Anno XI

venerdì, 14 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Davide Micheloni, 46 anni e tanta voglia di... crescere

venerdì, 3 luglio 2020, 19:35

di aldo grandi

Due fratelli in cucina che vanno, perfettamente, d'accordo, che si muovono all'unisono, che sono complementari, che si vogliono bene, che affrontano insieme le peripezie dell'esistenza. Sono Davide e Stefano Micheloni, più grande il secondo di un bel po', ma anche il più piccolo, che proprio ieri ha compiuto 46 anni lavorando, è una forza della natura, più istintivo e guascone, lui che gestisce la sala e accoglie i commensali mentre Stefano, davvero uno dei cuochi più bravi di Lucca, sta dietro ai fornelli. Certo, se non fosse stato per questo maledetto lockdown, probabilmente li avremmo rivisti, come l'anno scorso, nel salotto vip del Summer Festival dove Mimmo D'Alessandro li aveva voluti e goduti insieme all'amico gelatiere Mirko Tognetti della Cremeria Opera.

Ma l'enoristorante Micheloni di via di Sottomonte a Guamo è, ormai, una istituzione. Aperto giovedì, venerdì, sabato e domenica, ricomincia la sua avventura con la medesima passione e altrettanto entusiasmo. 46 candeline sulla immaginaria torta di una professionalità indiscussa sono molte, ma la gioventù è lì, e si vede. C'eravamo anche noi, ieris era, a salutare l'amico Davide, insieme a Cip, fotografo gazzettiano e famiglia al seguito. E, tanto per restare in tema anagrafico, abbiamo anche voluto portare a cena la Dory, per chi non la conosce, 96 anni e nessuna voglia di smettere. Per lei un piatto di tordelli che siamo stati costretti a sottrarle quando ci siamo accorti che, altrimenti, lo avrebbe finito e un dolce con panna e cioccolato che nemmeno ai compleanni più succulenti. Dimenticavamo un fritto di verdure miste come antipasto e, per non guastare, un Prosecco. 

In verità eravamo decisi a gustarci il miglior fritto di mare di tutta la Lucchesia. Non ci credete? Provatelo. Noi e Cip non abbiamo avuto dubbi: gamberi e totani con gamberetti fritti. Nonostante l'apparenza - e anche la sostanza, basta vedere le foto - chi scrive non digerisce facilmente il fritto quando è piuttosto pesante. Ebbene, stanotte abbiamo dormito come dei bimbi in fasce. La frittura di Stefano era, semplicemente, deliziosa e andava giù con una facilità incredibile a parte il fatto di essere talmente morbida da sciogliersi in bocca. Il segreto sta nell'olio utilizzato e nell'infarinatura, molto leggera.

Qualcuno dei commensali abdica prima della fine e abbandona, sul piatto, integri, dei tordelli affogati in un ragù che emana un profumo d'altri tempi. Noi, almeno a tavola visto che, nella realtà, ci rompono puntualmente i coglioni con esposti e querele, non siamo abituati a fare prigionieri per cui diventiamo, improvvisamente, dei croupier efficientissimi che sbaraccano il banco. Cip ci viene dietro.

Come dolce prendiamo un latte alla portoghese, ma è a questo punto che il Cippo tira fuori la sua carta da giocare: una fiaschetta di acciaio all'interno della quale ha versato la grappa di more proveniente, direttamente, dalla Romania dove il suocero si diletta nella produzione di grappe fruttate genuine e non industrializzate. 40 gradi tutti da buttare in fondo allo stomaco, ma che meraviglia. Altro che caffè o pasticche per dormire meglio. Con questa grappa alla frutta non facciamo in tempo a poggiare la testa sul cuscino che sprofondiamo in un sonno ristoratore dove non ci sono gli incubi boldriniani che, in altre circostanze, ci perseguitano.

Arriva Stefano con un calice per tre e così brindiamo al fratello. Sono amici da tanto tempo e pensare che ci siamo conosciuti litigando come bestie quando eravamo alla redazione lucchese de La Nazione. Belle persone i Micheloni, tanti auguri Stefano e forza e coraggio, i tempi sono e saranno duri, ma troppo facile fermarsi o mollare quando tutto, intorno, sembra togliere la voglia di correre. Chi si ferma è perduto era solito sostenere uno che, lo sappiamo, finì a testa in giù. Ne sbagliò tante e alla fine pagò, giustamente, il fio, ma su questo, almeno, aveva ragione.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 maggio 2021, 13:29

Burro&Alici, la passione di Alessandro Gaddi

Dimenticate la classica cena. Uscite dalla comfort zone. Il futuro si chiama Burro&Alici e fa capolino a porta San Pietro a Lucca, in via Francesco Carrara


giovedì, 13 maggio 2021, 19:44

Stop ai colori, via il coprifuoco, indennizzi per le chiusure 2021: queste le richieste di Tni Italia al premier Mario Draghi

Una pioggia di mail e di commenti social indirizzati al presidente del Consiglio Draghi sotto l'hashtag #iononchiudopiu


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 maggio 2021, 22:19

Betty e Chiara, due divine in cucina


venerdì, 30 aprile 2021, 19:54

La Toscana in tavola: un menù alla scoperta della tradizione

Uno dei luoghi della bella Italia che maggiormente riesce a trasmettermi pace e benessere è la Toscana. Luogo di incredibile bellezza, tripudio di fiori, natura, buon vino e… buon cibo!


lunedì, 15 marzo 2021, 09:20

Covid e ristorazione, la sfida di Davide e Stefano Micheloni: non c'è resistenza senza resilienza

Il Coronavirus ha messo in ginocchio i ristoranti così, l'enoteca Micheloni a Guamo si è trovata di fronte al ricorrente dilemma shakespeariano: essere o non essere? Da qui l'idea per ripartire senza morire


mercoledì, 24 febbraio 2021, 17:33

Rivoluzione McDonald's: nuovo look e due auto servite in contemporanea col McDrive

Più di un semplice fast food. McDonald's guarda al futuro e comincia la sua rivoluzione. Lo rende noto Pino Iacopelli, licenziatario del marchio a Lucca e Pisa che già a fine gennaio aveva anticipato l'idea di un restauro per il punto vendita di viale Europa