Anno 7°

lunedì, 23 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Lucca area tartufigena

domenica, 2 giugno 2019, 09:25

Grazie alle iniziative e all'interessamento dei consiglieri regionali Baccelli e Remaschi, si sta concludendo il percorso dell'istituzione della zona geografica "Tartufo bianco toscano della Lucchesia".

“Avremmo preferito – dichiara il Gruppo Micologico Massimiliano Danesi di Ponte a Moriano -, per campanilismo ma anche per la verità che la zona geografica fosse stata denominata "Tartufo bianco della Piana di Lucca", perché in realtà la specie è "confinata" nella Piana. Certamente in maniera non decisiva, abbiamo partecipato alla fase dello studio preliminare fornendo attiva collaborazione all'Università di Siena incaricata dalla Regione dell'indagine sulla presenza del tartufo bianco a Lucca”.

“Nella relazione – spiega - è stata riprodotta integralmente la nostra lettera inviata alla stampa il 12 Settembre 2018, titolata "Il tartufo bianco, biotopo caratterizzante della Piana, e il fungo pioppino."; dove avevamo scritto, tra l'altro, che la piana intorno alla Città, era stata colonizzata dal Tartufo Bianco (Tuber Magnatum Pico), e Lucca aveva avuto la fortuna di essere forse l'unico comune, Capoluogo di Provincia, in cui nasce il Tartufo Bianco Pregiato, anche nel Centro Storico. Avevamo lamentato l'estirpamento di siepi e filari che caratterizzavano il territorio agricolo della Piana - quello a destinazione urbanistica agricola -, e la mancata riproposizione delle pioppete che per secoli hanno caratterizzato il territorio agricolo di pianura. Avevamo lamentato il mancato accoglimento di una specifica osservazione al Piano Strutturale di Lucca per la protezione del tartufo bianco, il cui obbiettivo era

"I parchi fluviali e le aree agricole individuate dall'intero territorio a destinazione agricola delle UTOE 2,3,7,  come aree tartufigene, debbono essere preservate in quantoeccezionale, irripetibile, e pregiata risorsa naturale con possibilità di importanti risvolti economici e turistici. A tal fine occorre preservare le caratteristiche dell'ecosistema impedendo lo sconvolgimento del suo l'assetto.Incentivando e favorendo l'arboricoltura e  vietando  la sostituzione dei pioppeti e delle macchie di campo con altre coltivazioni agricole."


“Il comune – incalza il gruppo - non  comprese che questa era una protezione particolare del territorio "agricolo", per  salvaguardarlo proprio da invasive colture agricole che hanno irreversibilmente modificato l'ameno paesaggio della Piana. Consegnammo agli studiosi dell'Università di Siena una foto  fatta nel 1890 da pallone, esplicativa di come era all'epoca la piana, anch'essa riprodotta nella relazione, dove è nominato, per la collaborazione prestata, uno dei nostri soci, cofondatore di questo Gruppo”.

“La protezione del Tartufo Bianco non sarà fine a stessa – afferma -. Dovrebbe provocare la protezione delle aree agricole della Piana favorendo il reimpianto di alberi autoctoni (pioppi, salie, tigli, querce) con i quali il fungo si associa indissolubilmente per fruttificare e rigenerarsi. Gli alberi sono grandi "mangiatori" di polveri sottili, e in proposito ricordiamo i recenti articoli/interviste del dott. Roggi e del sindaco Menesini. Quindi favorire il reimpianto di alberi sarebbe un contributo importante per la salubrità della Piana, oltre che un contributo alla rigenerazione  di un suo ameno aspetto estetico che soltanto gli alberi sono in grado di conferire. Sarebbe auspicabile che i numerosi proprietari di terreni agricoli a destinazione agricola non  li affidassero più "all'aratura" con l'intento di mantenerli puliti, e probabilmente senza ritrarne risvolti economici decisivi. Così come sarebbe auspicabile la partecipazione in questo percorso di altre associazioni naturalistiche e ambientalistiche”.

“Sempre in tema di tartufi – conclude -, questo Gruppo ha attivamente e direttamente collaborato con l'assessore regionale alle politiche agricole Marco Remaschi, al perfezionamento del testo  della Nuova Legge per la raccolta dei tartufi, e con soddisfazione, anche se sicuramente non ne abbiamo il merito, alcune delle nostre osservazioni riguardanti il calendario e l'orario di raccolta sono state recepite”.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Locanda di Bacco


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


bonito400


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 22 settembre 2019, 21:51

Fiorella, la 'farcitrice' di Gignano di Brancoli

Ventisei anni, abitante ad Aquilea, presta la propria opera al ristorante La Tosca di Paolino Luporini mentre, durante il giorno, studia per laurearsi a Pisa in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF)


sabato, 21 settembre 2019, 14:34

Alberto Remedi alla Locanda di Bacco

Che cosa ci fa un campione di arti marziali e di body-building alla Locanda di Bacco di Mario Mazzaro e Barbara Madrigali in via S. Giorgio? Ci mangia, una bella tagliata di pollo alla griglia su un letto accogliente di insalata


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 20 settembre 2019, 08:55

Da Bistrò di Mario e Beata, menu di pesce fresco nel centro storico a soli 19 euro

Come si fa a non approfittarne? Mario Bini e Beata Kovalska, titolari del ristorante Bistrò di Corte Campana, hanno lanciato, per il pranzo dei giorni feriali, un menu a base di pesce cucinato dallo chef Michele Marchi, a 19 euro!


mercoledì, 18 settembre 2019, 19:17

Bar San Michele e il caffè da asporto a solo 1 euro!

Forse non sarà l'unico e nemmeno un record, ma il Bar San Michele nella piazza omonima un primato lo detiene già: quello della onestà e della moderazione


lunedì, 16 settembre 2019, 19:40

Alla Tosca la zuppetta di cozze la fa da padrona

Dice che sia la scelta preferita dei commensali che si avventurano su per le curve che conducono a Gignano di Brancoli, dove sta la Tosca di Paolino Luporini


sabato, 14 settembre 2019, 12:14

Osteria da mi pa' di Gragnano ottiene la chiocciola Slow Food

L'Osteria da mi pa' di Gragnano ha ottenuto la Chiocciola di Slow Food sulla Guida "Osterie d'Italia 2020". Un riconoscimento importante per chi – come l'Osteria da mi pa' – ha scelto di portare in tavola i valori del territorio, esaltandoli nella creazione di piatti tipici e particolari