Anno XI

mercoledì, 22 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Corte Cenami, la scommessa, vinta, di Antonio Di Cecio

lunedì, 19 luglio 2021, 04:33

di aldo grandi

Chi lo avrebbe mai detto? Pochi avrebbero, infatti, scommesso sulla riuscita, di questi tempi, di una iniziativa del genere. E invece ad Antonio Di Cecio, titolare con la famiglia dell'Oste di Lucca in via Cenami e via Fillungo, è andata come nessuno avrebbe, probabilmente, mai immaginato. Del resto lui, su quell'angolo nascosto di Lucca da un enorme cancello grigio in ferro battuto, ci aveva messo gli occhi da un pezzo e se chiunque, a onor del vero, lo guardava con sospetto se non, addirittura, con benevola indulgenza, lui, al contrario, non ha mai voluto sentire ragioni ed è filato diritto per la propria strada.

Provate, adesso, a recarvi la sera, ma anche durante il giorno in via Cenami e varcate la soglia della omonima corte, fino a un paio di mesi fa vuota e nascosta alla vista dei lucchesi e dei visitatori. Di Cecio ha voluto allargare i propri orizzonti gastronomici e ha chiesto e ottenuto, dalla antica proprietà, di poterla utilizzare come location destinata ad accogliere i propri avventori che, adesso, sono talmente entusiasti della nuova sede da non chiedere più di sedere sui tavoli in via Cenami direttamente sulla strada.

"E' vero - spiega il ristoratore - in tempi difficili come questi siamo stati costretti, io per primo. a cercare di trovare il modo per adattarci e rimettersi in discussione. Avrei potuto continuare con quello che avevo, ma ho preferito provare a guardare oltre e così ho attrezzato e arredato questa corte che, fino ad oggi, era in uno stato di abbandono nel senso che non era visibile a nessuno e nessuno poteva ammirarne la bellezza. E' un angolo bellissimo di questa città, da cui si ammira, attraverso l'ingresso, una parte di quel meraviglioso palazzo Cenami dove si trovano la libreria Mondadori e il caffè-pasticceria siciliana Frastuka. Ho voluto coprire questa corte di fiori e di luci calde, che dessero una certa atmosfera, soprattutto, la sera e l'effetto è stato incredibile. A parte le visite di personaggi pubblici e anche di ex amministratori, è bellissimo per me averci creduto e vedere adesso, sia a pranzo sia a cena, i colori di questo paradiso nascosto riportato alla luce e alla fruibilità dei turisti e degli stessi lucchesi".

Praticamente full-up sia a pranzo sia a cena, pioggia di consensi, una organizzazione non sempre facile, ma una disciplina ferrea per accontentare tutti. Provate a recarvi una sera a cena e ve ne renderete conto da soli. Sembra di stare in una località di villeggiatura e respirare un'aria estiva che non si respirava da tempo. E' anche così che si rilancia una città, rivalutandone e rivalorizzandone bellezze nascoste.

Il pezzo forte della corte è l'ingresso, arredato con due fila di tavoli a destra e a sinistra e con fiori molto belli e tipicamente stagionali. Al centro un corridoio di colore rosso che accompagna fino alla parte più ampia della corte dove è stata attrezzata una sorta di area protetta che era tipica delle corti lucchesi, grandi giardini e spazi aperti che si aprivano improvvisamente in una città che sembrava impermeabile anche alla vista dei più curiosi.

La carne, in questo luogo godibile agli occhi oltreché agli istinti fagici, rappresenta il top e venire qui non ha senso se non si cede alla tentazione di imbattersi in una bistecca alla fiorentina alta anche cinque dita e di quasi due chili di peso o in un filetto alto e tenero come il burro. Ma c'è anche la meno 'preziosa' bistecchina di maiale cotta anch'essa sulla pietra ollare a fare le sue giuste rimostranze e pretendere un suo ruolo all'interno di questa specie di macelleria per palati esigenti. Una bistecchina di maiale alta fino a quasi tre dita che oltre ad essere morbida, è anche appetitosa e digeribile a tutti. Accompagnatela con un bel contorno di fagioli o anche di spinaci o rapini saltati o anche verdure cotte al forno. Tutta la carne arriva direttamente dalla Val d'Elsa, provincia di Siena. Non è chianina, ma sicuramente cerca di non farla rimpiangere e ci riesce alla grande.

Scommessa vinta, quindi, e noi non possiamo che essere contenti se il popolo dei ristoratori, chiunque essi siano, riesce a trovare il modo per mantenersi in piedi dopo tutti i tentativi di questi ultimi mesi di metterli, sistematicamente, al tappeto. Essi sono una grande dote per il nostro Paese, ma qualcuno, a Roma e non solo, sembra essersene dimenticato. Facciamo tutti il possibile per farglielo ricordare.

Foto Ciprian Gheorghita


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 21 settembre 2021, 09:44

Tony Micelotta lancia il progetto 'Al bar del Piccolo': cocktail d'autore al Grand Hotel Principe di Piemonte

Inaugurazione fissata per sabato 25 settembre dalle 18 alle 21. La struttura alberghiera viareggina si arricchisce di un nuovo qualificato servizio per chi ama godersi un panorama unico e sorseggiare le 'magie' di Tony


domenica, 19 settembre 2021, 21:16

Da Paolino alla Tosca nasce la pizza Bastarda (alla Aldo Grandi)

Avete presente il ristorante-pizzeria Tosca a Gignano di Brancoli? Conoscete Paolino Luporini? Avete mai assaggiato le sue meravigliose e sottili pizze? Adesso ne è nata una nuova, tosta e saporita come si addice ad una vera pizza bastarda


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 settembre 2021, 19:54

La vita agra

Una cena sul rooftop del Grand Hotel Principe di Piemonte a rincorrere i fasti di un tempo, immersi in una atmosfera magica e circondati dal mare e dalle Apuane. Una struttura tornata a livelli di eccezione ed eccezionalità. Photogallery by Cip


mercoledì, 8 settembre 2021, 15:35

"Salotto del vino e del verde": sold-out l'edizione 2021

Non ha certamente risentito dell’anno di stop a causa della pandemia, almeno in termini di qualità del servizio e presenze, il Salotto del Vino e del Verde di Montecarlo, evento collaterale della Festa del Vino che il 5 settembre ha mandato in archivio l’edizione 2021


mercoledì, 8 settembre 2021, 00:25

Basilico Fresco, serata magica tra Battisti e profumi di mare

Per la prima volta o quasi siamo sbarcati sulla Marina di Torre del Lago per una cena a base di pesce. E al Basilico Fresco abbiamo trovato quel che cercavamo oltre a una inaspettata, graditissima sorpresa musicale


martedì, 7 settembre 2021, 23:39

Carmine Mariniello detto Gigi, mente teutonica, cuore italiano

Da una vita è il braccio destro e anche sinistro di Michele Tambellini sul fronte enogastronomico e se resti ad ascoltarlo anche solo per dieci minuti, capisci perché. Da Gigi, infatti, è il suo regno