Anno 7°

sabato, 20 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Gli studenti di Lucca a Birkenau

lunedì, 21 gennaio 2019, 15:11

Luciana Pacifici aveva poco più di sette mesi, morì in braccio alla sua mamma rinchiusa nel carro bestiame piombato diretto ad Auschwitz, stremata dalla fame e dal freddo dell'inverno 1944. Di lei resta qualche foto, aveva gli occhi dolci e profondi come la sua mamma. Non può e non deve essere dimenticata. Per questo i ragazzi del Treno della Memoria hanno voluto ricordarla stamani a Birkenau durante la toccante cerimonia legata al progetto Un nome, una storia, una memoria proposto dal Museo della Deportazione e Resistenza, nel contesto dell'iniziativa della Regione che ha portato in questi giorni ad Auschwitz circa 40 studenti e cinque insegnanti provenienti da altrettanti istituti superiori del territorio di Lucca (Pertini, Carrara Nottolini Busdraghi, Barsanti e Matteucci di Viareggio, Piana di Lucca di Porcari, Chini Michelangelo di Lido di Camaiore).

In tutto sono oltre 550 gli studenti (tra questi sessanta universitari) e circa sessanta i docenti, provenienti da tutta la Toscana, che prendono parte all'edizione 2019 del Treno della Memoria promosso dalla Regione, sotto l'Alto patronato del presidente della Repubblica, a cui partecipa anche la vicepresidente Monica Barni. La fase preparatoria e organizzativa del Treno è affidata al Museo della deportazione.

La storia - Luciana era figlia di Elda Procaccia e di Loris Pacifici. Erano tutti insieme nel treno maledetto, partito dal famigerato binario 21 della stazione di Milano. La famiglia Procaccia, originaria della Toscana, viveva da tempo Napoli. I Procaccia ed i Pacifici nell'estate 1943 cercarono rifugio dai parenti in Toscana. Luciana e il suo nucleo familiare, in tutto dieci persone, raggiunsero Cerasomma, una frazione di Lucca. Ma qui, il 6 dicembre, furono denunciati e arrestati dai fascisti. Vennero trasferiti prima nel campo di internamento a Bagni di Lucca, poi nel carcere di Milano, ultima destinazione Auschwitz. Della sua famiglia non si salvò nessuno. La città di Napoli, dove la piccola era nata, qualche anno fa le ha intitolato una strada. Via Luciana Pacifici ha preso il posto di via Gaetano Azzariti, il presidente del Tribunale della razza che dopo il fascismo è diventato perfino presidente della Corte costituzionale.

Cosa dicono insegnanti e studenti - È toccato alla studentessa Giulia Pesetti del Liceo Chini di Lido di Camaiore, rinnovare la memoria di Luciana Pacifici, pronunciando il suo nome a Birkenau durante la cerimonia che ha concluso la visita al campo di sterminio. "Ho imparato cosa vuol dire la parola Shoah, ho appreso, grazie alla scuola e alla mia famiglia, le atrocità commesse in passato che mi fanno riflettere su molte cose, anche del presente - afferma la studentessa Giulia Pesetti - E' importante vedere, fin da piccoli, film e documentari, leggere libri e ascoltare testimonianze di ciò che è accaduto, perché è l'unico modo per non ripetere gli stessi errori. L'informazione, la conoscenza e la cultura sono l'unico mezzo per combattere l'ignoranza e il pregiudizio".

"Mi sono più volte posta il problema, di come trasmettere questa orribile pagina della storia ai miei studenti-– commenta la professoressa Chiara Nencioni, docente al Chini - Penso che  non solo vada contestualizzata nel periodo storico, ma anche attualizzata, confrontando i razzismi di ieri con i razzismi di oggi, i profughi di ieri con profughi di oggi, le guerre di ieri e quelle di oggi".

Il progetto Un nome, una storia, una memoria - Il progetto Un nome, una storia, una memoria costituisce una opportunità che viene offerta ai ragazzi per stabilire un rapporto più diretto e personale con la storia. "Prima di partire abbiamo consegnato ad ogni studente e studentessa il nome di una persona deportata ad Auschwitz da custodire e portare con sé in viaggio per poi pronunciarlo a voce alta davanti ad un microfono il 21 gennaio, al termine della visita guidata e prima della cerimonia davanti al memoriale di Auschwitz-Birkenau - spiegano Aurora Castellani e Camilla Brunelli, presidente e direttore della Fondazione Museo della deportazione che ha sede a Prato - Ogni storia individuale, dalla persecuzione alla deportazione e nella maggior parte dei casi fino alla morte, comprende già ogni aspetto della tragica storia dello sterminio nazista".

Scuole, insegnanti e studenti - Di seguito l'elenco delle scuole superiori, degli insegnanti e degli studenti del territorio di Lucca che in questi giorni prendono parte al Treno della memoria.

Liceo scientifico Barsanti e Matteucci Viareggio - Docente Daniela Sofia Elicio. Studenti: Mattia Vargas, Arianna Ganovelli, Giulia Rogai, Ettore Gorla, Alessandra Polloni, Eleonora Failla, Sofia Stegetti, Sara Gamba.

ISIS Piana di Lucca Porcari – Docente Lorenzo Cesana. Studenti: Micòl Ricci, Elisa Del Carlo, Lorenzo Bonechi, Benedetta Martinelli, Giorgio De Girolamo, Linda Lecis, Alberto Menconi, Sofia Francesconi.

ISS Carrara Nottolini Busdraghi Lucca – Docente Paola Rafanelli. Studenti: Daiana Bartolini, Marco Bertilotti, Pietro Chiavacci, Lorenzo Cusato, Gaia Mazzatenta, Tahsim Mezi, Nicholas Roffo, Matteo Stefanelli.

ISI Pertini Lucca – Docente Alessandra Cancellotti. Studenti: Klementina Dervishi, Oumaima Dalili, Oumaima Izouhar, Alessandro Giannecchini, Letizia Ulivi, Mariasole Lazzareschi, Marika Meola, Beatrice Mangani.

IIS Chini-Michelangelo Lido di Camaiore – Docente Chiara Nencioni. Studenti: Margherita Valeria Innocenti, Laura Ghilarducci, Rebecca Karin Lazzotti, Natascia Marchetti, Ionela Mihaela Fulga, Andrea Benassi, Margherita Puccetti, Giulia Pesetti.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


auditerigi


Orti di Elisa


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


venerdì, 19 aprile 2019, 15:39

In arrivo i festeggiamenti per i 650 anni dalla fine del dominio pisano

Era l'8 aprile 1369 quando l'imperatore Carlo IV emise il proclama che restituiva a Lucca l'indipendenza, ponendo fine al dominio pisano. In memoria di quella data fu istituita la Festa della libertà, che cadeva la prima domenica dopo Pasqua


venerdì, 19 aprile 2019, 14:55

Il 27 aprile Lucca celebra la Festa della Libertà: celebrazioni religiose, rievocazioni storiche e convegni

Lucca si appresta a celebrare la festa della Libertà, una cerimonia che affonda le radici nella storia del tempo. Era infatti il 1369 – in particolare l'8 aprile – quando Carlo IV emette un proclama che restituisce alla città di Lucca l'indipendenza e la libertà politica dalla dominazione di Pisa


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 17 aprile 2019, 17:58

In palestra si dorme? Sì, anche. Ego Wellness Resort, nel mese green, presenta il napping

Straordinariamente, in questo mese di aprile, anche Ego Wellness Resort ha ospitato l’esperienza del napping, grazie alla collaborazione con La Casa del Materasso che ha messo a disposizione i suoi materassi e cuscini, trasformando lo Studio 1 del Resort in una vera e propria camera del sonno. Le due sessioni...


mercoledì, 17 aprile 2019, 17:09

3° prom di primavera: musica e solidarietà al Foro Boario grazie all'associazione Alice Benvenuti onlus

Una serata di musica e allegria ma senza dimenticare la beneficenza: questi sono gli obiettivi del terzo prom di primavera, iniziativa, che si terrà domani 18 aprile alle 21 al Foro Boario, animata da gruppi musicali e dj, e che è stata organizzata dall'associazione Alice Benvenuti onlus


lunedì, 15 aprile 2019, 14:04

Arriva la 4^ edizione di "Lucca Bimbi", il grande evento dedicato ai bambini e alle famiglie

Tra le novità di questa 4^ edizione di Lucca Bimbi, l'Area preistorica, con i cuccioli di dinosauro, lo scavo paleontologico, la nursery con i baby dinosauri e la ricostruzione di un campo da caccia preistorico, con tante attività e laboratori da fare seguiti da un'autentica archeologa, la dottoressa Marcella Parisi,...


venerdì, 12 aprile 2019, 19:21

“Italia anni dieci o dieci anni di Italia”, un esperimento di drammaturgia collettiva

Sabato 13 aprile si concluderà con l’ottavo appuntamento il V Festival Regionale di Teatro amatoriale “Il ToscaNello” organizzato dalla F.I.T.A. - Federazione Italiana Teatro Amatori - Provinciale di Lucca e Regionale della Toscana, in collaborazione con il Comune di Lucca, al Teatro Comunale “Idelfonso Nieri” di Ponte a Moriano