Anno 7°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Il panettone della Cremeria... Opera d'arte e di artigianato

giovedì, 12 dicembre 2019, 12:20

Che Cremeria Opera di Mirko Tognetti, stabilmente in viale Luporini 951 e in via per S Alessio 927, fosse garanzia di qualità è risaputo, ma, che il profumo del dolce, ambasciatore che annuncia l'imminente approssimarsi del Natale, preparato artigianalmente con le proprie mani da Mirko superasse il tempestio dell'acqua battente, non era per niente scontato.

Infatti, in pochi hanno saputo resistere al panettone artigianale di Mirko della Cremeria Opera, preparato secondo antiche ricette. Il colpo d'occhio è immediatamente colto da ben sette panettoni in bella mostra sul buffet. Si, perché le cose sono state fatte per accontentare non solo gli aficionados del panettone classico, ma con uno sguardo proiettato al presente e futuro secondo le tendenze e sapori esotici.

Oltre al panettone classico, Mirko propone quello all'orzo, allo zenzero, alla curcuma con pinoli e miele, al cioccolato, al limone e, per l'occasione, uno speciale di cui non ha svelato la ricetta. Infatti per coloro che avessero indovinato, al gusto, i dieci ingredienti, ne avrebbero ricevuto uno in regalo.

Mirko parla e intrattiene amici e clienti abituali e non, sempre sorridente e cordiale, la passione gli fa superare la stanchezza derivata dall'estenuante lavoro che ci vuole per produrre i panettoni: basta pensare che per qualsiasi quantità di impasto sono necessarie circa trentacinque ore di lievitazione.

Mirko racconta: "Tutto parte da una profonda passione per il mio lavoro. Qualche anno fa ebbi un incontro con il maestro del panettone, Igino Massari, che mi indusse a intraprendere un corso di due anni e da lui ho imparato tutti i segreti per realizzare questi gioielli natalizi".

Gli ingredienti del panettone di Mirko Tognetti e la sua Cremeria Opera sono: lavoro, passione e tradizione!


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 21:01

Sbarca in piazza Napoleone il mercatino regionale francese

Bella iniziativa enogastronomica che, soprattutto di questi tempi, aiuta a vendere sempre di più i prodotti tipici del nostro territorio. A parte le battute, Vive la France, ma non dimentichiamoci Fausto Borella e il suo mercato dell'olio


mercoledì, 5 agosto 2020, 23:29

Cinque Stelle? No, Cinque Terre

Cinque Stelle? Piuttosto morti. Cinque Terre, questo sì: da Manarola a Monterosso su un vecchio gozzo sorrentino con, alla barra del timone, Stefano Bonansea, un barcaiolo che, se anche sul mare, da sempre va controcorrente...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 agosto 2020, 20:16

Effetto Zenzero: le pizze di Stefano Bonamici sbarcano in Versilia

Ventata di aria (possibilmente lievitata) fresca in Versilia, grazie ad un'apertura che porta nell'olimpo della ristorazione un altro principe: Stefano Bonamici, genio della pizza già conosciuto per la sua Tre Spicchi Gambero Rosso a Pisa con Zenzero. Aperto da pochissimo, infatti, è Effetto Zenzero.


martedì, 4 agosto 2020, 20:34

L'amico ritrovato

In realtà Samuele Cosentino non lo avevamo mai perso, solo che, per un paio di mesi, abbiamo girovagato un po' qua e un po' là in cerca di nuove emozioni gastronomiche, ma, come sempre accade, il primo amore non si scorda mai


sabato, 1 agosto 2020, 11:24

"Ti prendo e ti porto al Crai", il Tambellini di Sant'Alessio resta al fianco dei cittadini

Non si fermano le attività della Crai-Tambellini di Sant'Alessio per arrivare laddove i clienti non riescono ad arrivare. Dopo l'efficace servizio di consegne a domicilio, già attivo ma potenziato ulteriormente durante il lockdown, l'ultima novità è il servizio navetta che ti prende e ti porta a fare la spesa


martedì, 28 luglio 2020, 00:11

Mentre l'Italia muore lentamente, in Costa Azzurra la gente vive e non ha paura

Ci vogliono inculcare che a causa del Covid-19 è meglio stare in casa e rinunciare a vivere: peccato che, appena varcate le frontiere, ci si accorge che gli unici imbecilli siamo proprio noi. Tornare dalla Francia un'odissea autostradale per decine di migliaia di turisti, bel biglietto da visita