Anno XI

mercoledì, 22 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Leonardo Romanelli e Soledad cucinano insieme il “cibreo”, un piatto di rara esecuzione

mercoledì, 21 luglio 2021, 13:24

di francesca sargenti

Il “cibreo”, piatto povero della cucina toscana, e il critico enogastronomico Leonardo Romanelli sono stati i veri protagonisti della serata di ieri sera presso il Ristorante Premiata Tintoria Verciani di via del Fosso a Lucca, organizzata da Stefano De Ranieri, titolare del ristorante. 

La presentazione dell’ultimo libro di Romanelli, Racconti e ricette, presso l’Osteria di quartiere - Lo stellario è stata moderata da Lirio Marigalaviti, scrittore e giornalista, che ha aperto la serata introducendo sapientemente i cinquanta racconti del libro: storie di vita comune abbinate ad altrettante ricette, con aneddoti e indicazioni suggerite dallo stesso Leonardo Romanini per prepararle al meglio. 

“Questo libro – ha commentato Romanelli - trae spunto dalla commistione di umori, sapori e sentimenti di donne e uomini che culminano in un altro racconto, che più che la classica ricetta con ingredienti, tempi, difficoltà e modalità di realizzazione è semmai la cronistoria affettuosa della genesi di un piatto o di un cibo, una riflessione emotiva sul perché di una carbonara o di un tiramisù. Storia e ricetta finiscono così per intrecciarsi e ci fanno vivere in un micro-affresco di vita. Ed ecco che la cucina e la tavola assumono un ruolo diverso a seconda degli umori, ed in particolare le ricette, eseguite basandosi sul sentimento, non risulteranno mai uguali, perché diversi gli stati d’animo. “ 

Questo è stato solo l’inizio di una serata gustosa, leggera e divertente.

Affascinati dal piccolo trattato sul piacere della degustazione la serata è, infatti, proseguita con una vera e propria degustazione di piatti legati alla tradizione magnificamente realizzati: scarpaccia di zucchine, parmigiana di melanzane, baccalà mantecato, lasagna, vitello tonnato e cibreo, per finire con le frittelle di mele. 

Piatti non solo da degustare, ma anche da riscoprire, come il cibreo. “Vecchissimo piatto di recupero e super gustoso, come lo ha definito Stefano De Ranieri – che è stato un piacere poterlo realizzare in questa occasione”. 

Una serata sicuramente non banale, dove il cibreo è riuscito a catalizzare l’attenzione dei commensali. Un piatto difficilmente reperibile e di rara e difficile esecuzione, un piatto anche di grande lignaggio superbamente preparato da Soledad, la cuoca del Mecenate, con la supervisione di Leonardo Romanelli, la cui preparazione ritroviamo nel libro Racconti e ricette e che sintetizza la filosofia sul cibo dell’autore.

“La curiosità di fronte al cibo, agli ingredienti e alle modalità di preparazione – ha infatti affermato il critico enogastronomico Romanelli – è un l’elemento di orgoglio e felicità, grazie alla quale possiamo scoprire nuovi sapori, ma con il diritto assoluto di poter affermare anche che non ci piace il risultato”. 

Ma come viene preparato il “cibreo”? Vi lascio con la curiosità di andare a soddisfare la vostra curiosità e il vostro palato.


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 21 settembre 2021, 09:44

Tony Micelotta lancia il progetto 'Al bar del Piccolo': cocktail d'autore al Grand Hotel Principe di Piemonte

Inaugurazione fissata per sabato 25 settembre dalle 18 alle 21. La struttura alberghiera viareggina si arricchisce di un nuovo qualificato servizio per chi ama godersi un panorama unico e sorseggiare le 'magie' di Tony


domenica, 19 settembre 2021, 21:16

Da Paolino alla Tosca nasce la pizza Bastarda (alla Aldo Grandi)

Avete presente il ristorante-pizzeria Tosca a Gignano di Brancoli? Conoscete Paolino Luporini? Avete mai assaggiato le sue meravigliose e sottili pizze? Adesso ne è nata una nuova, tosta e saporita come si addice ad una vera pizza bastarda


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 settembre 2021, 19:54

La vita agra

Una cena sul rooftop del Grand Hotel Principe di Piemonte a rincorrere i fasti di un tempo, immersi in una atmosfera magica e circondati dal mare e dalle Apuane. Una struttura tornata a livelli di eccezione ed eccezionalità. Photogallery by Cip


mercoledì, 8 settembre 2021, 15:35

"Salotto del vino e del verde": sold-out l'edizione 2021

Non ha certamente risentito dell’anno di stop a causa della pandemia, almeno in termini di qualità del servizio e presenze, il Salotto del Vino e del Verde di Montecarlo, evento collaterale della Festa del Vino che il 5 settembre ha mandato in archivio l’edizione 2021


mercoledì, 8 settembre 2021, 00:25

Basilico Fresco, serata magica tra Battisti e profumi di mare

Per la prima volta o quasi siamo sbarcati sulla Marina di Torre del Lago per una cena a base di pesce. E al Basilico Fresco abbiamo trovato quel che cercavamo oltre a una inaspettata, graditissima sorpresa musicale


martedì, 7 settembre 2021, 23:39

Carmine Mariniello detto Gigi, mente teutonica, cuore italiano

Da una vita è il braccio destro e anche sinistro di Michele Tambellini sul fronte enogastronomico e se resti ad ascoltarlo anche solo per dieci minuti, capisci perché. Da Gigi, infatti, è il suo regno