Anno XI

lunedì, 25 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Guida: come degustare un vino rosso

lunedì, 25 maggio 2020, 01:01

La degustazione del vino è un evento molto particolare, affascinante e divertente quando si conoscono le regole di base, un po’ complicata quando è un’esperienza nuova e mai provata.

 

La classica frase “il vino va degustato” è stata detta da tutti almeno una volta nella vita, ma cosa significa? Gli esperti delle degustazioni e dei vini educano le persone e guidano le persone verso sensazioni naturali, aiutandoli a sviluppare i tre sensi principali: la vista, l’olfatto e il gusto.

 

Durante una lezione di degustazione, dopo aver versato il vino, il primo passo è quello di capire e giudicare la sua limpidezza: è un vino perfettamente limpido? Presenta un leggero deposito? È un vino velato e quindi da scartare?

 

Attraverso la vista è possibile capire tante cose dal tipo di vino che si sta degustando, un occhio ben allenato capta molte informazioni a riguardo, ma grazie alle spiegazioni degli esperti tutti possono comprendere le caratteristiche del vino.

 

Come eseguire una corretta degustazione del vino

 

Quando si sceglie un vino importante e pregiato come vino da degustare, le informazioni da captare sono davvero tante. Dopo aver sviluppato il senso della vista, osservando attentamente i dettagli del vino nel bicchiere, il secondo passo è quello di ruotare il vino.

 

Questa operazione non è semplice come si pensa, la posizione delle dita sul bicchiere e il corretto movimento del polso fanno la differenza: quando il vino si posa nel fondo del bicchiere lascia delle tracce ed attraverso queste è possibile notare la viscosità del vino e quindi si può giudicare la sua consistenza.

 

Si passa successivamente all’osservazione del colore, che identifica l’identità e le condizioni del vino, un vino rosso presenta gradazioni differenti che vanno dal chiaro fino ad un colore scuro e profondo. Quando il vino rosso è pregiato, come i vini super tuscan, è possibile notare questa gradazione in modo definito sotto la luce ambiente.

 

Degustare il vino: come sviluppare il senso dell’olfatto

 

Non tutti riescono a riconoscere tutti i profumi di un vino, è normale e non bisogna scoraggiarsi, l’olfatto ha bisogno di esercizi per svilupparsi correttamente.

Nel nostro cervello, in realtà, ci sono centinaia di profumi racchiusi e potremmo elencarli senza neanche averli sentiti realmente. Questi profumi sono detti “dormienti”, vanno svegliati attraverso lo sviluppo dell’olfatto.

 

Durante la degustazione del vino, per compiere l’esame olfattivo, è necessario far roteare il vino nel bicchiere ed annusare per bene. Il procedimento è molto semplice, si inspira profondamente e si tiene il profumo per un paio di minuti, il tempo di far recepire le informazioni al cervello. Ogni volta che si effettua questo procedimento si attiva qualcosa dentro di noi che permette di distinguere i diversi odori.

 

Degustazione del vino: l’esame gustativo

 

L’ultimo step durante la degustazione riguarda l’esame gustativo, un procedimento molto semplice da effettuare. Si introduce una piccola quantità di vino nella bocca e si inspira contemporaneamente una piccola quantità d’aria, gorgogliando si amplificano i componenti del vino.

 

La lingua permette di scoprire i sapori di base del vino: con la punta della lingua è possibile percepire la dolcezza, con i lati l’acidità, alla base della lingua si percepisce l’amaro e nelle zone laterali è possibile percepire il salato.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 24 gennaio 2021, 10:40

Finalmente da Chiara e Betty al ristorante La Torre di Montecarlo

Hanno riaperto anche loro: era ora. Ieri, sabato, ovviamente a pranzo, Chiara Gambacorti ed Elisabetta Gemignani sono tornate ad allietare i loro... innamorati avventori. Potevamo mancare all'appuntamento?


lunedì, 18 gennaio 2021, 13:40

Addio ad Alessandro Filomena, lo chef gentile

Lutto nel mondo della ristorazione versiliese: è morto stasera Alessandro Filomena, 52 anni. Una malattia che già inficiò la sua ultima avventura, quella al Coquus, ultima tappa di tante battaglie, di tante soddisfazioni e di tanti sacrifici ai fornelli.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 gennaio 2021, 17:55

Da Montecarlo una provocazione shock per la ristorazione: menù espressi a 5 euro per tornare a mangiare insieme

Arriva da Montecarlo, da una realtà importante nel campo della ristorazione anche per i grandi numeri per comitive e ricevimenti come la Fattoria il Poggio, una proposta-provocazione che sottolinea il momento nerissimo del comparto alle prese con uno slalom fra aperture e chiusure che disorienta i clienti e li allontana...


mercoledì, 6 gennaio 2021, 11:01

'Dpcm' è il nuovo gusto di gelato ai tempi del Covid: l'idea di Mirko Tognetti della Cremeria Opera

Un'idea geniale, ma anche... provocatoria: un dolce acronimo degli ingredienti del gelato stesso: datteri, pinoli, curcuma e miele


martedì, 29 dicembre 2020, 20:50

Lassù Paolino ci ama: alla Tosca cenone e pranzo di Capodanno da asporto e con consegna a domicilio

Paolo Luporini, titolare della Tosca di Gignano di Brancoli, lassù in Brancoleria a picco sulla città, anche se in difficoltà per la chiusura Covid, non molla e rilancia. Flavio Torrini ha raggiunto il ristorante in Mtb, ha preso carne e tordelli ed è rientrato a casa con tanto di borsa...


domenica, 20 dicembre 2020, 21:39

St. Bartholomeo, nessun virus può abbattere la cucina romana di Mario Mazzero

In via Anfiteatro c'è il ristorante St. Bartholomeo di Mario e Barbara. Anche per loro fiducia nel futuro e sguardo ben dritto in avanti: prima o poi tutto tornerà come prima