Anno 7°

giovedì, 22 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Parte da Lucca la raccolta di firme per l'abolizione dell'IVA sui defibrillatori

lunedì, 6 agosto 2018, 23:20

La nostra città è dotata di un numero ancora imprecisato di DAE (pare che non arrivino a 60) che sono pochissimi, specialmente se paragonati a quelli installati a Pisa (oltre 460).

"Ho avuto un incontro con due rappresentanti del Comune di Lucca - spiega Fabrizio Bonino _ per richiedere un piccolo spazio pubblico per installare un gazebo per poter così sensibilizzare i miei concittadini e non solo, sull'uso del DAE e l'importanza di saper eseguire un massaggio cardiopolmonare (ovviamente tutto a mie spese...se no nemmeno mi sarei sognato di farlo). Fino qui tutto bene: massima disponibilità (cosa peraltro offerta a tutte le associazioni che ne facciano richiesta). Ho poi cercato di "denunciare" il fatto che, a mio parere, il Comune di Lucca non dedica abbastanza attenzione o lo fa in maniera molto superficiale su questo tema importantissimo; in effetti, in generale, solo quando un arresto cardiaco improvviso colpisce personaggi famosi o calciatori, allora per almeno 5 minuti se ne parla... ma poi ricadiamo nel silenzio e nell'indifferenza più assoluta".

"Il mio parere negativo non è dato solo dal numero dei DAE installati nel nostro Comune - continua Bonino - ma anche del modo in cui ciò è stato fatto. Mi spiego meglio facendo un esempio: a metà di via Fillungo, praticamente di fronte a via Nuova, c'è un DAE che a regola dovrebbe coprire, più o meno, tutto il percorso più frequentato dai lucchesi (via Fillungo appunto). Ebbene, i DAE, ovviamente, sono stati tutti donati come sono state donate le teche che li contengono e li proteggono e quindi il Comune, a regola, non dovrebbe aver sborsato una lira (euro). Mi sono permesso di dire alle due Cosnigliere Comunali, una delle quali dottoressa (che purtroppo avrà anche tante specializzazioni ma di rianimazione cardiopolmonare e l'utilizzo del DAE mi sembra che non ne sappia mezza) che l'amministrazione avrebbe quantomeno potuto farsi carico di mettere dei cartelli sparsi per quella via, per avvertire le persone che la frequentano che c'è un DAE a XXX metri in una certa direzione direzione. Stessa soluzione per gli altri defibrillatori sparsi sul territorio. Perchè se io mi trovo in un certo punto del Fillungo (scusate ma lo chiamo come lo chiamiamo tutti noi lucchesi) o sulle Mura e una persona in sospetto arresto cardiaco mi cade davanti, se vado nella direzione sbagliata a cercare un DAE, faccio prima a chiamare direttamente il carro funebre. L'idea sembra esser piaciuta (ho detto sembra) e allora, preso coraggio, mi sono buttato a capofitto con l'altra idea: quella di "consigliare" a tutte le farmacie del centro storico, ma non solo, di installare un DAE all'esterno della loro attività. Per motivi abbastanza semplici. Per associazione di idee: il primo posto che uno cerca in casi del genere è la farmacia. Per visibilità: ce ne sono molte e l'insegna della farmacia è facilmente identificabile; inoltre è la stessa in tutto il mondo e questo semplificherebbe le cose anche agli stranieri ai quali, sugli opuscoli della nostra città, basterebbe scrivere che, appunto, ogni farmacia è in possesso di un defibrillatore".

"Ho poi chiesto anche cosa avesse intenzione di fare il Comune di Lucca dopo che più di un anno fa era stata votata all'unanimità la mozione che impegnava il sindaco e l'amministrazione comunale, ad agevolare i corsi gratuiti (che per legge regionale dovrebbero essere fatti dalle strutture competenti). Ad un certo punto, addirittura, la consigliera dottoressa, mi ha chiesto di non alterarmi nell'esposizione delle mie proteste a riguardo; le ho risposto che non ero alterato, ma appassionato. Diciamo che alla fine un'amministrazione comunale dovrebbe ringraziare il cielo se qualche cittadino si "altera" per il bene della comunità, specialmente a fronte di come fanno le cose loro.  Bene (cioè no). Ad oggi io non ho visto cartelli che indichino dov'è posizionato il più vicino defibrillatore, non ho visto nessuna richiesta alle farmacie che consigli di installare un DAE né men che mai, ho visto il Comune "agevolare" una qualsiasi iniziativa, tipo quella da me richiesta, sulla sensibilizzazione o l'organizzazione dei corsi BLS-D. In definitiva mi è stato detto di fare una domanda come tutte le associazioni possono fare; a questo punto, però, non vedo dove siano le agevolazioni che il sindaco e il Consiglio Comunale si sono presi la briga di firmare con quella mozione. Ora chiaramente si dirà che essendo agosto si può rimandare tutto a settembre....ma voglio ricordare a tutti che l'arresto cardiaco, non va in ferie...mai. Nel frattempo, visto che non ci va lui, non ci vado nemmeno io e mi sono permesso di lanciare una petizione per raccogliere firme da inviare ai Ministeri competenti, per abolire l'IVA dai defibrillatori ed OBBLIGARE le SCUOLE di ogni grado, i CENTRI COMMERCIALI, i TRENI e gli AEREI, di questo fondamentale apparecchio salvavita. Esorto tutti i lettori a firmare e condividere. Magari senza aspettare che muoia Cristiano Ronaldo.

Qui sotto il link per firmare e condividere.

https://www.change.org/p/giuseppe-conte-abolizione-iva-sui-defibrillatori-automatici-esterni-dae


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


scopri la Q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


mercoledì, 21 novembre 2018, 15:45

A 90 anni dalla trasvolata Italia – Brasile si celebra il grande aviatore Carlo Del Prete

Si svolgerà sabato 24 novembre dalle ore 10 nella cappella Guinigi del Complesso di San Francesco a Lucca una giornata commemorativa in occasione del 90esimo anniversario dalla trasvolata Italia – Brasile e morte dell'insigne aviatore lucchese Carlo Del Prete


mercoledì, 21 novembre 2018, 15:40

245 bambini ricevono la cittadinanza simbolica dal Comune di Lucca

La cerimonia si è svolta ieri, 20 novembre, durante la seduta del Consiglio comunale a Palazzo Santini e vi hanno preso parte 17 giovani o bambini sotto i 17 anni di età di origine marocchina, romena, cingalese, ucraina, nigeriana, georgiana, statunitense, bulgara, albanese e brasiliana


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 21 novembre 2018, 14:28

Ripiantumazione di viale Luporini: a dimora la prima di 18 magnolie dello stesso tipo di quelle di Corso Garibaldi

"Per fare una Città ci vogliono gli alberi". E' la frase scelta dall'amministrazione comunale di Lucca, per la cerimonia dell'avvio della ripiantumazione degli alberi in viale Luporini, a due passi delle Mura: nell'area in cui è in corso l'importante opera di riqualificazione, connessa alla realizzazione della nuova rotatoria che tra...


martedì, 20 novembre 2018, 16:13

"Insieme per il Monte Pisano", raccolta firme anche in lucchesia per i fondi del FAI

Ogni informazione utile sulla pagina Facebook Associazione degli amici della Certosa di Pisa a Calci, cell. 335 585 4401


martedì, 20 novembre 2018, 15:51

Campagna Fiocco Bianco: le iniziative per contrastare la violenza sulle donne

Incontri, concerti, conferenze dedicate agli studenti e il Ponte di Rivangaio monocolore arancio per rendere ancora più visibile il messaggio contenuti nel programma della giornata del Fiocco Bianco del 25 novembre, appuntamento nazionale istituito per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla lotta alla violenza nei confronti delle donne


martedì, 20 novembre 2018, 14:17

Dopo 40 anni la classe terza G delle medie Nottolini di Lammari si ritrova e festeggia con una cena

Quelli che allora erano studenti che hanno frequentato la classe terza G presso la scuola media Lorenzo Nottolini di Lammari nel 1978, si sono ritrovati da adulti e praticamente dopo ben 40 anni esatti assieme ai loro professori, festeggiando l’evento con una cena che si è tenuta venerdì scorso 16...