Anno XI

venerdì, 14 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Tutte le novità de "I gelati di Piero"

lunedì, 22 febbraio 2021, 09:24

di barbara ghiselli

Una ne fa e cento ne pensa. La sua attività, che ha riaperto i battenti ieri (sabato 20 gennaio), dopo il letargo invernale, ha anche cambiato veste: il locale è di un azzurro tiffany e alle pareti sono affisse le sue foto: una, quando da piccolo era in braccio a suo padre, colui che gli ha insegnato il mestiere, e poi, una foto attuale, con accanto sua moglie Caroline. Di chi stiamo parlando? Di Piero Pacini de "I gelati di Piero", naturalmente. Un maestro gelatiere, come dimostrano le specialità nella sua vetrina e una persona di una gentilezza e un garbo incredibili come testimoniano i suoi clienti.

E' proprio lui che racconta alla Gazzetta di Lucca, alcune importanti novità: "Io e Caroline siamo sempre stati particolarmente sensibili alla filosofia ecologista ed è per questo che abbiamo deciso di rimuovere la plastica dall'attività per arrivare presto a essere completamente "green friendly", usando quindi solo materiali biodegradibili. Abbiamo inoltre deciso quest'anno di essere green anche nella fornitura di energia per il negozio". Ma non è questo l'unico cambiamento.

"Tutti i nostri prodotti – spiega – sono liberi dal glutine: dalle cialde, ai prodotti per la decorazione dello yogurt. Già l'anno scorso poi abbiamo creato un gelato che ricordasse il maestro 'Giacomo Puccini' e presto ne faremo un altro dedicato al sommo poeta 'Dante Alighieri' nel 700esimo anniversario della morte. Ho sempre pensato che sia fondamentale creare una sinergia tra arte, cultura e questa professione e, spero di dare con questo nuovo gusto un piccolo contributo".

E le novità non finiscono qui: "Stiamo pensando di aprire un altro locale all'esterno del centro storico, è un progetto innovativo, unico nel suo genere in Italia. Al momento preferisco però non dire altro".

Piero si definisce un realista propositivo, anche se ammette di essere un po' preoccupato perchè teme, come è avvenuto l'anno scorso, che a causa dei contagi da Covid – 19 ci sia un nuovo lockdown verso Pasqua. "Se proprio dovevano chiudere era meglio che decidessero di farlo a gennaio – febbraio, altrimenti c'è il rischio che la stagione primaverile sia di nuovo rovinata".

Ma l'amarezza sul viso di Piero lascia subito il posto a un sorriso; sono infatti entrati dei clienti che esclamano: "Quanto ci siete mancati! Finalmente potremo gustare nuovamente il vostro ottimo gelato!". E Piero non chiede altro che, di poter far restare aperta la sua attività, e svolgere il suo lavoro con tutto l'impegno, la passione e la professionalità che da sempre lo accompagnano.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 maggio 2021, 13:29

Burro&Alici, la passione di Alessandro Gaddi

Dimenticate la classica cena. Uscite dalla comfort zone. Il futuro si chiama Burro&Alici e fa capolino a porta San Pietro a Lucca, in via Francesco Carrara


giovedì, 13 maggio 2021, 19:44

Stop ai colori, via il coprifuoco, indennizzi per le chiusure 2021: queste le richieste di Tni Italia al premier Mario Draghi

Una pioggia di mail e di commenti social indirizzati al presidente del Consiglio Draghi sotto l'hashtag #iononchiudopiu


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 maggio 2021, 22:19

Betty e Chiara, due divine in cucina


venerdì, 30 aprile 2021, 19:54

La Toscana in tavola: un menù alla scoperta della tradizione

Uno dei luoghi della bella Italia che maggiormente riesce a trasmettermi pace e benessere è la Toscana. Luogo di incredibile bellezza, tripudio di fiori, natura, buon vino e… buon cibo!


lunedì, 15 marzo 2021, 09:20

Covid e ristorazione, la sfida di Davide e Stefano Micheloni: non c'è resistenza senza resilienza

Il Coronavirus ha messo in ginocchio i ristoranti così, l'enoteca Micheloni a Guamo si è trovata di fronte al ricorrente dilemma shakespeariano: essere o non essere? Da qui l'idea per ripartire senza morire


mercoledì, 24 febbraio 2021, 17:33

Rivoluzione McDonald's: nuovo look e due auto servite in contemporanea col McDrive

Più di un semplice fast food. McDonald's guarda al futuro e comincia la sua rivoluzione. Lo rende noto Pino Iacopelli, licenziatario del marchio a Lucca e Pisa che già a fine gennaio aveva anticipato l'idea di un restauro per il punto vendita di viale Europa