Anno 7°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

I salumi norvegesi sbarcano a Lucca al Real Collegio

venerdì, 6 dicembre 2019, 23:38

di francesca sargenti

A Il Desco oggi sono stati protagonisti i salumi norvegesi, grazie all’evento organizzato da AIS delegazione Lucca, che ha curato un insolito viaggio enogastronomico tra salumi prodotti in Norvegia e vini di diverse regioni italiane.

I titolari dell’azienda, Kristoffer e Anne Marthe Evang, hanno raccontato che l’idea di produrre salumi biologici artigianali e prodotti a base di carne, è nata innanzitutto dalla loro esigenza di trovare dei prodotti senza conservanti e che si potesse apprezzare il sapore della carne. In Norvegia, infatti, i salumi e gli insaccati sono stati prodotti in questo paese nordico fin dai tempi dei Vichinghi, una tradizione piano piano ha perso le sue origini di qualità ed ha portato alla realizzazione di salumi ottenuti con carni miste e affumicati.

“Una sera davanti – hanno raccontato i coniugi Evang al pubblico presente – dopo aver bevuto una bottiglia di vino, abbiamo preso la decisione di iniziare quest’avventura ed iniziare a produrre ciò che non riuscivamo a trovare sul mercato norvegese”.

Dopo un primo tentativo di imparare le tecniche del norcino su Google, senza grande successo, hanno deciso di apprendere le tecniche nel paese dove c’era la produzione migliore di insaccati, ed è così che sono arrivati in Italia. Qui hanno imparato a riconoscere le carni, le tecniche per insaccare e legare i salumi. Tornati in Norvegia nel 2013 hanno iniziato la loro avventura acquisendo un’azienda agricola ed iniziando a produrre salumi con carne proveniente dalle proprie pecore biologiche e dai suini Duroc, noti per la loro qualità di carne a crescita lenta e unica, allevati nell’azienda loro confinante.

Il successo dei loro prodotti è il frutto della combinazione delle tecniche artigianali italiane con l’utilizzo delle materie prime norvegesi, sia per quanto riguarda le carni che le spezie, che li haportati a sviluppare cibi salati a livello internazionale.

La fattoria ASK è l'unica azienda norvegese che produce esclusivamente salumi biologici, per questo, la società ha vinto premi come il "Greate Taste Award" di Londra per il prodotto biologico dell'anno, il Food Spire of the Year - Speciality Label e il Business Development Award in Agriculture, premio nazionale per lo sviluppo aziendale in agricoltura.

Durante l’evento di degustazione realizzato al Real Collegio è stato proposto l’assaggio di varie tipologie di salumi, quali Holy Baloney (realizzato con carne di maiale aromatizzato con sale, pepe nero e aglio), Hockey (molto simile alla nostra coppa, aromatizzata con semi di finocchio , noce moscata, pepe nero e chiodi di garofano), Passe (salame aromatizzato ai semi di finocchio), Voi-voi (carne di agnello, grasso di maiale ed erbe aromatiche locali, quali ginepro e cumino), e star della serata è stato il Fenalar, il violino ottenuto dal coscio d’agnello salato e stagionato per circa 8 mesi nella Stabbur.

In abbinamento Leonardo Taddei, delegato dell’Ais – Delegazione Lucca, ha scelto 5 vini, che si sposavano magnificamente con i sapori di questi prodotti, partendo con le bollicine di un Montellori Pas Dosé del 2015, passando a un vino siciliano, quale l’Etna Rosso del 2016, per arrivare a un vino piemontese come il Verolino Pelaverga del 2018, ed a un Merlot lucchese come Iolai del 2017.

Video I salumi norvegesi sbarcano a Lucca al Real Collegio


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 21:01

Sbarca in piazza Napoleone il mercatino regionale francese

Bella iniziativa enogastronomica che, soprattutto di questi tempi, aiuta a vendere sempre di più i prodotti tipici del nostro territorio. A parte le battute, Vive la France, ma non dimentichiamoci Fausto Borella e il suo mercato dell'olio


mercoledì, 5 agosto 2020, 23:29

Cinque Stelle? No, Cinque Terre

Cinque Stelle? Piuttosto morti. Cinque Terre, questo sì: da Manarola a Monterosso su un vecchio gozzo sorrentino con, alla barra del timone, Stefano Bonansea, un barcaiolo che, se anche sul mare, da sempre va controcorrente...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 agosto 2020, 20:16

Effetto Zenzero: le pizze di Stefano Bonamici sbarcano in Versilia

Ventata di aria (possibilmente lievitata) fresca in Versilia, grazie ad un'apertura che porta nell'olimpo della ristorazione un altro principe: Stefano Bonamici, genio della pizza già conosciuto per la sua Tre Spicchi Gambero Rosso a Pisa con Zenzero. Aperto da pochissimo, infatti, è Effetto Zenzero.


martedì, 4 agosto 2020, 20:34

L'amico ritrovato

In realtà Samuele Cosentino non lo avevamo mai perso, solo che, per un paio di mesi, abbiamo girovagato un po' qua e un po' là in cerca di nuove emozioni gastronomiche, ma, come sempre accade, il primo amore non si scorda mai


sabato, 1 agosto 2020, 11:24

"Ti prendo e ti porto al Crai", il Tambellini di Sant'Alessio resta al fianco dei cittadini

Non si fermano le attività della Crai-Tambellini di Sant'Alessio per arrivare laddove i clienti non riescono ad arrivare. Dopo l'efficace servizio di consegne a domicilio, già attivo ma potenziato ulteriormente durante il lockdown, l'ultima novità è il servizio navetta che ti prende e ti porta a fare la spesa


martedì, 28 luglio 2020, 00:11

Mentre l'Italia muore lentamente, in Costa Azzurra la gente vive e non ha paura

Ci vogliono inculcare che a causa del Covid-19 è meglio stare in casa e rinunciare a vivere: peccato che, appena varcate le frontiere, ci si accorge che gli unici imbecilli siamo proprio noi. Tornare dalla Francia un'odissea autostradale per decine di migliaia di turisti, bel biglietto da visita