Anno 7°

sabato, 6 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Corsi per giovani cuochi, l’accademia Gualtiero Marchesi arriva a Lucca

mercoledì, 12 giugno 2019, 14:41

di giulia del chiaro

Una classe di 15 studenti per un corso intensivo di tre settimane seguito da sei mesi di stage in un ristorante gastronomico italiano. Questi i numeri della prima edizione di “Dal dire al fare” il corso estivo, promosso dalla fondazione Gualtiero Marchesi, in collaborazione con Fondazione Campus, fondazione Palazzo Boccella e la scuola Made, che si svolgerà proprio a Palazzo Boccella dal 16 settembre al 4 ottobre.

“Da tempo il nostro obiettivo – ha sottolineato Romano Citti, presidente della fondazione palazzo Boccella – è quello di collegarci con altre realtà importanti sul piano nazionale ed internazionale per offrire una formazione ampia e di livello che sia capace di portare beneficio alla nostra struttura e alla scuola Made”. È proprio in questa nuova collaborazione, con l’accademia Gualtiero Marchesi, che la scuola Made di Palazzo Boccella, da sempre più improntata all’accoglienza che al potenziamento delle abilità culinarie, potrà trovare il partner ideale per fornire una formazione a 360 gradi nei settori enogastronomici e dell’accoglienza.

Il corso si rivolge ai neodiplomati degli istituti alberghieri, che abbiano conseguito una votazione superiore a 80 su 100, che saranno impegnati per tre settimane (da 16 settembre al 4 ottobre) in un percorso preparatorio intensivo che avrà luogo, visto la presenza di attrezzature da cucina professionali, proprio a palazzo Boccella.

Un programma, quello delle tre settimane in aula, ricco di materie di insegnamento: 18 ore di cucina italiana, 40 ore di pratica di cucina italiana, 8 ore di storia della nostra tradizione culinaria, 8 ore di coltivazione e allevamento, 14 ore di studio dei prodotti, vini e abbinamenti, 8 ore di analisi sensoriale, 8 ore di management della ristorazione, 8 ore di alimentazione e nutrizione e 8 ore di visite didattiche in Toscana.

“Obiettivo del progetto – ha spiegato Enrico Dandolo, genero di Marchesi e segretario generale della Fondazione – è quello di portare avanti quella che per Gualtiero era la priorità su cui investire: la formazione dei giovani cuochi che, secondo il maestro, doveva avvenire sia sul campo che a livello teorico. Il corso che abbiamo studiato vuole proseguire, infatti, la strada già da lui intrapresa, definendosi, in assonanza con la sua nascita il 19 marzo, ‘il padre di tutti i cuochi’ e preparando molti grandi chef che, passati dalla sua cucina, andavano a perfezionarsi altrove per poi ritornare”. Concluse le tre settimane, infatti, i giovani saranno inseriti in uno stage di sei mesi presso un ristorante gastronomico italiano dimostrando un’attenzione particolare – come ha fatto notare il sindaco di Capannori, Luca Menesini – per le nuove generazioni: “Palazzo Boccella si riconferma luogo di formazione per i giovani e di promozione del territorio. Il progetto che parte quest’anno, in collaborazione con l’accademia Marchesi, è in grado di offrire importanti opportunità formative capaci di creare un collegamento tra scuola e lavoro.

Il corpo docenti, costituito da personaggi di altissimo livello, vede la presenza di professionalità diverse: da Alberto Capatti, storico della cucina, a Enrico Dandolo, esperto di management, fino ad Antonio Ghilardi, executive chef dell’Accademia Gualtiero Marchesi che ha lavorato con il Maestro dai tempi del ristorante 3 stelle Michelin di via Bonvesin de la Riva. A seguire i giovani partecipanti ci saranno poi lo chef Marco Soldati, il professore di scienze naturali Gianni Manzo, il docente di analisi sensoriale Luigi Odello, il pasticcere Maurizio Santin, gli chef Fabio Zago e Giovanni Rota ed il sommelier Giuseppe Vaccarini sommelier.

3 mila 500 euro il costo di partecipazione, comprensivo di quota d’iscrizione, a cui si aggiunge l’eventuale quota di 900 euro, per vitto e alloggio, per gli studenti che alberghino a Palazzo Boccella. Previste, inoltre, borse di studio, del valore di 3 mila euro, per i giovani più meritevoli che dimostrino un vero e proprio talento.

Per maggiori informazioni e per iscriversi è possibile scrivere alla email development@gualtieromarchesi.it o chiamare allo 0236706660.

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 2 giugno 2020, 22:10

Enologia in rosa, ma non solo: il paradiso di Donatella Cinelli Colombini

Alla Fattoria del Colle di Trequanda si riapre l'accoglienza ai turisti dal 1 luglio, ma il cuore dell'azienda, così come quello del Casato Prime Donne di Montalcino, batte sempre e ancora più forte


sabato, 30 maggio 2020, 09:35

Paolino Luporini, un grande rientro ed un gradito ritorno

Dopo due mesi di lockdown e tutti i problemi ad esso connessi, riprende vigore l'attività enogastronomica di Paolino Luporini e la sua Tosca a Gignano di Brancoli: mai mollare è la parola d'ordine


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 maggio 2020, 12:23

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana. Il consiglio direttivo della delegazione lucchese guidata da Daniela Clerici si è recata mercoledì sera presso il ristorante Stefani a San Lorenzo a Vaccoli per la prima cena conviviale dopo il cosiddetto “confinamento” degli ultimi due mesi


mercoledì, 27 maggio 2020, 17:14

Manager dell’enogastronomia di Confesercenti con la Buca di S. Antonio

Manager dell’enogastronomia, della tipicità e della ristorazione: questa la figura professionale oggetto del percorso formativo gratuito MAESTRO, organizzato a Lucca da Cescot Toscana Nord, l’agenzia formativa della Confesercenti Toscana Nord


lunedì, 25 maggio 2020, 01:01

Guida: come degustare un vino rosso

La degustazione del vino è un evento molto particolare, affascinante e divertente quando si conoscono le regole di base, un po’ complicata quando è un’esperienza nuova e mai provata


mercoledì, 20 maggio 2020, 23:28

Una sera d'altri tempi al St. Bartholomeo di Mario e Barbara

Una serata piacevole, mite, seduti ai tavoli rispettosi del distanziamento sociale, ma a chiacchierare con avventori che hanno riscoperto il gusto di raccontare e raccontarsi in un'atmosfera che non avevamo mai respirato