Anno 7°

giovedì, 20 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Prima lezione di giornalismo con Stefano Cecchi e la cronaca locale

sabato, 14 aprile 2018, 13:44

Nella suggestiva Sala di Palazzo Bernardini martedì 10 aprile si è tenuta la prima lezione del corso di giornalismo organizzato da La Gazzetta di Lucca con l’intervento di Stefano Cecchi, capo cronista de La Nazione di Firenze.

Chi è il giornalista di cronaca? Come nasce ogni giorno la cronaca locale? A questi interrogativi, Stefano Cecchi ha risposto nel suo intervento, appassionando il pubblico presente.

La cronaca di un giornale è il banco di prova dove si misura un buon giornalista. Le pagine bianche che ogni giorno si devono riempire di contenuti mettono alla prova il lavoro di “artigiano” del giornalista, che grazie alla sua “fantasia” individua i contenuti e le notizie che si tradurranno in articoli.

E’ un lavoro, come quello dell’artigiano, che richiede precisione, esattezza e completezza, non ci sono regole scritte, ma c’è una deontologia professionale che richiede la verifica dell’informazione, ma anche la valutazione attraverso la propria coscienza.

Oggi, il giornalista si trova a confrontarsi con internet, con un mondo frettoloso e senza scrupoli, con un proliferare di news che generano confusione e approssimazione nei lettori.

Cosa ci attenderà nel futuro? I quotidiani cartacei resteranno, e dovranno consolidare sempre più il loro ruolo distintivo: essere una fonte di informazione primaria, è qui che possiamo trovare le notizie semplici, ma anche quelle complesse e dettagliate, contenuti di qualità, informazioni verificate, perché il buon giornalista, come ha concluso Stefano Cecchi “è colui che garantisce i più deboli e rispetta gli altri”.

Francesca Sargenti

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


scopri la Q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


mercoledì, 19 settembre 2018, 16:29

A Marcello Foa il premio Oriana Fallaci

Si è celebrata sabato 15 settembre 2018, nella raffinata cornice del Grand’Hotel Baglioni di Firenze, la XII^ edizione del Premio Oriana Fallaci


martedì, 18 settembre 2018, 10:22

Successo per la Compagnia Balestrieri al Palio in onore della Santa Croce

Domenica, nella centrale piazza San Michele la Compagnia Balestrieri Lucca ha disputato il tradizionale Palio in onore della Santa Croce. La gara della S.Croce, ripresa da due anni dopo un lungo periodo di sospensione, ha avuto inizio alle ore 16,30 alla presenza di un folto pubblico di turisti e curiosi...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 settembre 2018, 15:16

L'ordine di Malta a Lucca

Giovedì 13 settembre, si è svolta a Lucca la solenne celebrazione della festa della Santa Croce, guidata dall’Arcivescovo Mons. Benvenuto Italo Castellani e ha visto la partecipazione di numerosi membri, volontari , membri del Gruppo Giovanile e del C.I.S.O.M.


giovedì, 13 settembre 2018, 15:44

Domenica appuntamento con il palio in onore della Santa Croce

Domenica alle ore 16,30 nella Piazza di San Michele tornerà a riecheggiare il cupo rullio dei tamburi della Compagnia Balestrieri per dettare i tempi di una delle più antiche manifestazioni storiche che ci sono state tramandate: il Palio in onore della Santa Croce


mercoledì, 12 settembre 2018, 15:17

Ricorderà Elia Simoni di Sant'Anna la prima “pietra d'inciampo” della città di Lucca

Si tratta di un'iniziativa ideata dall'artista tedesco Gunter Demning per sostenere una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti. A Lucca è realizzata dal Comune insieme all'Istituto Storico della Resistenza


martedì, 11 settembre 2018, 16:54

Una targa nella chiesa di San Paolino finalmente ricorda don Domenico Martinelli, illustre lucchese

Una targa nella chiesa di San Paolino finalmente ricorda don Domenico Martinelli, illustre concittadino famoso oltre i confini italiani e sepolto per sua volontà nella chiesa dove furono celebrate le sue esequie, in seguito alla morte avvenuta il 10 settembre 1718