Anno 7°

giovedì, 24 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Ultimi giorni di “Luci in Vigna”

giovedì, 3 gennaio 2019, 12:09

Sono molti gli eventi e le occasioni che hanno raccontato questo periodo di festività. Grandi alberi di Natale, tradizionali ed innovativi. Presepi spesso anche viventi. Ma un vero spettacolo ricco di suggestione si può vedere ancora fino all’Epifania fra le colline del Chianti Classico. Uno spettacolo unico per coloro che percorrono la via Chiantigiana che porta da Monteriggioni a Castellina in Chianti. Una poesia scritta con la luce, distesa fra la terra e il cielo sullo sfondo della collina di Villa Cerna. Dopo due anni dal lancio del progetto “Luci in vigna”, la prima installazione artistica luminosa nei vigneti della famiglia Cecchi, l’Azienda ha lavorato alla terza edizione con una proposta unica per celebrare ancora una volta il legame profondo fra la terra e le famiglie che la curano.

“Questa edizione, inaugurata il 17 dicembre – ha detto Andrea Cecchi – si è avvalsa, questa volta, della prestigiosa collaborazione di Epson che già in precedenza aveva lavorato con noi. E’ stata una partnership dove il ruolo di Epson non è stato soltanto tecnico ma anche creativo.”

Il vigneto, da terreno per una installazione luminosa, è diventato un grande schermo dalla base di 120 metri e dall’altezza di 60 metri, grazie all’inventiva artistica di Zebra Mapping, un team di creativi esperti di progettazione di soluzioni multimediali immersive. Un “building della creatività” fra i vigneti, in mezzo alla campagna dove proiettare il romantico racconto di “Luci in Vigna”. Un progetto che trova il suo sviluppo grazie all’applicazione di tecniche d’avanguardia che diventano esse stesse linguaggio contribuendo a rappresentare il Genius Loci di Villa Cerna e del rapporto che lega la famiglia Cecchi al vino.

“Siamo molto felici di essere partner di Cecchi in questa bellissima iniziativa – dice Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia – I nostri videoproiettori ancora una volta permettono di dare vita a uno spettacolo di grande impatto emotivo con tutta la qualità, la precisione di dettaglio e la potenza visiva che la tecnologia di proiezione Epson offre”.

Sono passati quasi due anni da quando fu presentato il progetto “Luci in vigna”, un successo annunciato non soltanto per la sua originalità ma anche e soprattutto per i suoi contenuti. “Un’installazione sobria e raffinata – dice Cesare Cecchi – volutamente non hollywoodiana ma profondamente emozionante perché rappresentativa, quasi fosse un simbolo, della gratitudine umana verso la fecondità della natura”.

Ma emoziona anche perché la luce è energia, indispensabile allo sviluppo e alla crescita, quindi alla maturazione dei grappoli. “Non vuole essere necessariamente un’idea natalizia – continua Cesare Cecchi – ma una sorta di palcoscenico del nostro lavoro, dell’attaccamento al nostro territorio.”

Per questa nuova edizione il vigneto è diventato un vero e proprio schermo naturale a cielo aperto, dove si è voluto raccontare il connubio tra la magia della natura e il lavoro dell’uomo.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


mercoledì, 23 gennaio 2019, 16:21

Il sonno è nutrimento: un talk show a Villa Bertelli

Sonno ed alimentazione protagonisti sabato 26 gennaio, a partire dalle 10.00 del Giardino d’Inverno di Villa Bertelli, con un appuntamento in cui medici ed esperti spiegheranno l'importanza del “dormire bene” per la nostra salute e lo stretto legame tra qualità del sonno e sana alimentazione


mercoledì, 23 gennaio 2019, 11:21

Andrea Lanfri, primo decisivo "passo" verso l'Everest

Mentre l’atleta paralimpico lucchese saliva in vetta ai 6268 metri del Chimborazo decine di sostenitori partecipavano al crowdfunding sul portale Ogni Sport Oltre per finanziare la missione sul “Tetto del Mondo”. Ora l’impresa è possibile


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 22 gennaio 2019, 20:49

Treno della memoria: la Shoah studiata sui libri, la Shoah vista nei campi di sterminio. Gli studenti raccontano

Lo dicono a più riprese, lo dicono tutti i giovani uscendo dal campo di Birkenau o dal museo di Auschwitz. Aver studiato sui libri il sistema dell'orrore, per quanto in modo approfondito, non è stato come averlo visto con gli occhi.


lunedì, 21 gennaio 2019, 15:11

Gli studenti di Lucca a Birkenau

Luciana Pacifici aveva poco più di sette mesi, morì in braccio alla sua mamma rinchiusa nel carro bestiame piombato diretto ad Auschwitz, stremata dalla fame e dal freddo dell'inverno 1944. Di lei resta qualche foto, aveva gli occhi dolci e profondi come la sua mamma.


sabato, 19 gennaio 2019, 14:12

Alla Lucar presentato il nuovo Rav4 hybrid: "Potenza e sostenibilità"

Serata evento alla concessionaria Lucar di Michele Serafini. E' stato presentato il Nuovo Rav4 hybrid, il nuovo SUV ibrido della Toyota. Per l'occasione si è svolto un aperitivo a cura della Cremeria Opera, con Mirko Tognetti che ha realizzato uno show cooking con la tecnica innovativa dell'azoto liquido


giovedì, 17 gennaio 2019, 16:55

Sabato il primo corso di primo soccorso e utilizzo del defibrillatore rivolto a bambini e ragazzi organizzato dalla Cecchini Cuore ONLUS

Parte sabato il primo di una serie di corsi di primo soccorso e utilizzo del defibrillatore rivolto a bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie di Lucca organizzato dall'istruttore BLSD Fabrizio Bonino della Cecchini Cuore ONLUS