Anno XI 
Giovedì 6 Ottobre 2022
- GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
interSVISTA
23 Febbraio 2022

Visite: 2646

Nicola Giannecchini sono passati tanti anni da quando ci incontravamo e sentivamo per parlare di Lucchese. Lei, allora, ne era il presidente, poi, si dimise e, probabilmente, mai scelta fu più indovinata. Da allora che cosa ha fatto? 

Ho dedicato più tempo alla famiglia e ho riversato più energie in azienda. Ho la fortuna di fare un lavoro che mi piace e di poter contare sul supporto di un team di professionisti che, con dedizione e profondo attaccamento all'azienda, sono parte attiva nella crescita del Gruppo. Anzi forse è più corretto dire che sono io di supporto a loro.

In giro per la città, tra bar, caffè, pasticcerie e ristoranti ci si imbatte costantemente in un marchio dal nome che rievoca atmosfere esotiche: Bonito. Ed è il suo marchio del caffè. Che cosa si nasconde dietro questo marchio?

La profonda passione per il caffè e per questo lavoro. Non solo mia ma soprattutto delle persone che lavorano in Bonito. Il Gruppo ha rilevato questo marchio solo nel 2015 e proprio quando ci sentivamo tranquilli di poterlo rilanciare sul territorio, è arrivato il Covid... Non è stato un periodo facile, ma resistiamo e continuiamo a crederci fortemente: nella qualità del nostro prodotto prima di tutto e nel valore aggiunto che possiamo offrire ai clienti.

Lei ha sempre operato all'interno della ristorazione scolastica e non solo. Anche nel campo delle pulizie industriali e sanificazioni. Come è cambiato il mondo da quando è iniziata la pandemia e come lei ha cercato di affrontarla e superarla?

Alcune attività del Gruppo hanno sofferto in maniera importante nel periodo di pandemia. La sofferenza, soprattutto in alcune aziende, è presente ancora oggi in maniera forte. Bonito è sicuramente una di queste, perché i nostri clienti appartengono per lo più al settore HORECA. Ma delle limitazioni dovute al Covid ha risentito anche Del Monte Ristorazione che opera nella ristorazione collettiva sia scolastica sia aziendale. A ciò si aggiungono le difficoltà enormi nella gestione dei protocolli di sicurezza, delle quarantene o dei casi di positività che hanno gravato sul lavoro e sull'impegno delle persone in una gestione costantemente "dell'ultimo minuto". Certo, l'aver diversificato nel tempo i settori in cui operiamo si è dimostrata la scelta giusta e alcune delle aziende hanno lavorato come mai nella storia. Movi Imballaggi per esempio, ma anche Viping per le pulizie e le sanificazioni, attività dove siamo stati ripagati della professionalità, della serietà e dell'esperienza di tanti anni di lavoro nel settore. 

Il suo insediamento produttivo a San Filippo è, semplicemente, un esempio di innovazione e produzione. Che cosa comprende?

Il progetto è frutto della lungimiranza e della determinazione di mio papà, che purtroppo è mancato qualche mese prima del trasloco e non ha visto compiuto il suo progetto. Oggi è il nostro quartier generale, dove abbiamo centralizzato le attività del Gruppo. Gli edifici accolgono gli uffici direzionali e amministrativi, il centro di cottura pasti della Del Monte Ristorazione, altamente funzionale e con una potenzialità di 5.000 pasti giornalieri, una moderna sala di formazione per corsi sul caffè e sulla cucina (Grano Salis), il nuovo impianto di tostatura di Caffè Bonito, tecnologia innovativa made in Italy che ha richiesto un investimento importante nel 2020, i magazzini del settore pulizie della Viping e il magazzino della Del Monte Pausa Caffè che si occupa di distribuzione automatica di cibo e bevande. A breve termineranno i lavori delle strutture ospitanti gli uffici della società del Gruppo che si occupa di servizi per la gestione del personale (Area Paghe). Inoltre stiamo ultimando l'edificio di fronte all'ospedale San Luca, con accesso dalla rotonda di Via Sciortino, che ospiterà tra l'altro il nuovo punto vendita di Caffè Bonito.
  
La sua scesa in campo nel settore della torrefazione del caffè si è portata dietro anche tutta una serie di iniziative che vengono svolte all'interno della sua struttura. Come avete intenzione di sviluppare questo settore?

Creando consapevolezza. O almeno è quello che ci piacerebbe: fare in modo che le persone siano in grado di riconoscere la qualità e il valore di quello che trovano nella tazzina. Quando si va al ristorante sempre più persone sanno scegliere un buon vino o comunque apprezzano l'abbinamento con quello che mangiano. Per il caffè questo oggi non succede. Si va al bar o al ristorante e si ordina il caffè, anzi un caffè, quello che trovano, punto e basta. Ecco, in realtà non esiste UN solo caffè, ne esistono una varietà infinita, tra cui poter scegliere. Ma si può scegliere solo se si ha "consapevolezza", se si sa riconoscere un buon caffè da un caffè cattivo perché tostato male o perché fatto male al bar. Creare consapevolezza nel consumatore finale, rendendolo in grado di valutare il caffè che beve, contribuirà a professionalizzare ulteriormente tutti coloro che operano nella filiera. 

Lei è anche in società con Marco Gonzadi, altro ex socio rossonero e insieme avete costituito una nuova impresa. Può parlarcene?

Con Marco ci siamo conosciuti in ambito calcistico. Ci siamo piaciuti, siamo diventati amici prima e soci poi. Oggi, insieme a Renzo Del Tredici, già socio di Marco, e ad Antonio Paolini, stiamo lavorando per creare una realtà sempre più importante in ambito di forniture Food and Beverage nel settore Horeca. Fra l'altro, si terrà il 20,21 e 22 marzo, a Villa Bottini, il G&D Show, un evento unico nel suo genere frutto dell'impegno e della passione di Marco per questo lavoro.

Di quegli anni passati al vertice della società di calcio cittadina c'è qualcosa che le manca e, soprattutto, c'è qualcosa che le è rimasto?

L'adrenalina e le forti emozioni vissute. Non posso dimenticare il rientro in pullman da Correggio e l'arrivo a Porta San Pietro con tutti i tifosi in festa. Momenti unici e magici: mi vengono ancora i brividi a pensarci. Mi diverto ogni tanto a rivedere le interviste a fine partita (quella fatta a Marco Gonzadi che piange dalla felicità è in assoluto la mia preferita!) e anche adesso, nelle serate con Marco, non mancano mai le rievocazioni di alcuni momenti di quel periodo, difficile certo ma anche ricco di episodi divertenti riguardanti la dirigenza di allora. Vivere quella esperienza mi ha tolto un po' di capacità di buttarmi d'istinto nelle cose (e forse è anche un bene, prima forse lo facevo troppo), e oggi, prima di partire con nuove iniziative, ci penso di più. Inoltre ho chiaro che il mondo del calcio, così come è ancora oggi, non può funzionare a lungo. Sul tema potrei stare a parlare per delle ore e non è il caso...

Da imprenditore, sia sincero: come vede il futuro del nostro Paese, della nostra economia e anche, perché no?, della nostra città?

Con moderato ottimismo. Stanno per arrivare, attraverso il PNRR, opportunità in tantissimi ambiti. Speriamo di essere in grado di cogliere queste occasioni. Dovremo sforzarci tutti nei prossimi anni per dare il meglio di noi (cittadini, aziende, politica, istituzioni pubbliche) per massimizzare gli investimenti. Se saremo tutti bravi ci ritroveremo fra qualche anno in un Paese profondamente ammodernato. O almeno lo spero.

Foto Ciprian Gheorghita

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Ultimi giorni per iscriversi al corso lanciato dal dipartimento di Formazione Fp Cisl, propedeutici alla   preparazione dei  concorsi nella pubblica…

Nei giorni scorsi, WEPA Italia con entrambe le sedi di Porcari e di Lunata, che contano circa 310 dipendenti,  ha…

Spazio disponibilie

"Sabato 8 ottobre inizia nuovamente il campionato nazionale di B1 di pallavolo, che vedrà impegnata la compagine capannorese della Nottolini…

Autolinee Toscane informa che domenica 09 ottobre 2022, a causa del mercato straordinario nel Quartiere di S. Anna…

Spazio disponibilie

Un altro passo dentro il mondo del lavoro per gli studenti Jam Academy Lucca (http://www.jamacademylucca.it):…

Un album di cui è stato appena ripubblicato il remix, finisce sotto la lente di ingrandimento negli incontri del venerdì…

Il gruppo Micologico M. Danesi di Ponte a Moriano, aderente da anni anche al forum delle associazioni di Capannori,…

Spazio disponibilie

Sono iniziate anche a Capannori, per proseguire fino al 22 dicembre,…

Il cantautore lucchese Joe Natta, con già ben 20 anni di carriera musicale, continua nella sua opera creativa di scrivere…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie