Anno XI

giovedì, 2 dicembre 2021 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

La Lucchese torna da Fermo con un pareggio: rossoneri più volte vicini al gol

martedì, 19 ottobre 2021, 21:53

di michele masotti

0-0

Fermana (3-4-1-2): Ginestra, Mordini (46’Sperotto), Corinus e Blondett; Rodio, Mbaye, Graziano (94’Bugaro) e Capece; Frediani (46’Pannitteri); Cogninini (89’Bolsius) e Nepi (84’Alagna) A disposizione: Moschin, Grossi, Bugaro, Pistolesi, Rovaglia, Ajradinoski e Manni Allenatore: Giancarlo Riolfo

Lucchese (4-3-1-2): Coletta, Papini, Bachini, Bellich e Corsinelli; Brandi, Eklu e Visconti; Belloni (66’Nanni); Fedato e Semprini (89’Babbi) A disposizione: Cucchietti, Panati, Quirini, Yakubiv, Dumbravanu, Schimmenti, Lovisa e Ruggiero Allenatore: Guido Pagliuca

Arbitro: Kevin Bonacina di Bergamo (Assistenti Miccoli di Lanciano e Sprezzola di Mestre)

Note: Espulso al 81’Corinus per doppia ammonizione. Ammoniti Blondett, Papini, Fedato, Brandi, Rodio e Eklu. Calci d’angolo 1-1. Recupero 0’ e 5’.

La Lucchese dà continuità al blitz di Pontedera pareggiando a reti inviolate in casa della pericolante Fermana. I rossoneri, che mantengono una lunghezza di vantaggio sulla zona playout, hanno sempre controllato la partita, non concedendo grosse occasioni ai canarini e creando, al contempo, almeno cinque, di cui quattro nel primo tempo, ghiotte chance per ottenere i tre punti. Ai tifosi rossoneri che hanno assistito al match verrà in mente il classico bicchiere da valutare, secondo i punti di vista, mezzo pieno per non aver subito gol per la seconda volta in campionato e per la padronanza tattica mostrata dai ragazzi di Pagliuca oppure mezzo vuoto per non aver ottenuto la seconda vittoria di fila, che sarebbe stata meritata per quanto dimostrato dal manto erboso del “Recchioni”. Resta il fatto che la Lucchese abbia compiuto un piccolo step di crescita. Se contro i granata capitan Coletta e compagni aveva dimostrato di gestire finalmente senza patemi una situazione di vantaggio, questa sera gli ospiti hanno difeso molto bene sui calci piazzati, la principale arma offensiva della Fermana. Per lo 0-0 odierno i canarini devono assolutamente ringraziare il loro portiere Paolo Ginestra che a 42 anni suonati riesce a fare ancora la differenza. Unica nota stonata di serata resta la quinta e severa ammonizione incassata da Fedato, anche oggi uno dei più positivi assieme al solito Eklu e Bellich, che costringerà al turno di stop l’attaccante veneto.

Secondo turno infrasettimanale di campionato per la Lucchese, di scena nell’inedita trasferta di Fermo. Senza i titolari Baldan e Frigerio, rimasti nella città dell’arborato cerchio a causa di alcuni piccoli acciacchi fisici, mister Pagliuca li sostituisce con Bachini e Brandi e mantiene intatto il tridente offensivo composto da Belloni in veste di rifinitore alle spalle di Fedato e Semprini. 3-4-1-2 per la Fermana, terzultima della classe e priva di due pedine importanti come capitan Urbinati, peraltro miglior marcatore dei suoi con due centri, e l’attaccante ex Monza Ettore Marchi. Riolfo, subentrato dopo la quarta giornata al dimissionario Domizzi, propone un 3-4-1-2, mutabile a seconda delle evenienze in un 4-3-1-2, dove i riferimenti offensivi sono Nepi e Cognini, esperta punta che in passato, quando vestiva la maglia dell’Ancona, aveva fatto male ai rossoneri.

Atteggiamento guardingo in avvio da parte delle due squadre, determinate più a studiarsi che a pungere offensivamente. Detto dell’ammonizione di Eklu, a smuovere la serata marchigiana ci pensa la Lucchese. Al 21’ il duttile Visconti pennella un traversone per l’inserimento di Fedato la cui conclusione sfiora il palo alla destra di Ginestra. I rossoneri prendono le misure alla stentata manovra dei gialloblù, tengono il campo con intelligenza, ben consci di poter andare a segno in qualsiasi maniera. Come al 29’ Semprini, scattato sul filo del fuorigioco, si presenta davanti a Ginestra, con il portiere classe 1979 molto bravo nel deviare in corner. Su successivo tiro dalla bandierina, il primo per i ragazzi di Pagliuca, è il palo a salvare l’esperto numero uno marchigiano sul colpo di testa vincente di Fedato. Capita nuovamente sui piedi di Semprini, i cui movimenti vengono difficilmente letti da Blondett e soci, la terza chance in tre minuti per la Pantera. Questa volta il bomber rossonero scarta anche a Ginestra ma si vede respingere la sua conclusione da un difensore.

Sul capovolgimento di fronte arriva la prima replica della Fermana, con un bolide da fuori area di Graziano alzata sopra la traversa da Coletta. Fiammate che accendono il finale di frazione. Al 39’ il capitano ospite esce con i tempi giusti per disinnescare Cognini. Sessanta secondi più tardi si ripete il duello tra Semprini, liberatosi al tiro dopo uno scambio con Fedato, e Ginestra, con quest’ultimo dice ancora di no all’ex Pontedera. È l’ultima chance di un primo tempo ben condotto dalla Lucchese; l’unico torto della Pantera è stato quello di non concretizzare le diverse occasioni, alcune nitide, costruite.

Riolfo nell’intervallo per un doppio cambio: fuori Frediani e Mordini, dentro Pannitteri e Sperotto, con i canarini che passano ad un 4-3-1-2. Fase iniziale del secondo tempo che ricalca il copione della prima frazione, con pochi spazi per i rispettivi attacchi. I locali sopperiscono alla maniera cifra tecnica con una dose maggiore di carica agonistica, anche se di azioni manovrate di marca canarina non c’è nemmeno l’ombra. Al 61’ Bonacina ammonisce in maniera fiscale Francesco Fedato, che era in diffida e quindi dovrà in match interno di sabato contro la Viterbese. Cinque minuti dopo Pagliuca si gioca la carta Nanni in luogo di Belloni, con Fedato che scala nel ruolo di trequartista. Al 73’ squillo locale con il colpo di testa di Mbaye comodamente bloccato da Jacopo Coletta. Lucchese che, complice anche una comprensibile stanchezza in alcuni suoi interpreti, accusa il dinamismo dei marchigiani. Per gli ultimi dodici minuti Pagliuca si affida alle geometrie di Bensaja al posto di uno stremato Elia Visconti. Fioccano, in maniera ovviamente minore rispetto a sabato scorso in quel di Pontedera, i cartellini gialli. All’81’ Bonancina tira fuori il rosso, frutto di una doppia ammonizione, ai danni del francese Corinus che ha fermato irregolarmente sulle trequarti Nanni. Azione e caparbietà della punta sammarinese molto simili a quelle che portarono all’espulsione del modenese Silvestri qualche settimana or sono. Forte della superiorità numerica, la Lucchese torna a premere alla cerca del gol da tre punti. L’occasione, peraltro ghiotta, capita al 94’ sui piedi di Brandi, ma il destro del mediano in prestito dal Verona non viene angolato permettendo la respinta di Ginestra.

Secondo pareggio stagionale, dunque, per la Pantera che con una maggiore precisione sotto misura avrebbe potuto fare bottino pieno in terra marchigiana. Sabato nuovo impegno casalingo per la truppa di Guido Pagliuca che ospiterà la Viterbese, ultima sì della classe ma che nel pomeriggio ha dato grossi segnali di risveglio come testimoniato dal 2-0 rifilato al Siena.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


martedì, 30 novembre 2021, 15:50

Lucchese protagonista alla presentazione del libro di Paolo Bottari

Saranno Tony Carruezzo e Nazzareno Tarantino, due degli ospiti speciali che interverranno giovedì prossimo 2 dicembre a Borgo a Mozzano alla presentazione del libro del giornalista Paolo Bottari “L’Oro di Lucca”, dedicato alla storia dello sport lucchese


domenica, 28 novembre 2021, 14:55

Una matura Lucchese supera indenne l’esame di Pescara

Settimo risultato positivo nelle ultime otto uscite per la Lucchese che torna dall’insidiosa trasferta di Pescara con uno 0-0 frutto di una gara accorta, preparata prima e realizzata poi molto bene tatticamente dalla truppa rossonera


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 26 novembre 2021, 12:54

Lucchese senza paura a Pescara. Pagliuca: “C’è un bel clima di entusiasmo e consapevolezza”

Antivigilia di una delle trasferte più lunghe della stagione per la Lucchese, di scena domenica alle 14:30 allo stadio “Adriatico-Giovanni Cornacchia” di Pescara


mercoledì, 24 novembre 2021, 22:37

Pescara, momento difficile per la panchina del traballante Auteri

Le due vittorie negli ultimi undici match certificano il negativo periodo che sta vivendo il Pescara, retrocessa dalla B e una delle “big 6” che, secondo i pronostici degli addetti ai lavori, avrebbe dovuto battagliare per tornare direttamente in cadetteria


domenica, 21 novembre 2021, 18:16

Lucchese batte il Siena e comincia a sognare

Preziosa e bellissima vittoria della Lucchese, che si aggiudica il derby contro il Siena. E con questo successo si proietta nella zona alta della classifica salendo a quota ventuno


giovedì, 18 novembre 2021, 14:26

Il Siena grandi firme prova a spiccare il volo con Maddaloni in panchina

Terzo derby stagionale per la Lucchese che, reduce dalla prova di maturità superata a Gubbio, riceverà al Porta Elisa domenica, calcio d’inizio alle 17:30, la visita dell’ambizioso Siena, quarta della classe ma già attardato di nove lunghezze dalla capolista Reggiana