Anno XI

venerdì, 14 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Momi ancora in marcia su Roma con #IOAPRO: "Siamo al collasso, aiutateci a non morire"

lunedì, 22 febbraio 2021, 21:56

di chiara bernardini

Una giornata di fuoco per i sostenitori di "IoApro". Proprio in questo momento sono di ritorno da Roma dove ieri sono scesi ancora una volta in piazza per far sentire la loro voce. Chiedono risposte, chiedono di poter lavorare.

"Le attività sono al collasso e nessuno se ne rende conto - incalza Momi, l'ormai conosciutissimo ristoratore di Firenze e capofila della protesta - Siamo arrivati in piazza Vidoni, insieme a noi moltissime altre categorie, per ottenere un risultato concreto. Per essere ascoltati da qualcuno. Siamo stanchi delle parole, serve una reazione, servono i fatti".

Uniti, sono riusciti a trovare un riscontro dal ministro Matteo Salvini e Vittorio Sgarbi, i quali hanno dimostrato solidarietà verso coloro che da un anno, ormai, lottano con le saracinesche abbassate: "Il sostegno da parte loro non è mai mancato, così come non lo è mai stato quello delle forze dell'ordine che ammiriamo e ringraziamo di tutto - continua Momi - I politici ci hanno parlato e dimostrato il loro appoggio. Siamo contenti di questo riscontro, adesso però è necessario che i discorsi si trasformino in cambiamenti reali".

Una data ipotetica, il 5 marzo, sembra far vedere uno spiraglio di luce alla categoria dei ristoratori: "Lottiamo affinché quel giorno possa davvero essere un punto di svolta, per noi e non solo - spiega - Non ci sono solo i ristoranti a rischiare il fallimento, ma crediamo che iniziare aprendo quelli possa essere un primo passo. Non molliamo e finché avremo fiato mai lo faremo".

In piazza quasi 200 le persone che, munite di mascherina, hanno deciso di gridare ancora una volta un "Basta" che, nonostante tutte le porte in faccia, sembra non avere nessuna intenzione di quietarsi. Tornano a casa speranzosi, ma non ancora soddisfatti: "Serve l'appoggio di tutti, non possono esserci sottogruppi per riuscire a vincere questa battaglia - conclude Momi a nome di tutti i suoi colleghi e, ormai, amici - La prossima settimana ci attiveremo con ulteriori iniziative, una in particolare crediamo possa avere un impatto importante per il risultato finale, ma ancora non possiamo entrare nei dettagli".

Un direttivo, quello di IoApro, inarrestabile e in costante crescita. 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 maggio 2021, 13:29

Burro&Alici, la passione di Alessandro Gaddi

Dimenticate la classica cena. Uscite dalla comfort zone. Il futuro si chiama Burro&Alici e fa capolino a porta San Pietro a Lucca, in via Francesco Carrara


giovedì, 13 maggio 2021, 19:44

Stop ai colori, via il coprifuoco, indennizzi per le chiusure 2021: queste le richieste di Tni Italia al premier Mario Draghi

Una pioggia di mail e di commenti social indirizzati al presidente del Consiglio Draghi sotto l'hashtag #iononchiudopiu


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 maggio 2021, 22:19

Betty e Chiara, due divine in cucina


venerdì, 30 aprile 2021, 19:54

La Toscana in tavola: un menù alla scoperta della tradizione

Uno dei luoghi della bella Italia che maggiormente riesce a trasmettermi pace e benessere è la Toscana. Luogo di incredibile bellezza, tripudio di fiori, natura, buon vino e… buon cibo!


lunedì, 15 marzo 2021, 09:20

Covid e ristorazione, la sfida di Davide e Stefano Micheloni: non c'è resistenza senza resilienza

Il Coronavirus ha messo in ginocchio i ristoranti così, l'enoteca Micheloni a Guamo si è trovata di fronte al ricorrente dilemma shakespeariano: essere o non essere? Da qui l'idea per ripartire senza morire


mercoledì, 24 febbraio 2021, 17:33

Rivoluzione McDonald's: nuovo look e due auto servite in contemporanea col McDrive

Più di un semplice fast food. McDonald's guarda al futuro e comincia la sua rivoluzione. Lo rende noto Pino Iacopelli, licenziatario del marchio a Lucca e Pisa che già a fine gennaio aveva anticipato l'idea di un restauro per il punto vendita di viale Europa