Anno XI

martedì, 19 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Carmine Mariniello detto Gigi, mente teutonica, cuore italiano

martedì, 7 settembre 2021, 23:39

di aldo grandi

Da una vita è il braccio destro e anche sinistro di Michele Tambellini sul fronte enogastronomico e se resti ad ascoltarlo anche solo per dieci minuti, capisci perché. Da Gigi, infatti, è il suo regno. 

All'anagrafe fa Carmine Mariniello, ma per tutti, a Lucca e non solo, è Gigi, il gestore e contitolare di Michele Tambellini nel ristorante che, da sempre e in piazza del Carmine, ha fatto, fa e farà tendenza. Covid o non Covid, pandemia o non pandemia, turisti o non turisti, al ristorante  di Carmine Mariniello non c'è trippa per gatti. O meglio, la trippa c'è eccome, alla lucchese, ma insieme alla trippa c'è tanta professionalità, c'è altrettanta grinta e, soprattutto, c'è, appunto, Gigi che in quanto a determinazione, personalità, intuito, carattere non è secondo a nessuno.

Noi non siamo mai stati dei frequentatori assidui di piazza del Carmine, in particolare perché, geograficamente, sempre vissuti nella prima periferia cittadina. Adesso che, messi al bando confini e vaccini, abbiamo scelto di volare qui e là, ci siamo accorti che da Gigi non si sta bene, si sta meglio. E si mangia molto, ma molto bene. Non che non lo sapessimo già, tutt'altro, è che ogni volta che ci torniamo restiamo di stucco: i sapori della cucina lucchese sono spettacolari e, poi, c'è sempre lui, Gigi Carmine Mariniello.

Carmine è cresciuto insieme a Michele Tambellini, insieme entrambi sui banchi delle scuole medie, poi uno al Carrara e l'altro allo scientifico. Quindi, un ritrovarsi che è stato l'inizio di una collaborazione a metà tra il professionale e lo sportivo, con Gigi che ha girato mezza e anche di più Italia al seguito dell'amico del cuore impegnato sui campi di calcio di serie B e C.

Così, quando Michele ha deciso di intraprendere la carriera di ristoratore, ha pensato bene di fidarsi di lui, di quel Carmine che, cresciuto a Stoccarda e piovuto, poi, a Lucca, è solito dire, come un altro nostro caro amico, Piero Pacini, di possedere la testa tedesca, ma il cuore italiano.

Quando Carmine inizia a raccontare colpiscono il suo entusiasmo e la sua sincerità, il dire sempre o quasi ciò che crede sia giusto. Carmine è una bella persona, lo si vede e lo si percepisce, ed è una persona intellettualmente onesta, non facile da trovare. Ama il suo lavoro al punto che non sente nemmeno la stanchezza. E' una sorta di guardia reale a presidio di un avamposto che necessità di cure e attenzioni costanti.

Mangiare da Gigi è una esperienza che i lucchesi conoscono a menadito. In piazza del Carmine, in fondo e a pensarci bene, è rimasto soltanto lui a tenere alto il nome di un luogo così caro storicamente alle famiglie che vivevano nel centro storico. L'altra sera abbiamo voluto assaggiare i suoi gnocchi con burrata e pomodori secchi, da urlo oltre alla burrata su tartare di pomodoro E chiudere con un pollo al... mattone che più buono non si può, un pollo che non... allappa. Complimenti. 


Questo articolo è stato letto volte.


nicoladeg

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

bonito400

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 ottobre 2021, 11:19

Da Aldo a Viareggio, una carbonara di mare senza... pietà

Pochi ingredienti: un soffritto iniziale con aglio, olio, prezzemolo e peperoncino, un po' di pescato giornaliero, soprattutto cozze, vongole, totani, gamberetti e un pesce affumicato (o salmone o spada), brodo di pesce, un cucchiaino di panna per creare più cremosità (ma che, ci tende a sottolineare, nella carbonara classica non...


domenica, 17 ottobre 2021, 22:20

Relais Villa Olmo, coccole fuori dal mondo

Siete stanchi e stressati? Avete voglia di farvi... cullare da uno staff gentile ed efficiente? Di dormire in un borgo del Cinquecento immersi in un'atmosfera d'altri tempi? Allora salite in auto e raggiungere Impruneta, terra del cotto e del peposo docg


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 13 ottobre 2021, 23:48

Il Grande Caldo... in un mondo così freddo c'è bisogno di amici che ti riscaldino

Una serata alla fattoria Borgo La Torre di Montecarlo di Chiara e Betty merita un tampone: di fronte a chi vuole imporci il vaccino, la scelta di farsi scartavetrare il naso per stare insieme diventa un gesto di grande autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio


mercoledì, 13 ottobre 2021, 22:13

Non solo pasticceria: da Dhea arrivano le cene a base di pesce

Sarà per la posizione, di fronte alle mura della città, sarà per l’ambiente rifinito e particolare, sarà per i dolci belli da vedere e buoni da mangiare, sarà per la statua di Apollo e Dafne che si incontra arrivando al negozio


mercoledì, 13 ottobre 2021, 08:23

Micheloni cavalca il cambiamento e diventa “ristorante a casa tua”

Adattamento. È questa la parola che, da oltre un anno, risuona tra le fila di imprenditori e professionisti di vario genere. D’altro canto, adattarsi al cambiamento, per molte attività, è stata l’unica scelta possibile per sopravvivere.


lunedì, 11 ottobre 2021, 18:04

40^ Mostra Micologica del Gruppo Micologico "M. Danesi" al Foro Boario

L’annuale esposizione di specie di funghi, che conta quest’anno la 40° edizione, si propone di portare alla visione ed alla conoscenza alcune centinaia di specie fungine con esemplari freschi, raccolti dai nostri soci e determinati dai nostri esperti micologi