Anno XI

giovedì, 2 dicembre 2021 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Lucchese, il futuro del club tra potenziali acquirenti e investimenti all'orizzonte

martedì, 19 ottobre 2021, 16:52

Se è vero che ogni crisi genera nuove opportunità, quello per la Lucchese potrebbe essere il momento adatto per strutturare nuove idee e progetti dopo la cocente, quanto fortunata retrocessione in serie D culminata con il ripescaggio estivo. A cominciare dal nuovo Porta Elisa fino all’ingresso potenziale, già palesato nei mesi scorsi, di nuovi azionisti in grado di apportare nuova linfa al club rossonero con i suoi oltre cento anni di storia calcistica. Può essere davvero il momento della rinascita per la squadra del presidente Russo? 

Il mondo del calcio, del resto, è pieno di scommesse. Come quelle puramente sportive dei bookmaker online in stile Codere e quelle che attengono alle sfera degli investimenti. I soldi rappresentano l’elemento comune per entrambe. Così come la strategia. La vincita finale, in caso di scommesse, o il profitto per gli azionisti, in caso di successo economico, sanciscono in maniera darwiniana l’abilitazione a rimanere sul campo per continuare a competere con gli avversari. Vediamola, allora, questa scommessa, o quanto meno questo tentativo di futuro, sperando non sia un bluff. 

I convulsi mesi estivi si erano innanzitutto evoluti con le notizie provenienti dalla east cost atlantica, con l’interessamento ormai noto della North Sixth Group di Matt Rizzetta, in cerca di un club italiano da rilevare dopo l’esperienza molisana come socio del Campobasso. A spuntarla è stato l’Ascoli, diventandone socio al 31%. La soddisfazione dei sostenitori bianconeri con il nuovo ingresso a stelle e strisce è da verificare nel futuro prossimo ma quel che è certo riguarda la tendenza ormai consolidata degli investimenti americani nel calcio italiano. Perchè se è vero che altre squadre sparse dalla Serie A al Campionato Nazionale di Lega Pro parlano inglese, vedi Roma, Venezia, Parma, Spezia, Pisa, Spal e altre ancora, anche la Lucchese è stata nel mirino per una potenziale cessione, parziale o totale. Una meccanica calcistica che riflette l’ingerenza ormai costante di capitali stranieri al sistema paese. Calcio incluso. Del resto anche ville e dimore dell’immenso patrimonio storico-artistico lucchese sono sempre più appetibili da investitori statunitensi e canadesi. 

Quel che è noto riguarda le affermazioni di settembre del DG Santoro in risposta ad un tifoso rossonero su Facebook. L’interessamento esiste e riguarda diverse aziende italiane. Tra queste spunta perlomeno il settore di appartenenza. Si tratta di una cartiera interessata a entrare in società. E il distretto del lucchese con oltre 300 imprese di comparto non ha bisogno di spiegazioni. Del resto, aziende internazionali del calibro di Lucart, sinonimo encomiabile del Made in Italy, sono l’esempio di realtà solide che possono pensare a investimenti strutturali. L’importante, aggiunge Santoro, è che si tratti di progetti pluriennali che possano assicurare solidità e continuità ad una società e ad un pubblico che merita rispetto. 

Che dire invece di altre figure di spicco, per quanto fugaci o impercettibili, come Joel Esciua, finanziere internazionale che sempre in estate aveva palesato un interesse plausibile per il club rossonero? Il brooker anglo-brasiliano era presente al Porta Elisa in occasione della sconfitta delle pantere con il Cesena. I soliti rumors paventano il solito interessamento di Joel per la Lucchese dopo il disinteressamento per il Livorno. La Toscana nel mirino, insomma. Quello stesso Joel partecipe alla presentazione del progetto avveniristico Nuovo Porta Elisa: investimento da 36 milioni come volano per la squadra e per l’economia locale. È il famigerato modello inglese: quello degli impianti multifunzionali che ormai domina in terra d’Albione. Sempre che non si tratti di una imitazione completamente sradicata, in una paese come l’Italia con un contesto sociale, economico e aggregativo distante anni luce dall’UK. 

Intanto vale la pena chiedersi quanto valga realmente la Lucchese. Qual è il suo valore e quanto è lecito chiedere per acquisire il club? Stando alle rilevazioni del team internazionale Transfermarkt, la squadra toscana del presidente Russo ha un valore stimato di 3,23 milioni, con un’eta media della rosa pari a 22,7 anni. La cifra riguarda quindi esclusivamente il parco giocatori ma rappresenta un punto di partenza per avanzare stime plausibili. Gli atleti di maggiore prestigio, sempre dal punto di vista delle quotazioni di mercato, sono almeno cinque: Niccolò Belloni (250mila euro), Nicholas Bensaja (200mila euro), Elia Visconti (200mila euro), Matteo Bianchi (200mila euro) e Tommaso Cucchietti (200mila euro). Federico Zanchetta, in prestito dalla Spal, è invece il top player sul piano delle quotazioni con un valore di mercato stimato in 300,00 euro.  

Analizzando la rosa per reparti della stagione 2021-22, il totale degli oltre 3 milioni di euro è ripartito come segue: valore di mercato dei portieri, 325mila euro; difesa: 1,05 milioni; centrocampo 295mila euro; attacco 295mila euro. L’età media dei singoli reparti è di 23,67 per i portieri, 21 per i difensori, 21,71 per i centrocampisti e 22,22 per gli attaccanti. In Lega Pro girone B la squadra con maggior valore è invece il Modena con oltre 7 milioni di euro: quel Modena vittorioso per 2-1 nella sfortunata gara al Braglia con Marotta mattatore al ‘95.  

Dove può arrivare la Lucchese in campionato, ma soprattutto, fino a dove può crescere dal punto di vista del management e della solidità economica? Il progetto del Nuovo Porta Elisa può essere un indicatore di intenti? Ci sono reali investitori pronti a investire nel club e, per finire, la squadra di Pagliuca sarà capace di preservare la permanenza in Lega Pro come elemento minimo di appeal per progetti futuri? Se è vero che ogni crisi genera nuove opportunità, la mancata retrocessione può essere l’incipit per riprogrammare nuovi orizzonti sportivi ed extra sportivi. Non resta che augurarti buona fortuna, Lucchese. 


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

auditerigi

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


giovedì, 2 dicembre 2021, 12:32

“A scuola di ‘no alla violenza’ non solo il 25 novembre”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento della presidente della commissione provinciale pari opportunità della provincia di Lucca, Paola Mazzoni, con uno scritto di uno studente del Giorgi


mercoledì, 1 dicembre 2021, 20:32

"Grazie professor Morelli a lei e a tutto il personale della clinica di San Rossore"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di ringraziamento inviataci per manifestare il profondo senso di gratitudine all'indirizzo del professor Girolamo Morelli per le cure e l'assistenza ricevute


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 1 dicembre 2021, 13:49

Due poesie sul "massacro di S. Concordio"

Non trovo più le modalità espressive tradizionali per esprimere la vergogna, la rabbia, il senso di impotenza e di frustrazione e di umiliazione per le colate di cemento che in questi anni si sono abbattute sul quartiere di S. Concordio a Lucca. Così sono nate queste due poesie


mercoledì, 1 dicembre 2021, 10:26

EasyCassa, il registratore telematico innovativo di Mooney

Nel settore Food&Beverage, come in molti altri segmenti, è diventato obbligatorio l’acquisto di un registratore di cassa telematico, secondo le disposizioni della Legge di Bilancio 2021 in materia di contrasto all’evasione fiscale


martedì, 30 novembre 2021, 23:01

Cucina: scegliere piani cottura a gas o induzione?

Stai rinnovando la cucina e ti stuzzica l’idea di passare ai piani cottura a induzione tanto in voga ultimamente? Eppure qualcosa ti dice che è meglio non lasciare la strada vecchia per quella nuova e che con i fornelli a gas, dopotutto, non ti sei mai trovato così male


martedì, 30 novembre 2021, 14:28

"Vaccinato, mi sono infettato lo stesso: grazie a chi mi ha aiutato"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa testimonianza toccante di un lettore he ha avuto la sfortuna di essere contagiato dal Covid nonostante il vaccino, ma di essere stato assistito con professionalità