Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Andrea Lanfri, primo decisivo "passo" verso l'Everest

mercoledì, 23 gennaio 2019, 11:21

Andrea Lanfri ce l’ha fatta. Il primo e più importante passo verso la scalata del monte Everest è stato completato grazie alla generosità di decine di sostenitori. In appena 40 giorni, infatti, l’atleta paralimpico lucchese, in forza a Fiamme Azzurre e Atletica Virtus Cr Lucca, è riuscito a raccogliere con il suo crowdfunding “Everest 2019” più di 9.000 euro. Per l’esattezza 9311, tradotti in metri sarebbero ben più degli oltre 8.000 da scalare della vetta più alta dell’Himalaya (qui il link alla pagina della raccolta fondi https://progetti.ognisportoltre.it/projects/353-everest-2019).

Sul portale Ogni Sport Oltre l’obiettivo minimo era fissato molto più in basso, a “quota” 6500 euro, cifra che la Fondazione Vodafone raddoppierà. Ma Andrea, uomo d’acciaio che neppure una meningite quattro anni fa ha saputo frenare, punta sempre più in alto. E nei primi giorni di gennaio, per convincere tutti che stava davvero facendo sul serio, progettando di essere il primo uomo amputato a gambe e mani a salire sugli oltre 8.000 metri del Tetto del Mondo, ha scalato i 6268 metri del vulcano Chimborazo, in Ecuador.  

Impresa raccontata giorno dopo giorno sui suoi canali social e che ha, se mai ce ne fosse stato bisogno, convinto decine di anonimi sostenitori che in pochi giorni hanno coperto le spese necessarie per organizzare la missione Everest. «Un risultato che non mi sarei mai aspettato e per il quale devo ringraziare le persone che hanno creduto in me – spiega Andrea Lanfri -. Accanto a loro ci sono anche molti partner che mi aiutano nell’organizzazione della missione già da molto tempo. Non posso non citare Italiana Assicurazioni, Ego Wellness, Erredi Design, Art4sport Onlus,Atletica Virtus Cr Lucca e per la parte tecnica l’Ortopedia Michelotti».

Proprio nell’azienda lucchese, infatti, Paolo Denti, il mastro “Geppetto” di Lanfri, sono state modellate le protesi che hanno portato il campione paralimpico sul Chimborazo e che, grazie anche alle donazioni sul portale Ogni Sport Oltre, verranno rese ancora più performanti per l’Everest. «Questo è l’inizio del sogno, senza il contributo volontario di tante persone non sarebbe neanche iniziato – ha concluso Lanfri -. Io mi sto già allenando e da qui a maggio ho già in programma una serie di allenamenti mirati per il Tetto del Mondo. Potrei essere il primo al mondo con amputazioni a gambe e mani a riuscirci, non voglio fallire».

Per Lanfri l’ennesima dimostrazione di forza e coraggio. Poco dopo essere uscito dal coma, nel 2015, pensava già di tornare a fare scalate e a correre. Per riuscirci organizzò, proprio come in questi giorni, una raccolta fondi. E anche quella volta fu un successo clamoroso. L’obiettivo di allora era iniziare a correre in pista, quello che lo aspetta oggi è ancora più ambizioso. Ma non per questo non alla sua portata.    

Sito ufficiale: www.andrealanfri.com

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


q3


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


lunedì, 18 febbraio 2019, 00:01

Buon compleanno Cristina!

Il 18 febbraio è un giorno speciale per Cristina Pardini: compie 9 anni. Mamma Fabiana, babbo Nicola, il fratellino Alessio, Loto, Miao Miao, nonna Luigia, nonna Maddalena, nonno Cesare, gli zii, i cugini e tutti gli amici augurano a Cristina tanta felicità


domenica, 17 febbraio 2019, 00:01

Giovanni e Carmelina, cinquant'anni insieme

Oggi Giovanni e Carmelina di Chimenti, frazione di Altopascio, festeggiano le nozze d'oro. Tanti tanti auguri dai figli Michele, Elisa a Davide


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 febbraio 2019, 18:18

I campioni del ciclismo all'Audi Center Terigi

"Un piccolo evento per qualche cliente appassionato di ciclismo". Così Alessandro Terigi ha definito l'iniziativa con i campioni di ciclismo Paolo Bettini e Michele Bartoli che si è tenuta stamani presso l'Audi Center Terigi a San Concordio. Terigi è inoltre egli stesso un appassionato delle due ruote


sabato, 9 febbraio 2019, 13:37

Isi Barga, la tragedia delle foibe spiegata ai ragazzi

Un incontro intenso quello di stamani (9 febbraio) presso l’aula magna dell’ISI Barga, dove il professor Andrea Giannasi ha parlato ai ragazzi in sala della tragedia delle foibe, fin dalle sue origini più profonde a fine 1700, in occasione del “Giorno del Ricordo”


sabato, 9 febbraio 2019, 08:45

“Italia addio, non tornerò”, presentazione alla Camera dei Deputati

Il docufilm, a cura della giornalista Barbara Pavarotti, prodotto dalla “Fondazione Cresci per la storia dell’emigrazione italiana” di Lucca, verrà presentato ufficialmente alla Camera dei Deputati, in sala Nilde Iotti, martedì 12 febbraio, con ingresso alle 14 (necessario accreditamento)


venerdì, 8 febbraio 2019, 15:04

La prefettura celebra il giorno del ricordo all’istituto “Lorenzo Nottolini”

Si è svolta nella mattinata di oggi all’istituto “Lorenzo Nottolini” di Lucca, la celebrazione del “Giorno del Ricordo”, istituito nel 2004 per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra...