Anno 5°

lunedì, 23 aprile 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

“Autobiografia di un picchiatore fascista”: Marco Brinzi torna in scena

lunedì, 16 aprile 2018, 14:58

Nell’ambito delle celebrazioni per la Liberazione, Marco Brinzi torna in scena con uno spettacolo dedicato all’antifascismo. La pièce si svolgerà il 24 aprile al Cred di via Sant’Andrea n°33, nella Sala Maria Eletta Martini alle ore 18. Lo spettacolo viene riproposto dopo la prima rappresentazione assoluta del novembre scorso sul palcoscenico del Teatro del Giglio mentre il 23 gennaio è stato portato in scena all'auditorium dell'Università Bocconi, nella giornata organizzata dalla Fondazione Roberto Franceschi Onlus di Milano, in occasione della ricorrenza della morte di Roberto Franceschi che venne ucciso da colpi di arma da fuoco nel 1973 durante uno scontro nato nell’ambito di un’iniziativa del Movimento Studentesco che si doveva tenere proprio alla Bocconi.

Brinzi torna quindi a Lucca con l’appuntamento del 24 aprile promosso e organizzato da Comune e Provincia di Lucca, Anpi Lucca e Istituto Storico della Resistenza.

Marco Brinzi porterà in scena il monologo “Autobiografia di un picchiatore fascista” tratto dal libro di Giuliano Salierno. Il celebre attore lucchese, che già in passato è stato protagonista di una performance teatrale riguardante le ultime ore di vita di Don Aldo Mei, torna quindi a raccontare temi che hanno segnato la storia del Paese. Lo spettacolo, ideato dallo stesso attore, ripercorre la biografia di un uomo dichiaratamente fascista e, facendolo, racconta i meccanismi che ancora oggi possono far avvicinare le persone all’ideologia fascista.

Come lo è stato per l’interpretazione di Don Aldo Mei, Brinzi attraverso la sua arte torna a sottolineare l’importanza di mantenere vivi i ricordi che hanno portato all’Italia come oggi la consociamo, ribadendo i valori su cui si fonda la Costituzione e quindi il Paese stesso.

“Con questa iniziativa dedicata alle celebrazioni per la Liberazione vogliamo ancora una volta rimarcare l’attenzione verso il mantenimento della memoria riguardo agli avvenimenti che hanno segnato la nostra storia – commenta l’assessora alla Continuità della Memoria Storica Ilaria Vietina – Marco Brinzi torna a Lucca ancora una volta con una rappresentazione intensa che non mancherà di suscitare riflessioni su temi di rilevanza per tutta la comunità. Dopo le iniziative per le giornate della Memoria e del Ricordo dei mesi scorsi riproponiamo un nuovo appuntamento divulgativo per le scuole e per la cittadinanza. Nel ringraziare Brinzi per il suo continuo impegno culturale – conclude l’assessora – invito i cittadini a prendere parte a questo appuntamento che coniuga teatro e storia”.

Giulio Salierno, l’autore del libro su cui si fonda lo spettacolo di Brinzi, è stato negli anni ’50 attivista di spicco del Movimento sociale italiano romano, segretario della sezione di Colle Oppio. Salierno frequenta le alte sfere del partito e arriva anche ad essere ammesso nell’elitaria cerchia degli allievi di Julius Evola, esoterista e filosofo del nazismo. Diciottenne fu condannato a trent’anni di reclusione per omicidio a scopo di rapina nel corso di un diverbio a seguito del quale uccide un ragazzo che aveva resisto al furto della sua auto nel quartiere di Roma Eur. Salierno fugge in Francia dove si arruola nella Legione Straniera ma viene catturato dall’Interpol e imprigionato in Algeria. In carcere l’ideologia fascista che lo aveva animato fino a quel momento comincia a vacillare e il percorso di trasformazione giunge a compimento nelle carceri italiane dove Salierno sviluppa una nuova coscienza politica.

L’ingresso allo spettacolo è gratuito. E’ necessario però prenotarsi contattando il Comune di Lucca all’indirizzo mlombardi@comune.lucca.it.

Lo spettacolo sarà messo in scena anche per le scuole nella mattina del 24 aprile con due rappresentazioni a cui prenderanno parte gli studenti del Liceo delle Scienze Umane “Paladini” e dell’Istituto Professionale “Giorgi”.


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


lunedì, 23 aprile 2018, 17:14

Alle lezioni di giornalismo si parla di esteri con Paolo Di Mizio

Cosa sappiamo in realtà di quello che accade fuori dai nostri confini? L’informazione legata agli esteri è completa, veritiera o si basa spesso su fonti controllate dal potere internazionale? E come si diventa un bravo giornalista di esteri? Tutte queste tematiche saranno affrontate martedì 24 aprile nell’appuntamento con “Le lezioni...


lunedì, 23 aprile 2018, 16:04

Grande successo per la Sfilata di Auto D’epoca al Parco Commerciale San Vito

Si è conclusa con grande successo la manifestazione organizzata dalle attività del Parco Commerciale San Vito che vedeva esposte auto d’epoca ed auto sportive, con relativa sfilata e premiazione finale al Parco San Vito di Lucca, hanno partecipato le auto di Balestrero Lucca, Kinizica di Pisa e Abarth Club Versilia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 23 aprile 2018, 11:27

Seconda giornata del corso di giornalismo della Gazzetta di Lucca, relatore Marcello Mancini

Dopo l’intervento di Stefano Cecchi, questa volta è il turno di Marcello Mancini, giornalista e direttore fino al 2015 del quotidiano La Nazione, dopo essere stato capo cronista e vicedirettore, oggi collabora con La Verità, quotidiano di Belpietro


lunedì, 23 aprile 2018, 11:15

Gasperetti, l’evoluzione del giornalismo

Venerdì 20 aprile, Marco Gasperetti, giornalista del Corriere della Sera, docente di giornalismo all’Università di Pisa, ci ha fatto vivere l’evoluzione del giornalismo in questi 20-30 anni


lunedì, 23 aprile 2018, 11:13

L'avvento di Internet l'atomizzazione delle notizie

A partire dai primi anni 2000 l'inarrestabile progresso della Rete e la nascita dei social hanno scosso sin dalle fondamenta il mondo del giornalismo cartaceo, andandolo a modificare completamente. Questo evento ha provocato una frattura generazionale che si sta acuendo sempre più


sabato, 21 aprile 2018, 12:20

Mancini e la sintesi politica

“La sintesi è fondamentale quando si scrive di cronaca politica” ha affermato Marcello Mancini durante la sua lezione al corso di Giornalismo organizzato da La Gazzetta di Lucca