo conveniente. Per giovedì 24 gennaio, Paolo Luporini (per tutti Paolino) ha infatti in programma per cena un gustoso menù a base di pollo e coniglio rustico


venerdì, 18 gennaio 2019, 11:33

McDonald's, nuovi hamburger con prodotti italiani di qualità

Una nuova proposta di panini con ingredienti made in Italy, selezionata dal noto imprenditore e personaggio della tv Joe Bastianich. È l'offerta del momento ai ristoranti McDonald's, che a Lucca sono gestiti da Giuseppe Iacopelli


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 16 gennaio 2019, 13:47

Da Tosca giovedì va in tavola la serata del porco

Una nuova appetitosa serata in programma al ristorante-trattoria "La Tosca" di Gignano di Brancoli. Per giovedì 17 gennaio Paolo Luporini, per tutti Paolino, ha infatti preparato per cena un gustoso "menù del porco"


giovedì, 10 gennaio 2019, 12:13

"Pizzerie d'Italia" e "I Ristoranti e i vini d'Italia" 2019: Cecio c'è

Doppia segnalazione su guide nazionali d'eccezione per Cecio (al secolo Andrea Morini) e la sua pizzeria al Turchetto (Montecarlo, Lucca), che compaiono nelle edizioni 2019 di "Pizzerie d'Italia" del Gambero Rosso, e "I Ristoranti e i vini d'Italia" de L'Espresso


martedì, 8 gennaio 2019, 23:03

Il ritorno dello... spiedino

In occasione del 30° anniversario di inizio attività, agli Orti di Via Elisa hanno rispolverato antichi menù e nuove sorprese come, appunto, quella dello spiedino di carne


lunedì, 7 gennaio 2019, 18:13

Da Paolino alla Tosca la serata del gran bollito

Giovedì 10 gennaio al ristorante Tosca di Gignano di Brancoli una serata gastronomica dedicata al gran bollito e ad un costo promozionale di 16 euro. Prenotazioni al ristorante Tosca, telefono 0583/965016