Anno 7°

giovedì, 21 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Successo per i due giorni di Lucca Medievale

lunedì, 6 giugno 2016, 02:54

di Barbara Ghiselli

E' stato un successo il mercato medievale che si è tenuto ieri e oggi in piazza San Francesco e che ha coinvolto con corteggi storici di dame, uomini d'arme, tamburini, sbandieratori e lettura del “bando” del ”Torneo dei Balestrieri” anche tutto il centro storico di Lucca.

Il pubblico è rimasto affascinato dai vari spettacoli presenti nella piazza che per due giorni hanno fatto fare un salto temporale ai visitatori e fatto rivivere il Medioevo con balli in piazza, acrobati, trampolieri, mangiatori di fuoco, falconieri, musici e il grande Torneo dei Balestrieri.

Apprezzatissimo il mercatino medievale dove erano presenti antichi mestieri tra i quali il fabbro e il cestaio ma anche la maga che prevedeva il futuro attraverso la lettura delle carte o delle rune o attraverso il pendolino, il banco con gli articoli in cuoio lavorato e quello dove era possibile fare ricerche araldiche.

Sia i piccoli che gli adulti sono rimasti poi affascinati dai rapaci presenti in una tenda tra cui ricordiamo il corvo imperiale, il gufo reale, l'allocco zampe rosso, il barbagianni e la poiana messicana, che  hanno catalizzato l'attenzione del pubblico con i loro giochi e le loro esibizioni.

Il “Torneo dei Balestrieri” si è disputato tra la Compagnia Balestrieri di Lucca e le Contrade di San Paolino che si sono contese il palio (opera dipinta dal maestro Angelo DionigiFornaciari) ed è stato vinto dalla dalla Compagnia Balestrieri che ha realizzato 294 punti contro i 211 delle Contrade San Paolino. C'è stato anche lo spazio per uno spettacolare duello di spade e per cenare al desco medievale con piatti tipici di quel periodo.  

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


lunedì, 18 febbraio 2019, 00:01

Buon compleanno Cristina!

Il 18 febbraio è un giorno speciale per Cristina Pardini: compie 9 anni. Mamma Fabiana, babbo Nicola, il fratellino Alessio, Loto, Miao Miao, nonna Luigia, nonna Maddalena, nonno Cesare, gli zii, i cugini e tutti gli amici augurano a Cristina tanta felicità


domenica, 17 febbraio 2019, 00:01

Giovanni e Carmelina, cinquant'anni insieme

Oggi Giovanni e Carmelina di Chimenti, frazione di Altopascio, festeggiano le nozze d'oro. Tanti tanti auguri dai figli Michele, Elisa a Davide


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 febbraio 2019, 18:18

I campioni del ciclismo all'Audi Center Terigi

"Un piccolo evento per qualche cliente appassionato di ciclismo". Così Alessandro Terigi ha definito l'iniziativa con i campioni di ciclismo Paolo Bettini e Michele Bartoli che si è tenuta stamani presso l'Audi Center Terigi a San Concordio. Terigi è inoltre egli stesso un appassionato delle due ruote


sabato, 9 febbraio 2019, 13:37

Isi Barga, la tragedia delle foibe spiegata ai ragazzi

Un incontro intenso quello di stamani (9 febbraio) presso l’aula magna dell’ISI Barga, dove il professor Andrea Giannasi ha parlato ai ragazzi in sala della tragedia delle foibe, fin dalle sue origini più profonde a fine 1700, in occasione del “Giorno del Ricordo”


sabato, 9 febbraio 2019, 08:45

“Italia addio, non tornerò”, presentazione alla Camera dei Deputati

Il docufilm, a cura della giornalista Barbara Pavarotti, prodotto dalla “Fondazione Cresci per la storia dell’emigrazione italiana” di Lucca, verrà presentato ufficialmente alla Camera dei Deputati, in sala Nilde Iotti, martedì 12 febbraio, con ingresso alle 14 (necessario accreditamento)


venerdì, 8 febbraio 2019, 15:04

La prefettura celebra il giorno del ricordo all’istituto “Lorenzo Nottolini”

Si è svolta nella mattinata di oggi all’istituto “Lorenzo Nottolini” di Lucca, la celebrazione del “Giorno del Ricordo”, istituito nel 2004 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra...