Anno XI

lunedì, 25 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Maestro d'olio Fausto Borella, suona la campanella d'inizio delle lezioni

mercoledì, 2 ottobre 2019, 12:21

Tra pochi giorni inizia la frangitura delle olive in tutte le maggiori regioni italiane e non fa eccezione la Lucchesia.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con l’esperto Maestrod’olio Fausto Borella, che proprio dal 10 ottobre prossimo, inizierà un nuovo percorso sensoriale di 10 lezioni aperto a tutti gli appassionati, per scoprire il vero mondo dell’olio di eccellenza.

 

Allora Borella, come si preannuncia questa annata olivicola per il nostro territorio?

Anche quest’anno a macchia di leopardo, ovvero alcune zone riusciranno a produrre un ottimo olio, altre zone purtroppo sono state colpite dalla mosca olearia e le olive sono cadute. Quelle rimaste sugli alberi sono piuttosto bacate. 

Cosa avrebbe dovuto fare l’olivicoltore per mettersi a riparo da questo insetto?

Borella: La prevenzione e il monitoraggio sono fondamentali, soprattutto verso fine agosto e inizio settembre, quando le prime piogge e il calo di temperatura portano l’insetto che prima buca e poi scava inesorabilmente delle vere buche nell’oliva, rendendola difettata e dal sapore dolciastro. Si può provare a debellare con fitofarmaci adatti, ma chi è a regime biologico o chi si vanta di non dare mai nulla alla propria pianta, purtroppo rischia di avere le olive compromesse. 

Cambiamo argomento; ho letto che la scorsa settimana decine di quintali di olio di semi sono stati contraffatti aggiungendo clorofilla e betacarotene e sono diventati magicamente oli extravergini.

E’ questo il vero problema; mascalzoni truffano l’olio e pubblici esercizi lo acquistano sapendo che è sotto costo, senza domandarsi perché costi così poco. La vera rivoluzione avverrà quando il consumatore, comprenderà che gli è stato messo nel piatto un olio maleodorante e quindi lo rimanderà indietro, come è successo col vino; chi pasteggia con una bottiglia di vino che sa di tappo? 

Non fa una grinza; quindi che strumenti ha a disposizione il commensale?

Il suo naso e la sua bocca, da cui può comprendere, attraverso degustazioni e assaggi, quali sono gli oli difettati e quali quelli di eccellenza. 

Se non sbaglio alla Rai qualche giorno fa lei lo ha spiegato in maniera esaustiva!

Borella: Devo dire che non me lo aspettavo un successo del genere; mi ha contattato la redazione del programma Agorà di Rai 3 per raccontare proprio di questa ennesima truffa dell’olio e poi ho portato qualche olio buono, per far assaggiare alla giornalista Bortone la differenza. Quando la signora è esclamato che era buono, mi è scappato un “Porca miseria” perché finalmente era chiaro che l’olio che assaggiava era davvero buono. Solitamente sulla loro pagina Facebook hanno 20/30 condivisioni degli spezzoni televisivi che inseriscono ogni giorno. Del mio passaggio al momento siamo a oltre 1.700 condivisioni; un successo clamoroso. 

Giovedì 10 ottobre dalle 20.00 alle 22.30 inizieranno 10 lezioni a Lucca presso la vostra sede Maestrod’olio; cosa si deve aspettare l’allievo che parteciperà?

Borella: Prima di tutto ci tengo a sottolineare che possono partecipare tutti; dai ragazzi di 16 anni fino ai nonni che vogliono comprendere un mondo nuovo. Studenti, professionisti, addetti al settore e mamme che amano la cucina e i prodotti della nostra terra. Perché all’interno delle serate non solo sviscereremo tutti i segreti di come riconoscere un olio difettoso da uno buono, scopriremo le migliori tecniche di produzioni e poi assaggeremo oltre 6 oli a lezione, abbinati ai migliori vini italiani in accostamento con i prodotti più genuini come carni, formaggi, salumi, zuppe, cioccolato, dolci ovviamente all’olio Evo e altre bontà. 

Ci sono ancora posti disponibili.

Non molti, perché per renderlo efficace e meno dispersivo non prendiamo più di 25 allievi a corso.

Ma un posticino per me se verrò ogni tanto ci sarà?

Ci mancherebbe!

 

Per informazioni:

Corso alla scoperta dell’olio di eccellenza.

Da Giovedì 10 Ottobre fino al 12 dicembre 2019.

Presso: Accademia Maestrod’olio

Corso Garibaldi n° 52. Lucca

Tel:    0583 495164

Mail: eventi@maestrodolio.it 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 24 gennaio 2021, 10:40

Finalmente da Chiara e Betty al ristorante La Torre di Montecarlo

Hanno riaperto anche loro: era ora. Ieri, sabato, ovviamente a pranzo, Chiara Gambacorti ed Elisabetta Gemignani sono tornate ad allietare i loro... innamorati avventori. Potevamo mancare all'appuntamento?


lunedì, 18 gennaio 2021, 13:40

Addio ad Alessandro Filomena, lo chef gentile

Lutto nel mondo della ristorazione versiliese: è morto stasera Alessandro Filomena, 52 anni. Una malattia che già inficiò la sua ultima avventura, quella al Coquus, ultima tappa di tante battaglie, di tante soddisfazioni e di tanti sacrifici ai fornelli.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 gennaio 2021, 17:55

Da Montecarlo una provocazione shock per la ristorazione: menù espressi a 5 euro per tornare a mangiare insieme

Arriva da Montecarlo, da una realtà importante nel campo della ristorazione anche per i grandi numeri per comitive e ricevimenti come la Fattoria il Poggio, una proposta-provocazione che sottolinea il momento nerissimo del comparto alle prese con uno slalom fra aperture e chiusure che disorienta i clienti e li allontana...


mercoledì, 6 gennaio 2021, 11:01

'Dpcm' è il nuovo gusto di gelato ai tempi del Covid: l'idea di Mirko Tognetti della Cremeria Opera

Un'idea geniale, ma anche... provocatoria: un dolce acronimo degli ingredienti del gelato stesso: datteri, pinoli, curcuma e miele


martedì, 29 dicembre 2020, 20:50

Lassù Paolino ci ama: alla Tosca cenone e pranzo di Capodanno da asporto e con consegna a domicilio

Paolo Luporini, titolare della Tosca di Gignano di Brancoli, lassù in Brancoleria a picco sulla città, anche se in difficoltà per la chiusura Covid, non molla e rilancia. Flavio Torrini ha raggiunto il ristorante in Mtb, ha preso carne e tordelli ed è rientrato a casa con tanto di borsa...


domenica, 20 dicembre 2020, 21:39

St. Bartholomeo, nessun virus può abbattere la cucina romana di Mario Mazzero

In via Anfiteatro c'è il ristorante St. Bartholomeo di Mario e Barbara. Anche per loro fiducia nel futuro e sguardo ben dritto in avanti: prima o poi tutto tornerà come prima