Anno 7°

sabato, 30 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Gigliola resta aperto, date retta: il suo pane è da delirio

mercoledì, 11 marzo 2020, 18:29

di aldo grandi

Siamo usciti, questa mattina, per andare a vedere come reagisce la città in tempi di Coronavirus e abbiamo preso atto, sia pure con rammarico, che gran parte delle attività di ristorazione e di caffetteria sono in procinto di chiudere fino a data da destinarsi. C'è chi lo fa perché è convinto, chi, invece, per non restare da solo con la saracinesca alzata. Difficile, di questi tempi, prendere una scelta che possa essere, in qualche modo, isolata e, magari, controcorrente. Per tanti motivi, economici e non soltanto.

Avevamo, però, in testa una cosa quando siamo usciti di casa: recarci in corso Garibaldi per vedere se il locale aperto dalla famiglia Barbieri-Pacini e condotto alla grande da Benedetto Rullo e Stefano Terigi con Paola Barbieri in cabina di regia, fosse ancora aperto. 

Ci eravamo stati un po' di tempo fa, prima che le misure del Governo Pd-5Palle avessero ridotto anche Lucca come un lazzaretto, e lo avevamo trovato, a pranzo, pieno, con, addirittura, due assessori di nostra simpatia e con tanta gente che, a vederla, sembrava di essere tornati a vivere. 

Arrivati davanti al locale, ad accoglierci abbiamo trovato Stefano Terigi con la sua mascherina e, con lui, dentro il negozio, tutti i dipendenti, Paola Barbieri compresa, in assetto di... guerra. Il locale è aperto e non chiuderà. Fino alle 18 servirà le sue straordinarie pietanze, sia quelle esposte - piccole chicche di sapore d'altri tempi - sia quelle cucinate: forno e alimentari quindi. Dalle 18 in poi e fino alle 22 take away per chi vuole mangiare e gustare ciò che mangia anche in questi maledetti tempi che ci circondano.

Credete, non è piaggeria, ma da quando abbiamo pranzato da queste parti, non possiamo fare a meno di pensare a quando ci ritorneremo. E non soltanto per la gustosissima e prelibata vetrina allestita, ma perché una focaccia e un pane come quelli che abbiamo mangiato qui, non se ne trovano facilmente. Così, senza nemmeno pensarci un attimo, abbiamo acquistato la pagnotta appena sfornata, con una lievitazione che la rende incredibilmente leggera e digeribile, talmente appetibile che la si mangia anche senza niente, così, come si faceva una volta. E il bello è che questa pagnotta non ha bisogno di un coltello né per essere tagliata né per farci un panino poiché, usando le mani, si presta a ogni desiderio gastronomico.

Ecco, toglieteci tutto, anche l'aria che respiriamo, ma quando si trova un pane come questo, allora non vi azzardate ad impedirci di poterlo acquistare.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

Orti di Elisa

tambellini

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 maggio 2020, 12:23

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana

Riparte anche l’Accademia della Cucina Italiana. Il consiglio direttivo della delegazione lucchese guidata da Daniela Clerici si è recata mercoledì sera presso il ristorante Stefani a San Lorenzo a Vaccoli per la prima cena conviviale dopo il cosiddetto “confinamento” degli ultimi due mesi


mercoledì, 27 maggio 2020, 17:14

Manager dell’enogastronomia di Confesercenti con la Buca di S. Antonio

Manager dell’enogastronomia, della tipicità e della ristorazione: questa la figura professionale oggetto del percorso formativo gratuito MAESTRO, organizzato a Lucca da Cescot Toscana Nord, l’agenzia formativa della Confesercenti Toscana Nord


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 25 maggio 2020, 01:01

Guida: come degustare un vino rosso

La degustazione del vino è un evento molto particolare, affascinante e divertente quando si conoscono le regole di base, un po’ complicata quando è un’esperienza nuova e mai provata


mercoledì, 20 maggio 2020, 23:28

Una sera d'altri tempi al St. Bartholomeo di Mario e Barbara

Una serata piacevole, mite, seduti ai tavoli rispettosi del distanziamento sociale, ma a chiacchierare con avventori che hanno riscoperto il gusto di raccontare e raccontarsi in un'atmosfera che non avevamo mai respirato


mercoledì, 20 maggio 2020, 16:39

Colazione da... Pinelli, finalmente si ricomincia

Ademaro Cordoni non sta nella pelle: dopo due mesi di lockdown pressoché totale, ha finalmente potuto ricevere nuovamente i suoi affezionati avventori


lunedì, 18 maggio 2020, 14:24

Dalla Turandot un appello: "Che la città sia una squadra"

Tutti concordi, gestori di bar e ristoratori: pur tra mille difficoltà, è ora di guardare avanti e cercare di fare fronte comune contro le avversità