Anno 7°

martedì, 7 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Celebrazioni di Vincenzo Lunardi in Portogallo: Raffanti incontra il presidente del consiglio comunale di Lucca

mercoledì, 6 marzo 2019, 22:10

La riconosciuta e quasi tradizionale lentezza culturale verso una stabile celebrazione dei personaggi storici che, con i loro natali hanno in vari campi e nel mondo dato lustro alla lucchesità, sta forse venendo meno?

Se lo auspica Massimo Raffanti, giornalista e scrittore che dal 1984 si dedica alla divulgazione dell’ aeronauta Vincenzo Lunardi: il padre della moderna scienza spaziale.

Su questa tematica culturale, Raffanti ha stamani incontrato Francesco Battistini, Presidente del consiglio comunale di Lucca, cui ha notificato un personale invito giuntogli da alcune città del Portogallo che, in riconoscimento del lavoro da lui svolto, lo hanno invitato ad una serie di celebrazioni in onore del pioniere.

C’è di più: nella lettera giunta a Raffanti, da lui prontamente girata al Comune di Lucca, viene anche invitata una rappresentativa del Consiglio comunale che, a breve, dovrebbe ricevere il programma ufficiale dell’importante evento.

“Vincenzo Lunardi, l’indomito aeronauta lucchese che nel settecento, notissimo alle regnanti Corti europee, in particolar modo a quelle anglofone, spagnole e portoghesi, continua dunque a far parlare di sé nonostante l’oblio della la sua città natale.

Non a caso il padre della mongolfiera (certo antesignano all’altro importante uomo d’aria Del Prete) fu invidiato ed osteggiato in patria, scegliendo di esiliarsi in un convento portoghese, dove poverissimo morì nel 1806 a Lisbona.

Dunque a distanza di ben 213 anni, ben due amministrazioni portoghesi stanno dimostrando interesse a quel “Puccini dell’aria” cui, in occasione di un importante volo sul Prato del Marchese di Lucca, fu per invidia fornito “cattivo idrogeno”; ciò nonostante, Lunardi si fosse reso protagonista di eventi aerostatici mondiali.

“Sul Prato del Marchese -ha riferito Raffanti a Battistini- proprio vicino alla Cavallerizza ed alla “Via del Pallone, dove Lunardi compiva i propri esperimenti di volo con l’idrogeno, quale “Balloon Club” già avanzammo la nascita di un definitivo  “Porto Aerostatico”.

Non sono necessarie infrastrutture fisse ma solo una targa e la possibilità offerta dalla nostra A.C di consentire ai turisti di levarsi in volo sulla città di unaeronauta che ahimè, a tutt’oggi, risulta perfino fuori dai circuiti delle guide turistiche.

 

Con l’invito rivoltoci dal Portogallo -ha concluso Raffanti - mi auguro possa finalmente iniziarsi un cammino che possa rendere giustizia ad un lucchese cui si deve un impegno scientifico riconosciuto un po’ in tutti i paesi dell’Europa dei Lumi, compreso naturalmente il Portogallo che con noi ha stabilito un contatto.

L’omonima associazione culturale da me fondata, il Vincenzo Lunardi Balloon Club (www.luccaballoonclub.it) chiosa Raffanti - ha del resto avanzato anche altre proposte alla città : fra queste una possibile “Lucca-London-Expedition”: un grande evento mediatico, culturale, turistico e sportivo che, coinvolgendo le nostre mongolfiere in un commemorativo volo aerostatico sulla City, può gettare le basi per un un prezioso “patto d’amicizia” con la comunità londinese, visto che Abingdon, città con cui è già gemellata Lucca, si troverebbe totalmente fuori dai luoghi del primato lunardiano.

“La cultura è un impegno da riconoscersi sull'operato delle genti e non un piatto di allegre sardine su cui, a vario scopo e, soprattutto da ultimi arrivati ci si possa gettare, ben lontani dall’universalità di una celebrazione che va ben oltre ogni steccato politico o vaglio “dei soliti noti””- spiega Raffanti, cui si deve fra l’altro la pubblicazione di “Volare in Mongolfiera (Ed. Pezzini Viareggio)”, un importante libro sull’ aeronauta lucchese.
Oltre al volume che gode delle prefazioni della Contessa Caproni dell’omonimo Museo Storico-Aeronautico di Trento e dell’ Assessorato alla Cultura del Comune di Lucca, lo scrittore, grazie al patrocinio dal Rotary Club Montecarlo -Piana di Lucca ha anche girato il primo cortometraggio sull’ aeronauta scegliendo quale "location" un'antica villa dove, in abiti settecenteschi, il personaggio ripercorre la propria vita. (Vedi qui: https://youtu.be/8s0duFzZsr4)

 

 

A.C. “Vincenzo Lunardi Balloon Club”

www.luccaballoonclub.it

 

Vincenzo Lunardi Balloon Club Facebook:

https://www.facebook.com/Vincenzo-Lunardi-Lucca-Balloon-Club-60196783233/


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

toscano

auditerigi

Orti di Elisa

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


venerdì, 3 aprile 2020, 13:34

Coronavirus, Cipollini ci 'piomba' addosso e ci scatta una foto perché siamo senza mascherina

Tra gli effetti causati dal Coronavirus c'è anche, probabilmente, quello di trasformarsi, per l'ex campione del mondo di ciclismo, in fotografo e piazzarsi davanti al viso di qualcuno per immortalarlo


mercoledì, 1 aprile 2020, 10:14

Al San Luca una colomba pasquale per ringraziare medici e infermieri della dialisi

In questi giorni terribili un gesto di umana riconoscenza da parte di un ricoverato alla dialisi del San Luca di Lucca che ha commosso tutto il personale del reparto


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 30 marzo 2020, 20:36

Dante Giampaoli e la sua canzone sul coronavirus

In questo periodo, chiusi nelle loro abitazioni, gli italiani una ne fanno e cento ne pensano: ciascuno trova nelle proprie passioni, abituali o nuove, il modo per trascorrere il tempo e tenere alto il morale


sabato, 28 marzo 2020, 12:11

Un pronto soccorso pediatrico-chirurgico al poliambulatorio Baby Doctor


mercoledì, 25 marzo 2020, 19:37

La poesia di Denise Mecchia

Lei è Denise Mecchia, frequenta la 4^ B alla scuola primaria Collodi di San Concordio, ha nove anni e mezzo e dal suo meraviglioso cuoricino è nata questa poesia


martedì, 24 marzo 2020, 08:36

Covid-19: è emergenza anche per le Gazzette. Tienici in vita!

In un momento delicato come questo nel quale l'emergenza Coronavirus ha immobilizzato i pagamenti e ingessato i crediti, anche le Gazzette, come tutte le attività che vivono di introiti pubblicitari privati, rischiano di esaurire le proprie risorse entro pochi mesi