Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Una cordata di vari enti per promuovere la figura di Lunardi

domenica, 25 marzo 2018, 19:36

La figura di Vincenzo Lunardi, dimenticato eroe dell'aria nato in un ritrovato palazzotto di Lucca, posto alla confluenza fra via Michele Rosi e via dei Fossi dove, nel 2013, grazie al Comune ed all'omonima associazione culturale del "Balloon Club", fu collocata una specifica targa, forse riceverà la divulgazione che merita.

O almeno lo si tenterà.

Il  ventilato proposito sarebbe emerso venerdi scorso, durante un interessante conferenza promossa dall'Associazione "Amici del Melograno" presso l'aula magna della Scuola Media di S.Leonardo in Treponzio.

Fra il pubblico erano presenti  alcuni amministrarori del Comune di Capannori e di Lucca.

L'aeronauta, segretario dell'ambasciatore del Regno di Napoli, il 15 settembre 1784 fu attore di un evento storico: alla presenza del Principe di Galles e di almeno 150.000 persone, fu il primo uomo a volare su Londra con un pallone ad idrogeno;  gas da lui realizzato con sperimentazioni anche cittadine sul Prato del Marchese, vicino Porta S.Donato.

Dopo la proiezione del cortometraggio sull'eroe realizzato dal giornalista Massimo Raffanti, grazie  al patrocinio del "Rotary Club Montecarlo - Piana di Lucca", lo stesso ha  svolto una conferenza su Lunardi, aprendo una discussione e suggerendo agli amministratori presenti, la necessità di un maggior sforzi divulgativo

L'autore  del libro su Lunardi (Volare in Mongolfiera –Ediz. Pezzini)  ha poi ceduto il microfono a Angelo Frati e Rita Mandoli, i due ricercatori storici lucchesi che hanno ricostruito l'intera genealogia del casato Lunardi, sfociata poi nella preziosa biografia storica realizzata da Marco Majrani.

Raffanti ha poi illustrato al pubblico ed agli amministratori presenti in sala, fra cui si sono notati Matteo Francesconi (Comune di Capannori) Simone Lunardi, capogruppo M5S del consiglio capannorese e Fabio Barsanti  Casapound Lucca se per caso, al di la delle differenti collocazioni politiche e territoriali, fossero disposti a coinvolgere gli Enti in progettualità culturali comuni a favore del rilancio della figura Lunardi.

Intervenendo alla discussione Francesconi si è detto disponibile a far conoscere il personaggio, i cui lontani familiari, fra l'altro, avevano una proprietà a S.Andrea in Caprile,  pur essendo l'Eroe nato nella città di Lucca e di madre originaria di Castiglione Garfagnana.

A questo punto è intervenuto anche Fabio Barsanti che ha riferito d'essere aperto a qualsiasi sinergia propositiva atta a divulgare l'aeronauta, come gli altri assi lucchesi dell'aviazione, non solo nelle scuole cittadine ma su tutta Lucca.

Fra le proposte avanzate da Raffanti, fondatore della prima associazione di volo in mongolfiera (www.luccaballoonclub.it) di  "Lunardi& Lucca": la realizzazione di un piccolo Museo nei locali comunali di Porta S.Gervasio, l'istituzione di un Porto Aerostatico al Prato del Marchese, un Trofeo Aerostatico in costume settecentesco attorno ai prati delle Mura ed una spedizione a Londra.

Tema quest'ultimo molto caro al giornalista che, durante la conferenza ha anche mostrato al pubblico, una lettera di plauso ricevuta dalla segreteria del Principe Carlo per l'attività svolta nel nome di Lunardi.

Con più amministrazioni interessate – ha concluso Raffanti, si potrebbero ricercare sponsors, organizzando magari i necessari contatti consolari con Londra per giungere ad una serie di manifestazioni celebrative ed inerenti un gemellaggio culturale che , grazie ai media,  potrebbe anche promuovere il territorio in cui è nato Lunardi: la sua bella e lontana Lucca, visto che tutt'ora è sepolto a Lisbona.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


lunedì, 18 febbraio 2019, 00:01

Buon compleanno Cristina!

Il 18 febbraio è un giorno speciale per Cristina Pardini: compie 9 anni. Mamma Fabiana, babbo Nicola, il fratellino Alessio, Loto, Miao Miao, nonna Luigia, nonna Maddalena, nonno Cesare, gli zii, i cugini e tutti gli amici augurano a Cristina tanta felicità


domenica, 17 febbraio 2019, 00:01

Giovanni e Carmelina, cinquant'anni insieme

Oggi Giovanni e Carmelina di Chimenti, frazione di Altopascio, festeggiano le nozze d'oro. Tanti tanti auguri dai figli Michele, Elisa a Davide


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 febbraio 2019, 18:18

I campioni del ciclismo all'Audi Center Terigi

"Un piccolo evento per qualche cliente appassionato di ciclismo". Così Alessandro Terigi ha definito l'iniziativa con i campioni di ciclismo Paolo Bettini e Michele Bartoli che si è tenuta stamani presso l'Audi Center Terigi a San Concordio. Terigi è inoltre egli stesso un appassionato delle due ruote


sabato, 9 febbraio 2019, 13:37

Isi Barga, la tragedia delle foibe spiegata ai ragazzi

Un incontro intenso quello di stamani (9 febbraio) presso l’aula magna dell’ISI Barga, dove il professor Andrea Giannasi ha parlato ai ragazzi in sala della tragedia delle foibe, fin dalle sue origini più profonde a fine 1700, in occasione del “Giorno del Ricordo”


sabato, 9 febbraio 2019, 08:45

“Italia addio, non tornerò”, presentazione alla Camera dei Deputati

Il docufilm, a cura della giornalista Barbara Pavarotti, prodotto dalla “Fondazione Cresci per la storia dell’emigrazione italiana” di Lucca, verrà presentato ufficialmente alla Camera dei Deputati, in sala Nilde Iotti, martedì 12 febbraio, con ingresso alle 14 (necessario accreditamento)


venerdì, 8 febbraio 2019, 15:04

La prefettura celebra il giorno del ricordo all’istituto “Lorenzo Nottolini”

Si è svolta nella mattinata di oggi all’istituto “Lorenzo Nottolini” di Lucca, la celebrazione del “Giorno del Ricordo”, istituito nel 2004 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra...